lunedì 17 maggio 2010

Gli eversori dell'archeologia costituita si contano

Bene cominciamo con il primo passo: sottoscrivendo questa dichiarazione che compare sul sito Firmiamo.it. Raccolto un congruo numero di firme, il documento sarà inviato al Consiglio regionale, al Governo sardo e ai parlamentari eletti in Sardegna.

E' ferma intenzione dei firmatari di questo documento pretendere dalle autorità accademiche sarde e dai responsabili delle Soprintendenze archeologiche della Sardegna risposte a queste domande:


1. E' vero o non è vero che in un certo giorno di una trentina di anni fa, fu ritrovato a Villanovafranca un coccio presuntivamente del XIV secolo avanti Cristo che presentarva iscrizioni cuneiformi, come tali individuate da un assirologo della fama del prof. Giovanni Pettinato? E se sì, la persona che lo ritrovò e che oggi dirige un importante museo territoriale che ne ha fatto, a chi lo ha mostrato, che notizie ha raccolto su quell'antico reperto? 


2. E' vero o non è vero che da qualche parte, esiste una navicella nuragica, trovata nei pressi di Teti, la quale presenta evidenti segni di scrittura? E se è vero, quando e dove sono stati pubblicati gli studi che naturalmente devono esser stati pubblicati dagli esperti della Soprintendenza che l'hanno ritrovata e esaminata? 


3. E' vero o non è vero che un giorno precedente il 5 febbraio 2010, in regione Capichera, fu trovata una ceramica con una “misteriosa scrittura” come riferirì il telegiornale della emittenta sarda Videolina? E se sì, che ne è stata della ceramica e che cosa hanno scritto su quella ceramica gli archeologi che per la Soprintendenza hanno fatto gli scavi?


4. E' vero o non è vero che nei pressi di Pozzomaggiore, in data non precisata è stato ritrovato un coccio di ceramica con evidenti segni di scrittura? E se si, che ne è stato del reperto e che interpretazione ne è stata data dai funzionari dello Stato che dovrebbero averla in custodia?


Questo testo, insieme alle firme e agli eventuali commenti, sarà presentato quanto prima al Consiglio regionale della Sardegna, al Governo sardo, ai parlamentari eletti in Sardegna perché facciano proprie queste domande, attraverso interrogazioni, interpellanze, mozioni e quanto altro riterranno più opportuno.
 Alle firme sotto questo documento saranno aggiunte quelle raccolte su Facebook allo stesso scopo.

PS - Coloro che hanno già espressoin questo blog la loro adesione alla iniziativa, sono naturalmente invitati a firmare il documento.

9 commenti:

shardanaleo ha detto...

Ho postato il link della petizione sul mio forum e sul mio blog di facebook... migliaia di contatti contemporaneamente ... STANOTTE fioccheranno le firme...
vamos!
leonardo

Gigi Sanna ha detto...

Bene. Ognuno faccia la sua parte. E anche di più. Ne vale la pena. Perchè la posta è immensa.

illiricheddu ha detto...

"stanotte fioccheranno le firme"

Alle ore 18,57 il display mostra la bellezza di 119 firme (tutte autentiche?). Non per sfottere, ma con 119 coscritti Garibaldi tuttalpiù andava a Quinto. O cresce il montefirme, o se no c'è solo da arruolarsi nei Shardanaleone.

Musky ha detto...

Io firmerei anche ma che razza di domande sono??
Cosa vuol dire un certo giorno in un certo posto?
facciamo ridere i polli. Ma chi la fa la interrogazione parlamentare con queste domande

zuannefrantziscu ha detto...

Caro Musky
ma lei pensa che se si conoscessero tutte le coordinate dei fatti, veri e testimoniati mi creda, ci sarebbe bisogno di fare domande?

Grazia Pintore ha detto...

Che gioia!!! Tutti i giorni guardo le firme della petizione e vedo quanto aumentano,sono veramente felice.Signor Muski se vuol firmare firma altrimenti lasci perdere,non si preoccupi.

zuannefrantziscu ha detto...

@ Illiricheddu
Lanciando l'idea di sottoscrivere il documento che, con piacere, ho visto firmato anche da lei, avevo in mente di raccogliere intorno alle 25 firme. Fra quelle raccolte in Firmiamo.it e le raccolte in Facebook, si avvicinano alle 300. Non male, le pare?
Non per sfottere, ma nessuno di noi ha voglia di annettersi territori altrui.

zuannefrantziscu ha detto...

@ PS
Ho appena notato che uno dei soliti imbecilli - ahimè inevitabili come le zecche sui cani - ha usato il nome del presidente americano. Che pena.

Mauro Peppino Zedda ha detto...

Caro Illiricheddu Garibaldi con mille uomini (tralasciando l'appoggio del grande oriente e...) conquisto il regno delle due Sicilie chissà se Zuannefranciscu (con i suoi prodi) riuscirà ad avere qualche risposta dagli intorpiditi archeologi sardi.