mercoledì 30 giugno 2010

Sisara, una vecchia conoscenza per i miei lettori

di Leonardo Melis

Caro Gianfranco,
a proposito di Sisara e dei sardi-Shardana, vorrei segnalare ai lettori quanto scrissi nel 2005 in "Shardana: i Principi di Dan", partendo dall'episodio descritto in Judici IV-V: ”Jabin, un re cananeo, che regnava in Asor e aveva per condottiero dell’esercito Sisara (un generale dei mercenari Shardana di stanza in Palestina per conto dei Faraoni, n.d.A.) che abitava in Aroset Goim, forte di 900 carri ferrati, oppresse duramente i figli d’Israele per 20 anni....
In quel tempo era Judice in Israele Deborah... giudicava le cause fra Rama e Bet-El sui monti di Efraim... Deborah andò con Barak in Qades, radunò Zabulon e Neftali, 10.000 combattenti”. A causa dello straripamento di un torrente, i carri di Sisara si impantanarono ed egli fu sconfitto. Ma nel Cantico di vittoria che segue alla battaglia, Deborah si lamenta: “E Dan perché se ne sta sulle navi? Aser ha preso dimora sul lido del mare e nei suoi porti vive tranquillo...” 
Cosa era accaduto? Deborah aveva cercato di radunare le tribù per scacciare i mercenari insediati nella regione di Manasse, presso il Monte Carmelo, ad Haroset Goim (El-Awaht?). Dan, però, fece orecchio da mercante, sia perché Sisara (Si-Shar) e i suoi erano Shardana, quindi loro fratelli, sia perché Israele si ricordava di Dan solo quando c’era da combattere. Con Dan, anche Aser si guardò bene dall’intervenire per le origini comuni (Aser era composta da Tjekker e da Shardana, una delle famiglie dominati era quella dei Shar e lo stesso nome della tribù contiene questo appellativo: A-sher).
Vogliamo ancora rimarcare il fatto che Israele uscì dall’Egitto sotto la scorta dei mercenari Tjeker e Shardana, inclusi rispettivamente nelle tribù di Aser e Issacar i primi e nelle tribù di Dan e Zabulon i secondi. Prova ne sia il fatto che, una volta che queste tribù se ne andarono a Nord (verso il Libano, dove erano stanziati altri Popoli del Mare), i poveri Ebrei cominciarono a buscarle dai vicini (soprattutto Pheleset - Filistei) e ci fu bisogno dei Judici per difendersi, anche perché i figli di Jacobbe poco avevano appreso di guerra durante l’Esodo, nonostante i racconti trionfalistici del libro di Josué. E la presenza di un esercito oppressore in Haroset Goim (El Hawat?), appena qualche lustro dopo la “Conquista” della terra Promessa conferma pienamente quanto sosteniamo.

Nella foto: bronzetto trovato ad Abini (Teti), quattro occhi e quattro braccia, come il mitologico Marduk. “Mi piace pensare” scrive Melis nel suo libro “che sia proprio Sandan”.

15 commenti:

shardanaleo ha detto...

"E da ultimo: se Dan e Asher non si sono uniti agli Israeliti in battaglia contro Sisara per il motivo che dici tu, perchè invece non hanno aiutato lui? avrebbe dovuto esserne contenta Deborah di questa "defezione" invece di incavolarsi, o ragiono male?"
Cara... mai sentito parlare di NEUTRALITA'/LEALE?

DedaloNur ha detto...

Diamo atto a Leo di aver elaborato e pubblicato prima di Zartal la tesi su SIsara sardo.
ora non rimane altro che leggere come l'ha elaborata e argomentata l'archeologo di Haifa...

shardanaleo ha detto...

Quello del pungolo da buoi è una delle stupidde esagerazioni del Vecchio testamento. Purtroppo il libro di Josueh e JUDICI è sono inventati di sana pianta. ma ne parleremo in altro luogo. E' invece importante l'altra arma, quella di SISARA e dei suoi mercenari. UNA SPADA A CUNEO del tipo medinet Abu (Shardana) o se preferiamo di S. IROXI (sardinia). Armi diverse da quelle usate in quel tempo in Palestina.
a breve posterò il materiale trovato ad AL AWAHT dall'equipe di zertal (così accontentiamo anche Dedalo). Vedremo che i collegamenti con Egitto/Sardinia sono innumerevoli.
leonardo

ADG ha detto...

@Atropy 30 giugno 2010 18.37

Lo so,De Santillana fa quest'effetto,
ci sono passato anch'io!

1) p.s.: ci manchi!
2) alla spiaggetta della necropoli ci vado da una vita.Magari un caffè da Tore! Tanto mi cucchi di sicuro. Fidati!
ADG

Mauro Peppino Zedda ha detto...

