giovedì 31 dicembre 2009

Largos annos ditzosos a totu sos amigos de su Blog

A totu sos de su Blog lis àuguro annos meda de ditzosia, salude e trigu
Auguro a tutti gli amici del Blog molti anni felici, in salute e prosperità

18 commenti:

Pierluigi Montalbano ha detto...

Gratias.
Kum salude a tottus.

Anonimo ha detto...

¡"Lo mismo dijo"!

A tottusu!

Marco Pinna

Anonimo ha detto...

Auguri! - B. Adriano

Anonimo ha detto...

Buon anno!

Pietro Murru

Sisaia ha detto...

Grandioso 2010 a tutti.
Sisaia

piero ha detto...

auguri a tutti

gigi sanna ha detto...

Chi s'annu chi est intrande e chentu de sos annos benidores bos agatent in salude, paghe e allirghia.

Anonimo ha detto...

Francu Pilloni scrit:

Comente sardu seu prudenti, no fazzu mai su passu prus longu de sa camba.
Lassaim' poni pei in s'annu nou e pustis inci buffaus appizzus.
Canduchinò faeus comente is duas sennoras de Casteddu de susu chi, candu certant, si donànt de bagassa s'una cun s'atera. Cun su fillu de s'una chi naràt a sa mamma: accudassinci, mammai!
In donnia modu, grazias po is augurius de totus.

maurizio ha detto...

Spero che l'anno a venire sia un buon anno per tutti.
Spero fortemente che ognuno di noi comprenda che non siamo "amici" o "nemici", per le tesi diverse che sosteniamo.
E' questo - talvolta - un certame intellettuale, è vero. Ma non deve mai perdere di vista la necessità di tendere - sempre e comunque - ad una composizione delle posizioni distinte, per quanto distanti esse possano essere o sembrare, all'inizio.
Spero che ognuno di noi riesca ad immaginare - abbiamo la necessaria fantasia? - di non essere di fronte ad una tastiera, ma di essere di fronte ad una PERSONA, ogni volta che leggiamo un'ipotesi che non condividiamo...
E, soprattutto, che ciascuno di noi non si lasci più sfuggire espressioni che sembrano forse nulla, scritte frettolosamente ad una tastiera, ma non confortano certo una persona, con la propria sensibilità tutta umana.
Mi ripropongo, per il futuro, di attenermi io per primo a questi desideri.
Conosco i sardi come persone squisitamente gentili, di una gentilezza antica, che meriterebbe uno studio antropologico, storico e genetico già di per sé.
Uno studio che ci vedrebbe probabilmente più uniformemente raccolti intorno alla medesima opinione.
Ecco, io mi auguro meno conflitti PERSONALI e più distacco intellettuale, per il futuro.
Ed auguro a tutti un Felice Anno Nuovo: non so farlo in limba, per cui mi limito all'italiano, con tutta sincerità, rivolgendomi con uguale intensità a coloro che conosco già tempo ed a coloro che ho incontrato solo qui.
Auguri!
Maurizio Feo.

Anonimo ha detto...

Gràtzias a su meri de domu e a totu is àterus po is augùrius sintzillus. Augùrius mannus a totus. Po chi s'annu nou diciosu si portit totu su chi disigiais!

Pàulu Pisu

Anonimo ha detto...

-O su dottori, ita tengu?
-No ses prus fendi a bonu, cumente prima.
-E ita nci potzu fai?
-Unu studiu nci 'olit. Unu studiu
de genetica, po biiri inui catzu
s'ind' est andada cussa gentilesa antiga, ca mi praxiat meda.
- E cussu Geneticu mi dd'at a torrai sa gentilesa?
-candu t'ap'ai mesurau, pesau, e
forrogonau in su sanguni ti dd'apu a nai. Ma accaba dda cun is chistionis, ca mi trumentas.
Candu unu cumenti a mei ti narat calencunu sciolloriu, ti ddu papas,
e castia a mantenni sempiri su
respettu.

S'annu no est accabau duncas...
Po s'annu chi 'enit fatzu a bonu
de siguru.
Balaus et annus bonus a totus.
R.L

CARLO CARTA ha detto...

