mercoledì 28 aprile 2010

Oe est die de sa Sardigna e de sos sardos

Oe est sa Die de sa Sardigna, festa natzionale de su pòpulu sardu. Amentamus su 28 de abrile de 216 annos a como, cando sos casteddàios in sa Capitale de su Rennu de Sardigna, sos tataresos in Tàtari e sos aligheresos in S'Alighera nch'ant dispatzadu su Vitzerè Balbiano e unos treghentos funtzionàrios, su Guvernu de s'ìsula. Fiant piemontesos, nitzardos, savoiardos e nche los ant catzados sena nde fèrrere e nde mòrrere mancunu: una revolutzione sena sàmbene.
Casteddàios, tataresos e aligheresos no ant chertu bortulare s'Istadu, su Rennu sardu, si non catzare su Guvernu de s'ìsula in manos a gente còmprida dae foras, dae sos àteros istados sardos. Mancu Giommaria Angioy e sos revolutzionàrios chi l'amparaiant giughiant in mente de revessare s'Istadu sardu: su progetu insoro fiat de l'agabare cun su feudalèsimu e de pesare s'autoguvernu de sa Sardigna, ponende mente a sas ideas giacobinas chi compriant dae Frantza e dae sa Revolutzione sua.
Est deghesete annos chi festamus sa Die de sa Sardigna e est 17 annos chi grustos de intelletuales, mancu male semper prus pagos, crìticant s'issèberu fatu dae su Parlamentu sardu de pesare a custa occurrèntzia sa festa de su pòpulu sardu. Sos prus, arresonende cun sas categòrias polìticas de oe (tìrria contra a sa forma monarchica de s'Istadu, innòrantzia de sa forma federale de su Regnu de Sardigna, e gasi e gasi), bèfulant sos sardos de tando chi una die nche catzant “sos piemontesos” e de pustis pagu tempus acolligint cun entusiasmu mannu su Capu de s'Istadu, su Re de Sardigna, est a nàrrere.
Sos prus betzos de nois s'ant a amentare it'est capitadu in Itàlia a sos tempos de su Guvernu Tambroni, trìulas de su 1960. Partidu comunista e partidu sotzialista ant pesadu tando una rebellia manna contra a su guvernu de Fernando Tambroni: in Reggio Emilia b'at àpidu sete mortos. Su presidente de du Consìgiu s'est dèpidu dimìtere de pustis bator meses de guvernu. Ma nen sos comunistas nen sos sotzialistas ant mai pensadu de revessare s'Istadu italianu nen su presidente de sa Repùblica, Gronchi. Pensare chi sos revolutzionàrios sardos de su 1794, pro tènnere s'istima de custos intelletuales bennidores, depiant bortulare sa monarchia e isfassare su regnu sardu est una tontesa chi cun s'istòria non bi pitzigat ne a muru ne a gianna. Ma custa est sa torrada de chie arresonat de sos tempos colados cun sas ogreras ideològicas de oe. In custu e in àteros domìnios.
Carchi intelletuale de custa iscola ideològica si l'est torrende a pensare e a cunsiderare sos fatos de s'istòria in su cuntestu insoro. Est una cosa bona. Cheret nàrrere chi b'at isperu. E chi sa Die de sa Sardigna at a sighire a èssere in sa cunsèntzia de sos sardos, comente amentu de fatos chi los faghent pòpulu e non gente.

In sa foto: S'intrada de Giommaria Angioy in Tàtari, de Giuseppe Sciuti

42 commenti:

Giuseppe ha detto...

E itta manera! Mi aspettammu unu muntoni dde arrescionamentusu e nno si moviri nudda! Custa esti sa festa de tuttusu is Sardus!
( scusate l'imperfezione della scrittura, facciamoci almeno gli auguri reciproci, a prescindere dal credo politico, siamo davvero un popolo, non "gente")

AUGURI A TUTTI da
Giuseppe Mura

el-pis ha detto...

hando amm'a essere POPULU aberu?

Gigi Sanna ha detto...