Caro Leo ,
che nel III e nel II millennio a.C. vi siano delle corrispondenze tra la cultura materiale egizia e quella sarda non l'ha mai messo in luce nessuno.
Se riesci (seriamente e ovvio) a fare questi confronti con dovizia, in modo serio, mettendo in parallelo oggetti cronologicamente coevi, bisognerà fare una petizione per farti dare il nobel per l'archeologia!
aspettiamo dunque quanto hai annunciato!
Attenzione a te però, così facendo confermerai la teoria di Ugas e Zertal e non la Tua!

shardanaleo ha detto...

posto un estratto da
"Shardana i Principi di Dan" ed. 2005

--
-- vediamo alcuni dati presi a prestito da quanto fornito dal prof. Zertal e dalla sua equipe:
• Il sito sta a 325 m. sul livello del mare, da cui dista 18 km.
• Abitato per 50-60 anni e abbandonato nel 1180-60 a.C. circa.
• Sono stati rinvenuti degli scarabei col cartiglio di Ramesse III e uno del XV secolo a.C. (Toth-Mose III). Uno scarabeo filisteo. Un tappo di bottiglia a testa d’ariete del tipo usato in Egitto.
• Nei pressi vi sono altri quattro siti similari.
• Nessuna traccia di distruzione.
• Area complessiva: circa 30.000 mq.
• Muro di cinta spesso 5-8 m. e alto 4-6.
• Capanne a copertura a Tholos (del tipo sardo).
• Un forno fusorio del ferro.
• La torre ritrovata (che ha fatto pensare ai nuraghes) 10x15 m.
• Ritrovate ceramiche di tipo “nuragico” (ma noi precisiamo: shardana). Frammenti di ceramica con decorazioni “a spina di pesce”, tipiche della Sardinia.
Questa descrizione potrebbe indicare più di uno fra i siti citati dalla Bibbia, come: Mageddo, Tanak, Haroset Goim, Dor e Hasor. --

Da: "Shardana i Principi di Dan" ed. 2005 di Leonardo Melis

shardanaleo ha detto...

ATROPA scrive:
--Ovviamente non ti sará sfuggito, o se ti é sfuggito te lo dico io, che la parola usata in Gdc. 4:2 per "capo" e riferita a Sisara é ShR (Shin-resh), quel ShR di cui abbiamo discusso n-volte, con n-tendente all´infinito..---
Spiegati, nell'altro post avevi contestato questa mia interpretazione (SHER=CAPO (principe, generale).
nel mio libro del 2005 io scrivo: "SI-SHAR, per indicare il significato del nome SISARA.
LEONARDO

shardanaleo ha detto...

ATROPA scrive: --E da ultimo: se Dan e Asher non si sono uniti agli Israeliti in battaglia contro Sisara per il motivo che dici tu, perchè invece non hanno aiutato lui?
avrebbe dovuto esserne contenta Deborah di questa "defezione" invece di incavolarsi, o ragiono male?--
RE:
DAN era ancora FEDERATA alle altre 12 tribù e i shardana erano fedeli (vedi Qadesh) ai trattati e contratti. ma non poteva andare a combattere contro dei fratelli (sisara e quelli di al awaht)senza un valido motivo.
SE i Sardi non avessero partecipato alla II guerra mondiale, credi che il re non si sarebbe incavolato? (scusa il paragone infelice).
Comunque DAN aveva anche un altro un valido motivo per NON partecipare.
la DIVISIONE dei territori fatta da Joseh dopo la conquista esclude DAN, pur essendo uno fra i maggiori artefici della conquista stessa. La Bibbia trova una scusa scrivendo che "DAN non seppe conquistarsi il territorio"... balle! A parte che si trattava della tribù più bellicosa, ma il terriotrio era stato conquistato INSIEME e si era d'accordo a una spartizione equa. Ed equale.
Infatti DAN si dovette ACCOMODARE in un piccolo spazio a sud di Juda e vicino ai fratelli PHELESET.. prima della conquista di LAIS (CITTA DI DAN).
Leonardo

shardanaleo ha detto...

DAI ritrovamenti si evince l'identità della cittadella... SHARDANO/EGIZIA. Sono stati reperiti
1) Ritrovate ceramiche di tipo “nuragico” (ma noi precisiamo: shardana). Frammenti di ceramica con decorazioni “a spina di pesce”, tipiche della Sardinia.
2) • Sono stati rinvenuti degli scarabei col cartiglio di Ramesse III e uno del XV secolo a.C. (Toth-Mose III). Uno scarabeo filisteo. Un tappo di bottiglia a testa d’ariete del tipo usato in Egitto.

NON crediamo che tale ritrovamento volgia significare che la cittadella fosse JUDEA. Del resto nè Judei nè kananei usavano abitare in città fortificate. Certo si rammenta LAHIS distrutta dagli ASSIRI. Ma questa città era delle Tribù del Nord (Fra cui proprio DAN e ASER) che con i Judei Non avevano affatto le affinità che la Bibbia (scritta dai judei) descrive.
leonardo

Gigi Sanna ha detto...

