martedì 22 giugno 2010

Coroneo Jekyll e Koroneu Hyde

di * * *

Caro Pintore, il 19 giugno a tal Robertu Koroneu è stato pubblicato un articolo in un blog trovatello che non nomino perché non è giusto far ricadere sui figli le colpe de padri. Ho ragione di ritenere che autore dell'articolo dal contenuto demenziale sia l'incauto preside della Facoltà di lettere e filosofia dell'Università di Cagliari, il professor Roberto Coroneo. Ed è solo per questo che ne scrivo.
Te ne propongo un brano: “Nella torre di Piricoccu si può leggere il resto di un’iscrizione dipinta: VAFF... più alcune lettere cancellate. Molto interessante, perché V sta per Vau antico segno indoeuropeo, A è assimilabile all’ebraico Delta dei popoli cananei, mentre la ripetizione FAN FAN resta un aspetto da indagare più a fondo.”.
Trovo assolutamente esecrabile il fatto che il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia , faccia della scurrile ironia sugli studi di Gigi Sanna. C’è modo e modo di entrare nel merito delle teorie di Sanna che personalmente non condivido; ritengo sia una autentica vergogna che il Preside di Lettere e Filosofia mandi vaff fan… chicchessia. Tanto più giocando sulla possibilità, remotissima ti assicuro, che Robertu Koroneu e Roberto Coroneo siano due persone diverse.
Vi è da chiedersi come mai il preside Roberto Coroneo invece di entrare scientificamente nel merito (magari chiamando esperti di paleoepigrafia protocananea), va a fare il maleducato in un blog chimerico come quello degli Innocenti. È mai possibile che un preside sia talmente ingenuo da postare un articolo in un blog i cui gestori (forse per vergona) si nascondono dietro pseudonimi?
Povera Università di Cagliari. Povera Facoltà di lettere e filosofia che si ritrova un Preside il quale, invece di promuovere un dialogo scientifico, manda in vaffanculo gente a cui le ricerche sulla Sardegna preistorica sono e saranno, comunque, sempre debitrici.

Caro ***, mi sono permesso di nascondere il tuo nome e cognome che io naturalmente conosco, altrimenti non avrei pubblicato la tua denuncia. Tu sei imprudente, io no. Se il professor Coroneo avesse pubblicato quell'articolo – riprodotto una ventina di volte su questo blog da un anonimo Nanibgal, fanatico di quello scritto – senza far finta di non esserlo pur lasciando pensare che lo fosse, nulla quaestio. Nel mondo c'è posto anche per le goliardate simil-grilline con i suoi vaff e che un preside d'università vi si diletti è sintomo di spirito adolescenziale. È l'ambiguità di quella goliardiata refoulée che disturba, soprattutto sapendo che a persone così è affidata l'educazione dei nostri studenti. Ai quali Koreneu-Coroneo intende insegnare a non azzardarsi nel fare ricerche autonome. L'eresia sarà dilegiata, non essendoci a disposizione – maledetti siano la Gelmini e i suoi tagli all'università – legna per roghi. [zfp]

21 commenti:

Pierluigi Montalbano ha detto...

Basta...ho il voltastomaco. Coroneo è persona seria, preparata e onesta. Vedere il suo nome in mezzo a questa schifezza che ogni giorno cresce mi fa star male. Abbiamo esagerato e ormai non vedo come si possa tornare indietro. Mi dissocio fortemente da tutto ciò e manifesto tutto il mio sdegno.

zuannefrantziscu ha detto...

@ Pierluigi
Io spero veramente che tu abbia ragione, ma temo che così non sia. Altrimenti, ti assicuro, non avrei pubblicato questa lettera. Fossi in te, userei un po' più di prudenza.

Gigi Sanna ha detto...