Caro Gianfranco, ho detto mille volte che avrei preferito il dato 'indipendentista', secco e inequivocabile, della epica vittoria in territorio di S.Anna (Marrubiu) di Mariamo IV e di Ugone sull'armata della più grande potenza del tempo, ovvero quella catalana capitanata dai fratelli de Luna. Oppure, quelli in negativo , della sconfitta di Amsicora e Josto a Corras (Cornus) o di Leonardo de Alagon nella battaglia di Macomer. Purtroppo nella decisione della solita Regione 'autonomistica' delle botteghe e delle piccinerie vinse in quel giorno Cagliari, con la proposta della rievocazione di una giornata, ragionevolmente pacifica quanto si vuole, caro Gianfranco, nella quale però a certi sardi interessavano (perchè non riconoscerlo?) i famosi cinque punti e di questi particolarmente uno. Nessuna 'rivoluzione' certo, ma una moderata lotta contro i 'baroni' e i 'tirannos minores', come bene illustra l'inno 'illuminista' del Manno. Un po' poco, anzi troppo poco, direi, per una 'die' carica di simboli della sardità (o del sardismo che si voglia chiamare). Io e il compianto Gianni Atzori abbiamo posto una lapide a S.Anna per ricordare l'evento; Italo Ortu ne ha messo un'altra non lontana da Cornus. Questi ( e Macomer)secondo me sono i veri giorni delle nostre memorie se vogliamo con coraggio e senza remore interpretare 'virilmente' (come si diceva una volta) la nostra storia. Altri scelgono Pontida e c'è chi invece preferisce scegliere - come dire - momenti 'soft', non poco equivoci e, in definitiva, poco brillanti della nostra storia. Sono passati 17 anni, caro Gianfranco, e personalmente non sento mio questo giorno. Non lo sento affatto. Io sono un convintissimo pacifista, come te, e ho militato per tantissimo tempo in un partito che si può vantare di aver usato con Lussu una sola volta la pistola per legittima difesa. E siamo stati tra i pacifisti che in Sardegna, nel momento terribile delle giornate del 'piombo', abbiamo con i nostri giovani 'indipendentisti' pacifisti, sbarrato la strada in Sardegna a Feltrinelli prima e alle Brigate Rosse poi. Non so quanti questo sanno. Però da sardo che conosce la storia ( non i miti) le 'mie' giornate cariche di commozione ed emozione forti, molto forti, sono e saranno per i giovani sardi morti a migliaia per combattere per la loro libertà e quella dei loro cari. Anche perchè, se vorrai obiettare, abbiamo dato, comunque si vogliano interpretare quei giorni, per lo meno l'opportunità a certi intellettuali, sempre 'contro', di infirmare l''eccellenza' o la forza simbolica di quelle giornate.
Mi dispiace ma il tuo post mi ha stimolato a dire con decisione come la penso, in tutta franchezza. E non credo d'essere il solo.

Adriano ha detto...

Per Gigi Sanna: Condivido la lettura della situazione. Perché non estendere comunque a tutte le date storicamente rilevanti della Sardegna le festività? E intendo quelle vere, dove le attività commerciali e burocratiche si fermano. Casomai dovremmo forse abolire (in una prossima nuova Autonomia) ricorrenze come il 25 aprile che con la Sardegna, rispetto alla penisola, c'entrano poco. Ma si scatenerebbero anche le ire dei finti partigiani locali, quelli che la guerra l'hanno vista solo sui documentari SKY del National Geographic Channell. O casomai dovremmo capire l'effettiva utilità del bombardamento alleato su Cagliari. Auguri a tutti! Buon 28 Aprile! - Bomboi Adriano

zuannefrantziscu ha detto...