Saludi e trigu a tottus e spereusu ka su 2010, siada unu pagu mellusu (s'accuntentausu!) de su duamillaenoi! Kust'annu d'ollu incarrerai aicci: unu indovinellu trexentesu: "E cal'esti cuddu meri chi a una cert'ora, imperriada e sfruttada sa srebidora. E de su fruttu chi potada, in sa bertuledda, n'di prenidi una pingiadedda. E po mostrai ca es prus abili de cundutta, issu est asuba, e sa srebidora asutta." .
Questo indovinello è un po come la metafora della Sardegna, doma, prona, sempre pronta a farsi mungere. Ed i Sardi? Sempre pronti a litigare tra loro...Il bello è che c'è ancora qualcuno che continua a domandarsi sulle cause che portarono al crollo della Civiltà Nuragica!
Ecco che il 2010 sia veramente l'anno della riconciliazione tra Sardi, l'anno del rispetto e del riconoscimento reciproco!

A si biri mellus!

Carlo Carta

Anonimo ha detto...

Auguris mannus po su 2010 a tottus!

Mauro Peppino

larentup@gmail.com ha detto...

A totu sos amicos de su blog de ZF e... a isse puru.

Est bennidu a nou s'annu
pro nos dare cuntentesa,
b'apat aunzu in sa mesa
e amore in coro, mannu.

Anonimo ha detto...

Francu Pilloni scrive:

Mi è tornata in mente una filastrocca che imparai da mio nonno: ve la propongo in perfetto marmillese, nasalizzazioni comprese e non esplicitate. Vedrete come non siamo più quelli di una volta, stante il fatto che oggi non facciamo che chiedere e chiedere, mentre una volta la gente faceva promesse e contava sulle proprie forze solamente:

Annu nou, annu nou,
Ses benìu che su trou,
Ses benìu che su lampu.
Si occannu m’indi scampu
De su cancuru e s’arrabiu
E di atru mali crabiu,
deu mi sterru a fai s’arti
e traballu e pongiu a parti
e si pozzu mi ‘essu a sou.
Annu nou, annu nou.

Metto invece le mie banali riflessioni sul nuovo anno (oggi mi fa un po' male la testa, era inevitabile!) usando malamente due delle maggiori espressioni della poetica sarda, l'ottava e su muttettu campidanesu a schina de pisci:

Annu noeddu galanu,
Nasciu cun Luna prena
Immoi a tassa in manu
Pongiu acabbu a sa cena:
allaba chi abarri sanu
e siga sa vida terrena.
Annu galanu noeddu,
donamì tui su fueddu.


(sterrida)
Annu ses nasciu assustrau
Po is bombas zaccadas in terra,
su celu de luxi bis tintu
cun frarias chi ferint is ogus,
una festa de civilidadi
chi sene nisciuna pregonta
est intrada cun genti aresti
e in logu nostu est frorida.

(torrada)
Sa vida contat giogus de gherra
Ma chi hat bintu no s’est sarvau.

(Spiegazioni e traduzioni eventuali in italiano solo a richiesta).

Auguri a tutti, se sono ancora in tempo.

marcellu lampis ha detto...

sonada bei francu pilloi,da connoscia deu puru,itta nai..attrus tempus,prima incrubanta sa schia e traballanta chenza de fueddai,chi aberrianta sa ucca fiada scetti pò cantai lassendu a perdi su sciolloriu

bonu annu nou a tottus,de su meri de omu a tottus cussu cki ligginti, a du passai cun salludi meda

Giorgio Cannas ha detto...

A mei puru è arrogadada una "filastrocca" in sadru.
A fibai e tessi non podidi essi, a tessi e fibai non poidessi mai. Ma lassai de tessi fibai de pressi, pò torrai a tessi già podidi essi.
Bonu annu a tottus
Giorgio Cannas

Giorgio Cannas ha detto...

A mei puru è arrogadada una "filastrocca" in sadru.
A fibai e tessi non podidi essi, a tessi e fibai non poidessi mai. Ma lassai de tessi fibai de pressi, pò torrai a tessi già podidi essi.
Bonu annu a tottus
Giorgio Cannas