Già cara Aba, qui l'epigrafia e la linguistica, come vedo, non contano nulla. SISARA vale SISSARA: e come no? Nè vedo linguisti che cercano di mettere un po' d'ordine. Come se una sibilante, soprattutto in semitico, valesse l'altra!
Sisara non c'entra nulla con Sassari nè con il nuraghe Sessar. Credo di aver già dimostrato che le due sibilanti 'shin' sono presenti nel frontone del Nuraghe Aidu 'Entos che riporta in SESSAR semplicemente la voce semitica 'rosso' (ShShR). Basta prendersi un vocabolarietto di ebraico mica i volumi del Clines!
Il nuraghe di Aidu Entos è chiamato semplicemente Nuraghe Rosso (Nurache 'orrubiu/arrubiu'), così come sono chiamati decine e decine di nuraghi della Sardegna.
Attendiamo però la pubblicazione di tutto il saggio e vediamo quanto c'è di documentazione esterna ( fonti egiziane ed ugaritiche) e fonti sarde nuragiche. La parola Shardan scritta più volte è proprio roba da gettare alle ortiche? Si preannuncia già un 'galil' toponimo sardo ( luogo della tribù dei Galilenses) da ricondurre al Galil territorio dei Shardan.Bene. E tutte le altre parole semitiche dei settanta e più documenti nuragici rinvenuti?
Ripeto però: attendiamo.

shardanaleo ha detto...

teniamo sempre presente che non esiste solo AL AWAHT come presenza SHARDANA.
Gli archeogiusti israeliani hanno DOCUEMNTATO ben altri 3-4 siti con la DOCUMENTATA presenza di questi GUARRIERI SARDI:
- AKKO è citata nei testi egizi coem loclità di residenza di una guarnigione shardana al soldo dei faraoni ancora nel XIII sec. CERAMICHE di tipo SARDO sono state ritrovate in loco. SCUSATE se è poco!
- TELL DAN è documentata dai ritrovamenti di STATUE e DI STELE con SCRITTURA documentante la presenza dei SHARDANA.
- BETH SEAN risulta dai testi ASSIRI come abitata dai guerrieri che prestavano servizio nella GUARDIA REALE di SARGON II.
- SHEMA è il nome del comandante dell'esercito di JEROBOAM, nome titpico SARDO. Il ritrovamento del suo CARTIGLIO/SIGGILLO aiuta anche a docuemntare l'esitenza dei re Israeliti ... a cominicare da JEROBOAM...
- IL SIGGILLO DI SHEMA lo abbiamo e...
KUM SALUE
LEONARDO

illiricheddu ha detto...

Vorrei (ri)dire la mia sull'iscritta Sessar, secondo il Sanna tradirebbe il semitico Sessar 'rosso', sull ascoarta del fatto che spesso i nuraghi hanno denominazioni coloristiche. Io già dissi invece che esiste una tribuù illirica detta Sessareti. Ho controllato: il nuraghe Aidu Entos sorge su un pianoro. Volete mica sapere come si dice pianoro in albanese?

shardanaleo ha detto...

X Illiricheddu: hai mai pensato a un'eventuale presenza di PdM (shardana) da quelloe parti? Risulta che insediamenti di Shardana provenienti dall'egitto si insediassero ad esempio più a Nord, fondando il santuario di DoDONa. L'Oracolo che le DANAidi portarono da SIWA... chissà? Non volgio dire che l'ILLIRIA o l'ALBANIA abbiano una lingua derivata dallo SHARDNA... ma una comune origine sarebbe più SAGGIO e facile da sostenere.
Kum Salude.
Leonardo

illiricheddu ha detto...

Tutto si può pensare, però se i Paleosardi si son mossi da Occidente verso Oriente (è il leitmotif di questi ultimi giorni) corredato invero da qualche elemento mitico e possibilmente archeologico, dovrebbe trovare più sostanziazioni. Ribadisco uno dei miei punti fermi: il mito parla di Aristeo e Jolao (tebani, zona con contatti illirici) giungono in Sardegna. Due statuette testimoniano la veridicità di questi arrivi. Vogliamo pensarci un po' a 'sti due e alla loro figliolanza? Poi possiamo anche pensare a dei Tebano-Sardi che si son rimessi in moto verso Oriente.

zuannefrantziscu ha detto...

shardanaleo ha lasciato un nuovo commento

JOLAO accompagnò in SARDINIA gli ERACLIDI, i figli di ERACLE e delle tespiadi (50), si sa che ERACLE, lungi dall'essere greco, era in effetti lo stesso MELKART-GILGAMESH-MARDUK-RA....
In quanto alla provenienza dall?ccidente... non è errato, ma dobbiamo tener conto che l'UOMO si è sempre spostato da Occidente a oriente da nord a sud da oriente a occidente... ecc... queste MIGRAZIONI sono ripetute a scadenza per millenni e sono docuemntate (6000-200-1200-800- 600 a.C.--- e 600-1400 e oggi d.C.)... avanti e indietro indietro e avanti ... ERALCIDI, BARBARI, EUROPEI (verso l'america...)
Leonardo