Finalmente un franco dissidio ad armi pari, caro Gigi, su un terreno in cui potrei non dire banalità. Certo, lo so che esistono ricorrenze che potrebbero trovare più d'accordo te, me e molti altri. Quelle che dici tu, quella che suggerisce Tanda (ricordare la data di promulgazione della Carta de Logu) e molte altre, comprese le Quattro giornate di Pratobello.
Ma proprio perché sono tante, ci pensi tu a metterci d'accordo e a fare in modo che, una volta scelta, una parte del nostro popolo non di festeggiare, ma si senta in lutto? Pensa tu che c'è chi propone di festeggiare il 28 febbraio del 1948, quando graziosamente lo Stato italiano ci concesse lo Statuto. Sa die de sa Sardigna non sarà il massimo, ma c'è. Il guaio è che, per ora almeno, è una festa demie vièrge: non si lavora solo a scuola, ma lavorano le Asl e un sacco di altre emanazioni della Regione. E' una festa in italiano, nemmeno un manifesto in sardo ha fatto la Regione.
La vulgata dominante presenta il 28 aprile 1794 come fosse una rivolta plebea. Sarebbe diverso per la coscienza di tutti, se almeno nelle scuole superiori si insegnasse come dopo quel giorno, gli stamenti si trasformarono in governo della Sarda nazione, primo nucleo di autogoverno, provvisorio e non fortissimo, ma autogoverno. Andò come andò, soprattutto per il tradimento di una parte delle classi dirigenti, pavida e impaurita dalle responsabilità che l'autogoverno comporta. Ma è una lezione straordinaria.
Come Adriano, sono dell'idea che altre feste nazionali possano essere istituite, senza abolire questa e, soprattutto, con un forte atto del nostro Parlamento che le dichiari feste per tutti, per gli alunni, per i commercianti, per i lavoratori dipendenti e per tutti quelli che, come te e me, hanno a cuore la nostra identità. Che è fatta anche di simboli.

shardanaleo ha detto...

Come dice Gigi, le giornate da ricordare sono tante, eppure andiamo a sceglierci quelle più infauste, vedi S'OCCIDROXU...
Gigi ha citato la vittoria di Mariano e suo figlio Ugone sui fratelli De Luna (e sul vicerè CARROZ)a Sant'anna. ha citato anche la sconfitta di leonardo a macomer. Ma vi sono tante battalgie in cui i Sardi furono vittoriosi
- QUELLA CITATA DA GIGI A SANT'ANNA
- LA VITTORIA di Mariano contro i pisani
- la vittoria delle città confederate shardana nel 540 a.C. contro Malco
- Sopratutto la vittoria di loenardo Alagon contro gli spagnoli, che pare sia riportata pari pari nel film scozzese di Brave heart.: - I due eserciti erano schierati a battalgia, leonardo fece issare le insegne gloriose dll'Arborea e lanciare il loro grido di guerra. A quella vista gli spagnoli lanciarono all'attacco i mercenari sardi delle file spagnole. Questi corsero contro le file dei sardi, li abbracciaron e si unirono a loro. Insieme si scagliarono contro l'esercito invasore travolgendolo. leonardo pronunciò la famosa frase: "DOMANI ASCOLTEREMO MESSA A BONARIA"...
Ca... quanto mi piace!
Kum Salude!
LEONARDO (solo melis, non Alagon) :-)

Zazen di Rostock ha detto...

Io non mi stupisco del fatto che si sia scelta proprio quella data: l’ha scelta una regione AUTONOMA e quello ha rappresentato il momento più alto dell’AUTONOMIA… e ha fallito.
Io che sono indipendentista rendo onore a quei sinceri autonomisti, anche a quelli che hanno tradito perché, consci della loro incapacità di autodeterminarsi, hanno ritenuto che anche il loro popolo avesse questo limite. Hanno sbagliato, nulla da dire, ma almeno ci hanno provato. In più hanno dimostrato inequivocabilmente che l’autonomia non funziona.
Pensateci un attimo: hanno fatto il massimo che si possa chiedere a degli autonomisti con un minimo di dignità. Di fronte ad uno stato che ha calpestato la loro autonomia hanno scelto di autodeterminarsi. Hanno mostrato dignità non accettando il rifiuto delle loro richieste. Probabilmente quelli che hanno “tradito” i moti si aspettavano che i piemontesi facessero passi indietro e le accettassero, È un gioco che compie qualsiasi autonomia che si rispetti.
Purtroppo per loro è un gioco che non ha funzionato con i piemontesi. E poi, se vi immedesimate in quei poveracci, loro sono rimasti fedeli alla loro idea iniziale, sono gli altri che si sono messi in testa di diventare uno stato indipendente e per di più una repubblica!
I piemontesi poi qualche segno di cedimento lo hanno mostrato ed si sono pure detti disposti ad accogliere “alcune” delle loro richieste… ma quei capoccioni non hanno voluto sentire ragioni, si erano messi in testa di fare quella cosa orripilante (per dei monarchici). È per colpa di quelli che si sono incaponiti che poi i piemontesi gliela hanno fatta pagare e non hanno soddisfatto alcune delle richieste (direbbero i traditori)!
Va bene, se ragioniamo in termini assoluti quei pavidi traditori sono quanto meno da biasimare… ma provate a diventare un po’ relativisti come me (senza dirlo al Papa però) e rivaluterete gli autonomisti di allora che, di fronte a quelli di oggi, sono dei giganti di dignità e rettitudine. Quelli al loro governo centrale si sono ribellati apertamente, non hanno mica parlato di “governo amico” come Cappellacci e non hanno supinamente accettato la bocciatura delle loro leggi come Soru.
Se quelli di allora erano dei codardi e dei traditori, quelli di oggi che cosa sono?
Celebriamo dunque sa die de sa Sardigna, celebriamo il fallimento dell’autonomia! Celebriamo pure la miopia degli autonomisti attuali.