Sono le bravate di chi, da tanto tempo, ha perso la partita. Di chi non si rassegna. Di chi ora, davanti alla minaccia delle firme, usa le lettere anonime e la diffamazione. Ma anche azioni assurde dei famosi 'giapponesi' che, a guerra finita da un pezzo, sparano nell'isola al vento e agli uccelli-aerei. Il Preside della Facoltà di Lettere di Cagliari? Non ci credo neanche se mi scorticate o mi arrostite a fuoco lento. Sono d'accordo con Pierluigi.Totalmente. In ragione di ciò, naturalmente, mi auguro che il preside smentisca il più presto possibile.

Giuseppe ha detto...

Insieme allo sdegno manifesto enorme perplessità...evidentemente credo troppo in certi valori e ho conservato una certa ingenuità. Comunque, tutto sommato, preferisco rimanere tale, si vive molto meglio!

Giuseppe Mura

Mauro Peppino Zedda ha detto...

ma dai Pierluigi non fare il solito ingenuo, bisogna prendere atto che lo stimato professore di storia dell'arte medievale abbia un lato oscuro, un lato assolutamente demenziale.
Il suo scritto è perfettamente in sintonia con il clima di quel blog distruttivo, privo di spirito scientifico, che difende una casta di baroni.

Piuttosto sulla emersione palese del lato "oscuro" di Coroneo si potrebbero fare tante e tante riflessioni.
Come mai uno stimato profssore di storia dell'arte, preside di facoltà, va a mandare in vaff fan studiosi (ha ironizzato anche sull'archeoastronomia) con riconosciuti attestazioni di merito internazionali?
La risoluzione del "Serial Killer" mi pare avviarsi a soluzione il Preside di Lettere e Filosofia, con una cerchia di pupazzeti invece di pensare ad aprire un confronto scientifico usano il dileggio!
Il dipartimento di archeologia dell'Univeristà di Cagliari è ormai alla frutta!
A me pare una autentica vergogna, che l'Università fosse incasinata ben si sapeva ma che un Preside apparentemente stimabile avesse un simil lato deprecabile "lato oscuro" mi sconforta.
Comunque sia, una maschera è caduta, un volto inimaginabile si è mostrato, prendiamone atto e continuimo le nostre battaglie culturali contro "Coroneo e i suoi pupazzeti".
Non avendo argomenti scientifici, usano il dileggio senza fondamento! Sono degli stalinisti della peggior specie!
Si dichiarano non fascisti , sono molto, molto peggio!
Ma si sono traditi, forse pensano di essere intoccabili, una maschera è caduta finalmente! ora abbiamo a che fare con volto.
il volto del preside di Lettere e filosofia!

monica.fenu ha detto...

Che esagerazioni! Mi pare strano che persone che non vogliono apparire, prendano un nick che rimanda inderogabilmente a sé stessi! Comunque il blog è stato d'acchito moderato (contro le affermazioni di principio) e questo potrebbe voler dire che volendo colpire innocentemente un piccione qualcuno ha colpito un fagiano. Difficile però che la nomenclatura completa venga a galla, perché dopo aver detto: che i sardi non hanno storia (né devono averla), che Zedda è unemerito imbecille (alcune tra le loro amenità), tali persone, probabilmente perchè hanno affidato la gestione a uno che ha qualche livore da esternare, si son lasciati prendere la mano e a questo punto non possono più tornare indietro. Chi di cattiverie ferisce, di cattiverie perisce.

Gigi Sanna ha detto...

Mi devi ancora cuocere e scorticare, caro Peppino Zedda! E come! Cos'è che ti rende così sicuro? Lo sai che rischi una denuncia per calunnia e diffamazione, più severa di colui che ha scritto impossessandosi del nome dello studioso. Te ne rendi conto poi, che parli di atto...demenziale? Cioè dell'atto di un pazzo? E' vero che spesso esageri con le parole...Te ne rendi conto ancora che tutto ciò va a fare un casino inimmaginabile? Nessuno può essere così ingenuo, figuriamoci un preside e di tale spessore per giunta. E agli studenti, ci hai pensato? Saranno loro che ci lanceranno i sassi e ci renderanno ridicoli in questo Blog perchè sostieni semplicemente delle cose assurde. Ripeto, mi devi scorticare e cuocere a fuoco lento, caro il mio Zedda!