Ricapitolando: l’autonomia al suo massimo ha fallito; l’unionismo al suo massimo ha fallito (perfetta fusione)… cosa rimane da tentare? Io un’ideuccia ce l’avrei…

Saluti

Gigi Sanna ha detto...

Caro Zuà, sapevo che avresti risposto così, con la tua solita logica disarmante. E' in fondo un po' la risposta che dai a proposito della LSC. Lo so, mettere d'accordo i sardi su qualsiasi cosa è difficilissimo: ca sunt malos e non narant emmo mancu mortos. Ma io sono un reduce nostalgico di Portotorres e ho tutto il diritto, anche e soprattutto in una giornata come questa, di protestare un po'. Almeno questo. Faccio il broncio e non vado alla festa scalcinata della memoria illuministico-giacobina. Bella memoria per alcuni versi, ma bruttissima per altri. Tu l'hai detto.

shardanaleo ha detto...

Eh! Non si è mai perfetti per gli altri... il Partidu Sardu ottenne di celebrare SA DIE magari sbagliando ricorrenza... ma del resto gli attuali Partiti indipendentisti non sono dammeno festeggiando S'OCCIDROXIU. Una celebrazione che sa minimo di AUTOLESIONISMO e di COMPLESSO DI perdenti.
naturlamente non ce l'ho nè con gli indipendentisti (chi mi conosce sa CHI sono e cosa penso)nè tantomeno ZAZEN che sicuramente è in buona fede. ma quella.. sciagurata ricostruzione di SA BATALLA poteva essere vitata. E il bello è che è celebrata con il benestare delgi INDIPENDENTISTI (che però all'inizio la osteggiarono saggiamente) chissà poi perchè... non l'ho mai capito.
Kum Salude
leonardo

zuannefrantziscu ha detto...

Che bella rimpatriata di reduci da Porto Torres: mia moglie mi fece trovare, al ritorno, vincitore tra i vincitori, un bottiglione di vernaccia. Quella battaglia per inserire l'indipendenza come obiettivo del Psd'az non fu di poco conto ed averla vinta, beh, insomma...
Tutti sapevamo che quel sole non sarebbe spuntato sulla nostra giovinezza né sulla nostra maturità né, forse, sulla nostra vecchiaia e che bisognava, prima, fare crescere un senso di appartenenza, poi una solida identità/diversità, quindi un bisogno diffuso di sovranità al quale conquistare non i convinti, ma quanti, per dire, erano stati convinti che sviluppo e identità non andavano d'accordo.
Se mi guardo indietro, pur con occhio critico, mica sono poi così disilluso. Chi di noi, Gigi e Leo, avrebbe pensato in quel 1981 che concetti come "nazione sarda", "popolo sardo", "sovranità" e "indipendenza" entrassero nel lessico familiare della politica, a destra come a sinistra? E che si facessero due leggi come quella sulla bandiera sarda e sulla festa della nazione sarda? I giovani indipendentisti, come tutti i giovani, pensano che la storia cominci con il loro affacciarsi al mondo. Li capisco, perché anche noi così abbiamo pensato. Ho scoperto che non è così e che tutti noi siamo saliti sulle spalle di chi ci ha preceduto, compresi i rivoluzionari del 28 aprile 1794 che avevano già digerito la cacciata dei francesi l'anno prima che non si erano lasciati ammaliare dai feudatari paternalisti che...
Ripeto: a me mi manda in solluchero che il Parlamento sardo abbia decretato sa Die de sa Sardigna e che abbia vinto le resistenze dei compradores intellettuali metropolitani. Il resto si vedrà o meglio, lo vedranno i giovani quando si renderanno conto che sono quel che sono anche perché sono saliti sulle spalle di uomini come Bellieni, Fancello, Titino Melis, gli "autonomisti" come oggi li apostrofano con malcelato disprezzo.
W sa die de sa Sardigna comunque riempita di contenuti.

Davide Casu Artista ha detto...

Entro brevemente nel discorso, lo faccio da giovane, per scorgere all'interno di tale giovinezza, forse uno spiraglio di saggezza canuta. Condivido la posizione critica di alcuni, fortunatamente in una sardegna di sardi liberi, nel loro giorno identitario, b'at chi pesat sa oghe, e mette i puntini sulle "i" isolane. Ma, sia nella celebrazione della storia nostra come in altre istanze del movimento identitario bisogna lasciarsi indietro l'idea che possa esistere una Sardegna senza macchia, a volte ipotizzata magari a immagine e somiglianza dell'individuo resistenziale che, in buona fede, la sogna e la brama. Così non è, così la Sardegna libera è un sogno ramingo verso i cieli più eterei, stupende visioni ma lontane dalla nostra terra. Mancu interrados diana a nerzer ellu, e manco morti così potremo assistere ad una risorta Sardegna poichè, badate bene, queste tendenze si cristallizzano nell'ottica del partito che rischia di supporre di possedere il monopolio dell'ideale indipendentista; realmente invece la logorano, se non vi è impegno comune a rendere un giorno come questo, seppur di ammentu discutibile, ma simbolo legale di una sardegna che agisce, un miracolo in questa cloaca italiana, se non si è in grado di operare, dicevo, affinchè per le strade faccia per giorni eco il grido contro i Baroni di oggi e I baroni di ieri, allora le nostre chiacchere, seppur lecite, cessano di avere valenza... è effettivamente così. questo giorno, se entra nel cuore dei sardi, farà in modo che i sardi conoscano e rispettino tutti gli altri giorni gloriosi della nostra storia... e forse sia fattibile nel futuro un sardegna chene barones e tirannos...

Gigi Sanna ha detto...

Caro Zua', lo so. Tu oggi avresti potuto fare il 'majorale' nella comunità sarda se l'istituzione nostra (millenaria) comunitaria della giustizia e della saggezza non l'avessero presa a calci in culo con ben altre istituzioni. Sì giustizia e saggezza.
Io no, che purtroppo ho un fegato balordo che mi fa vedere quasi sempre, in certe cose,solo la prima. Questo per dirti che hai ragione, ma devo dire 'in fondo'. Pertanto 'auguri', un po' a denti stretti, per/da Giuseppe in giù e a quanti si affanneranno per darsi qui un abbraccio ideale. Fortza paris!

Davide Casu Artista ha detto...

Oggi, in una Alghero più assurda che mai, dove neanche gli indipendentisti hanno dato segnale di vita, ho preso la mia bici, ho appeso al sellino la nostra bandiera, vi ho scritto sopra indipendentzia, e ho fatto il giro della città:
NON ERA IL MIO GIORNO PREFERITO, MA è PUR SEMPRE UNO DEI MIEI GIORNI...
SALLUDE

giuanne ha detto...

21 maggio 1913: una giornata importante che nessuno (o quasi) conosce. Ancora pochi mesi e la conosceremo.

Zazen di Rostock ha detto...

@ Leonardo Melis
Guardi, non ho mai partecipato a quella ricostruzione, ma a quanto mi pare di aver capito dal racconto di Sedda (che ho sentito in un video di presentazione del suo libro sulla bandiera) si tratta di una cosa che chiamare approssimativa è poco.
Il fatto è che, così come i moti rivoluzionari, è storia, a prescindere dalla sua vera o presunta (in)gloriosità. A quanto ho capito il movimento appoggia qualsiasi manifestazione in cui tale storia si rievochi, perché parlarne è comunque importante, a prescindere dal fatto che si tratti di avvenimenti gloriosi o meno. S'occidroxiu di "glorioso" ha solo il fatto che si è trattato di una battaglia di un popolo unito contro l'invasore, ma non bisogna mica nascondere che, non ostante la supremazia numerica, i sardi abbiano fatto un misera figura.