Pietro Murru ha detto...

Non ci credo! Non posso crederlo! Ma avete letto l’articolo di cui si parla? Stiamo parlando di uno scritto sciocco, senza nessuna consistenza, impastato con un’ironia slavata, insipida, puerile. Per di più contiene fantastiche sgrammaticature acrobatiche che si incontrano di rado. È proprio a partire dal buio dei concetti e dalla prosa vacillante dello scritto di cui parliamo che qualcuno ieri, complice il diavolo giustiziere della noia, ha trattato da capre i signori di quel blog, e oggi mi si para davanti l’ipotesi che forse la capra più capra...sarebbe un capr(special)ONE! No!

maimone ha detto...

A prescindere dal fatto che sia lui o non sia lui (a me, per la verità, poco importa chi sia), mi piace rimarcare che questo tipo di persone é proprio alla frutta. Quando si ricorre al dileggio é perchè non hanno altri argomenti. Sanno di aver perso ma rifiutano di ammetterlo anche a sé stessi.

Mauro Peppino Zedda ha detto...

Caro Gigi,
ho una immensa stima del Coroneo Studioso della storia dell'arte mediovale, niente, neppure il suo "lato oscuro", può sminuire il valore della sua produzione scientifica!
Mai e poi mai avrei sospettato che l'attuale Preside di Lettere e Filosofia andasse a sintonizzarsi e a condividere i contenuti del demenziale blog chimerico.

Sul suo "lato oscuro", sul suo accumunarsi con dei demenziali personaggi superstalinisti che si nascondono dietro pseudonomi asineschi, se ne discuterà a lungo!

la nostra amata Sardegna non finirà mai di stupirci!

Mi piacerebbe assai che il Preside, chiedesse pubblicamente scusa, e magari ci dicesse pure chi sono i personaggi che si nascondono dietro quei nick asineschi.

Gli direi caro Preside Roberto Coroneo, per farsi perdonare organizzi due simposi scientifici internazionali.
Uno di paleoepigrafia con dei nomi (di chiara fama) in parte scelti dalla sua Facoltà e in parte nominati da Gigi Sanna per discutere le sue tesi.
L'altro di archeoastronomia con esperti mondiali tutti scelti dalla sua facoltà, per discutere del contenuto delle mie pubblicazioni sul significato astronomico dei nuraghi.

e lasci perdere i vaff fan fan... e si diletti con quello che molto egregiamente sa fare cioè lo studio dell'arte medievale.

giovanni ha detto...

Ricordate l'uscita del libro di Frau "Le Colonne d'Ercole"? Per alcuni fu, eufemisticamente, un insopportabile fastidio: ci furono due tipi di reazioni. Certuni raccolsero le firme per censurarlo,e non riuscirono,altri,non solo non firmarono,ma contribuirono fattivamente a portare Frau all'attenzione dell'UNESCO,e riuscirono. Riuscirono forse ad arginare in qualche modo un pericolo, che poteva contare oltretutto su potenziali alleati ingombranti, una intera parte politica e il suo quotidiano/partito di riferimento? Chissà!.Il potere locale baronal/culturale, ma anche politico(la casacca non c'entra),sa usare il savoir faire, come sempre avviene in questi casi e in tutti i luoghi. Altro che cacchine puzzolenti infestablog o archeologi pubblici dai cognomi stranissimi.
Perciò più Koroneu contasse qualcosa e meno avrebbe di suo pugno certificato gli escrementi.