Non vi è nessun autolesionismo, solo che non si ritiene giusto scartare le parti che meno ci piacciono o che hanno visto i sardi miseramente sconfitti. La rievocazione strumentale di un passato mitico la si lascia volentieri ad altri.

Anche sui moti che oggi vengono celebrati, credo che ci sia stato un equivoco (rispondo qui al sig. Pintore). Non critico affatto chi si è battuto per scegliere quella data come festa nazionale sarda. Ogni occasione in cui si possa parlare a livello nazionale di storia della Sardegna è da prendere al balzo e chi si è battuto perché ciò accadesse ha tutta la mia stima.
Si è trattato comunque di un momento importantissimo della storia della nazione ed è giusto e sacrosanto approfondirlo e, perché no, celebrarlo.
Non ritengo affatto, come non lo ritengono molti altri giovani indipendentisti, che la storia inizi da me o da iRS. Tutt'altro, la storia precedente va studiata e anche criticata, nel senso che se si ritiene vi siano stati degli errori è giusto dirlo per analizzarli e magari non ripeterli. Io commetterò degli errori, iRS ne commetterà, e sarà giusto che chi verrà dopo li studi e li critichi per evitare di ripeterli.
Con questo non voglio dire che scegliere i moti rivoluzionari come occasione di festa nazionale sia stato un errore, anzi, credo che sia stato un grosso merito perché si è fatto comunque un passo verso l'acquisizione di una coscienza di popolo. Anche introdurre concetti come "nazione sarda", "popolo sardo", "sovranità" e "indipendenza" è stato un grosso merito e ritengo che persone come Bellieni e Lussu fossero sincere e piene di buone intenzioni. Il fatto che secondo me abbiano fatto degli errori non significa che li disprezzi, ma semplicemente che non li ritengo dei miti inviolabili.

La mia ammirazione verso i rivoluzionari è sincera, ma magari l'avete confusa con una mia effettiva disistima verso chi milita nei partiti italiani e si definisce "autonomista".

Questo per dire che anche io mi unisco al coro: W sa die de sa Sardigna e W la storia della Sardegna in generale.

Saluti

Gigi Sanna ha detto...

Salude Davide, non mi nares chi l'as fattu e chi non est faula!

Davide Casu Artista ha detto...

eja, de abberu l'appo fattu, e non est faulao paristoria... si nemos cheret fagher festa la fatzu deo solu ebbia

Grazia Pintore ha detto...

Coment'este bellu leghere? in limba! Deo non ischio de sa die de sa Sardigna e de sos sardos.In custu blog soe imparande medas cosa de sa Sardigna,meglio tardi che mai.

shardanaleo ha detto...

Io frequento assiduamente amici dei partiti indipendentisti (non solo irs) e molti di loro vengono alle mie conferenze. Gli amici dei miei figli sono ormai presi da questo senso di sardità e di indipendenza. vent'anni fa non l'avrei mai pensato. Ora sono fuori dalla politica attiva, ma spesso sono coinvolto proprio da loro.
Ci sono quindi degli attriti (anche con i miei figli e i loro amici) per quanto riguarda i FATTI STORICI.
Due di questi li abbiamo menzionati: SA BATTALLA e SA BANDELA.
- SA BATALLA non era la battalgia della nazione sarda contro l'invasore spagnolo, ma la battalgia di un FRANCESE che voleva riprendersi il regno ereditato da un casato Judikale ormai spoglio della sardità, anche per via ereditaria. per questo i sardi persero e furono sterminati. perchè comandati da uno straniero e senza la motivazione che invece avevano nella battalgia al comando di leonardo Alagon.
- SA BANDELA: Ho rimproverato ad amici di irs l'atteggiamento tenuto alla manifestazione (sa battalla) in cui gli attivisti, con S'ARVURE DESDIKADU al vento, fischiavano lo stendardo dei MOROS.
... Posso dimostrare con documenti storici e immagini come sui MOROS irs sbaglia clamorosamente quando sostiene che siano vessillo di invasori. Si dimostra di non conoscere affato la storia.
SIa i MORI BENDATI che S'ARVURE sono vessilli TEMPLARI, come Templari erano i Judici di Arbaree e di Torres. I Judikes avevano ambedue i simboli, come li avevano altre casate europee (sopratutto i mori bendati, già appartenuti al gran maestro dei templari Hugo de Payns nel 1050).
LA STORIELLA DELLE TESTE MOZZATE è falsa e facile da smontare, per il semplice fatto che esiste e possiedo un'immagine dei Moros con la testa ben attaccata al busto.
MALE non farebbe un CONVEGNO (anche con presenze politiche oltre che di storici) per chiarire questi ecquivoci che rischiano di mettere contro persone che in fondo la pensano allo stesso modo e hanno lo stesso interesse al bene di SARDINIA NOSTA!
KUM SALUDE.
LEONARDO