PS
Non mi sento però di escludere in assoluto l'ipotesi contraria; mentre invece escluderei trattarsi di un preside di Facoltà e sarei certissimo che questo tal Koroneu,quand'anche contasse qualcosa, non sarebbe per questo immune,lui o suoi colleghi, da sonorissime batoste,possibilmente di quelle accompagnate alla sarda da "sonos de correddu e de tamburru".

Grazia Pintore ha detto...

Non so se il preside è l'autore o no di questo scritto"demenziale?" sta di fatto che lo scritto esiste e quindi il blog di GFP rompe un pò le scatole a qualcuno.Secondo me,causare certe reazioni è uno stimolo ad andare avanti imperterriti.Ha ragione il signor Maimone quando afferma che certe persone sono alla frutta!

Alessandro Lessà ha detto...

Non scherziamo.
Il Prof. Coroneo è una persona onesta e stimata, ha scritto libri di grande interesse e le sue lezioni sono oltremodo coinvolgenti.
Come si può pensare che un tizio qualsiasi, solo perchè usa un nickname vagamente somigliante possa essere preso seriamente come la persona che vorrebbe impersonare, e non per quello che è realmente, ovveroun impostore?

Se scrivessi con il nome di Pintore, Sanna, Zedda et alii, storpiandolo leggermente, avreste motivo di credere che in realtà sono uno di questi signori?
Non scherziamo, suvvia!


Salude.

zuannefrantziscu ha detto...

@ Lessà
La professionalità del prof Coroneo non è in discussione. Mettiamola così: se qualcuno firmasse con il mio nome, anche se leggermente storpiato, un articolo, per di più brutto, denuncerei chi lo pubblica. Non lo farei se fossi stato io a deformarlo.

elio ha detto...

Neanche una parola, né qui né nel fortilizio nuraGGico. Missione compita? Affondata l'ammiraglia? Dimissioni?
Si accettano scommesse. Dieci a uno che non ce ne saranno.

Pietro Murru ha detto...

@ZFP
Mah...chiunque sia l’autore di quell’articolo, scrivere male tante scemenze in un solo giro e farsele pubblicare in un contenitore tanto scadente, così, sulle prime, non fa pensare a un cervello fino, l’unica cosa indiscutibile, purtroppo, per il momento mi pare questa.

@Atropa
Accidenti!!! Ora non sto nella pelle dalla curiosità! Il giochino con il π, insieme alle notiziole che ero riuscito a trovare sulle sue approssimazioni adottate in certe culture antiche e sui significati dati ad esse, mi aveva molto divertito e affascinato...e ora non vedo l’ora di leggere quello che sei riuscita a tirar fuori dal 22/7, io proprio non ci avevo pensato a mettere questi due numeri così significativi uno sopra l’altro...
Sono sparito mio malgrado, studio e lavoro esauriscono tutto il mio tempo, ma non ho mai smesso di leggere il blog. Purtroppo, però, approfondire gli argomenti che trattate per poterne scrivere è diventato complicato...

illiricheddu ha detto...

L'estensore di questo intervento, come di gran parte degli altri, verosimilmente altri non è che lo stesso portinaio, il quale risiede (o almeno così dà il suo IP) nella località di Caluso (TO), e stravaganza delle strvaganze ha lo stesso IP del simpatico G.Loddo e della sempreverde D. Satta. Tutte emanazioni eoniche di uno stesso Dio, di cui G.Pintore dice di sapere, ma di più non dice.

Alessandro Lessà ha detto...

Non vedo perchè Il preside della facoltà di lettere debba essere la reale persona sotto il nome di questo fac-simile dal nome storpiato, solo perchè non ammette di essere lui!
Non penso che queste persone debbano leggere obbligatoriamente questo blog e quindi essere a conoscenza di questi schifosi episodi che stanno avvenendo.
SE anche il preside fosse stato informato dell'uso illegittimo del suo nome non vedo perchè dovrebbe perdere il suo preziosissimo tempo a scrivere continuamente, in questo blog o in un altro e chissà quanti altri, che le scemenze che son state scritte non sono sue.
Sta a noi CAPIRE che un nickname storpiato non SIGNIFICA che quella persona sia chi ammetterebbe di essere.
A meno che Coroneo stesso non dica apertamente "si ho scritto io quelle cose su quel blog" non cambierò assolutamente idea.

zuannefrantziscu ha detto...

@ Lessà
trovo encomiabile (lo dico senza traccia di ironia, mi creda) il suo attaccamento a Coroneo. Ma è lui stesso a invitare "a prendere il mio articolo per quello che è:
una giocosa presa in giro". Quando il destinatario di questa ammissione lo deciderà, le sarà chiaro.
Quanto al resto, lei ha ragione. Nessuno è obbligato a leggere questo blog, ma se lo si fa, forse non sarebbe male chiarire un atteggiamento che solo con molta bonomia si può definire una gioiosa presa in giro

Gigi Sanna ha detto...

Caro Mauro Peppino Zedda: ora mi hai scorticato per davvero. Devo ammetterlo: la mail che ti ha mandato il prof. Coroneo e che tu mi hai girato non ammette dubbi. L'articolo scellerato o 'demenziale', come tu lo chiami, è proprio il suo. Non ci sono dubbi. Coroneo nella risposta che ti ha dato (che se vuoi tu puoi postare: così fai vedere anche l'ipocrisia e lo squallore della risposta) non so dove voglia parare. Ma non me ne frega nulla, a questo punto.
Naturalmente sono esterrefatto. E che cosa devo dire? Ho preso una sberla psicologica tremenda: Coroneo? Una persona al di sopra di ogni sospetto! Uno che dirige un'istituzione così alta!
Da tempo si era oggetto del tiro martellante di gaddaroballi vigliacchi: ma ignorandoli sistematicamente si poteva comunque tirare avanti. Come si è fatto ormai per mesi e mesi. Ora però dato il nome eccellente si capisce molto, anche troppo (io ora, ingenuo, capisco anche troppo!). Si capisce soprattutto la reiterata intimidazione nei confronti di Aba e si capisce da dove (da quali ambienti insospettabili) viene. Ainis, Satta e compagnia di anonimi? Non ci interessano più, proprio per niente. C'è ora un Ainis fotocopia (stesso sile, stessi argomenti) riconoscibile, senza maschera, al quale si può chiedere il perchè di un atto tanto 'demenziale', un assurdo Ainis-Coroneo che fa parte, con tutto il peso che ha, del mondo archeologico. Di quello serio parlo. Questo se la sentirà di legittimare e di far proprio un intervento 'critico'(?) di un livello così basso? Di una rozzezza senza eguali, impensabile? Inserito, tra l'altro, in un Blog di reazionari anonimi, petomani e gaddaroballi?
Che schifo! Domani mi recherò dal magistrato che è già (lo si sappia) al corrente da alcuni mesi di questo clima assurdo.Cara Aba e amici tutti.Io una sola cosa desidero: che i miei amici, coloro che a torto o a ragione condividono (in tutto o in parte) quello che dico, possano vivere serenamente e tranquillamente. E voi capite che, in qualche modo, anche se non lo sono, mi sento colpevole.
Aggiungo però: che vergogna! Che bassezza! Che schifo! Anzi (dal momento il lessico tragicomico è quello): che schiffo!

Mauro Peppino Zedda ha detto...

Caro Gigi,
Dopo quella prima mail che ti ho inoltrato, fra me e il Preside Roberto Coroneo, ne sono seguite delle altre dove abbiamo continuato la discussione, il Robertu Koruneu del blog degli Archeoasinis è lui senza nessun dubbio.
Perchè te lo mandata?
Perchè anche se le tue teorie non mi convincono esse meritano di essere giudicate da persone qualificate e non derise dagli archeoasinis, tra cui si è infilato anche un eccelente studioso di storia dell'arte medievale!