Damiano Anedda ha detto...

Una storia di fallimenti, un popolo di fallitti.

Zazen di Rostock ha detto...

Ma guardi, sig. Melis, io non ho alcuna verità storica in tasca e credo che parlare di questi avvenimenti sia sempre utile.
La sua lettura però non mi convince perché a me interessa poco o niente che nelle vene di Guglielmo di Narbona ci fosse sangue sardo al 100%, anche perché al tempo gli incroci tra famiglie nobili d’Europa erano piuttosto frequenti. Se si ragiona in questo modo allora i francesi dovrebbero vergognarsi di Napoleone che era spoglio della francesità (origini tosco-genovesi), gli spagnoli dovrebbero riconoscere di essere stati colonizzati dai francesi per il fatto che i borbone erano di origine francese e così via con tanti altri esempi. Non capisco dove si voglia andare a parare con discorsi di questo genere.
Sa Battalla ha visto combattere e perdere 17000 sardi in un periodo in cui la Sardegna contava tra i 90 e i 120000 abitanti. Se Lei sostiene che siano stati costretti non so, ma a me risulta che fossero per lo più volontari. Facendo le debite proporzioni mi sembra proprio che si sia trattato di una battaglia di un popolo per conservare la propria indipendenza.

Sa Bandela: concordo con il fatto che un convegno non farebbe affatto male, ma anche qui mi pare che ci sia un equivoco di fondo. Il discorso dei 4 mori e dell’arvure è piuttosto semplice concettualmente, a prescindere dall’impostazione storica da cui si parte: s’arvure era il simbolo del giudicato di Arborea, un regno sovrano (indipendente) che era arrivato a controllare quasi tutta la Sardegna(eccezion fatta per Cagliari e Alghero); i 4 mori hanno sempre rappresentato il regno di Sardegna come confederato (in maniera subordinata) ad un altro regno e poi come regione autonoma. Nei 4 mori si identificano indistintamente indipendentisti, autonomisti, nazionalisti italiani, fascisti, comunisti ecc… in un allegro minestrone in cui ognuno dà a quel simbolo il significato che gli pare. S’Arvure invece ha un significato abbastanza netto… diciamo che mentre nessuno si è impressionato quando Cappellacci ha legato insieme la bandiera italiana e quella dei 4 mori, se si provasse a fare la stessa cosa con s’Arvure le reazioni sarebbero un po’ diverse. Questo anche perché dietro ai due simboli è stato fatto un lavoro diverso.
Nessun simbolo ha un significato assoluto, esso dipende da tanti fattori, basta guardare cosa è successo alla svastica che da simbolo di buon augurio è diventato simbolo di guerra, morte e razzismo.
Kum Salude
Daniele Addis

P.S. Anedda, sei il migliore. Se continui così finirai per convincerne più tu a diventare indipendentista che tutti i movimenti indipendentisti messi insieme ;)

Damiano Anedda ha detto...

Signor Addis, nessuno l'ha autorizzata a darmi del tu, mantenga le debite distanze e riservi la sua solita insolenza ai suoi compari di merende.
Per tornare all'argomento, forse resterà deluso nel sapere che il suo eroe Angioy in realtà voleva regalare la Sardegna ai francesi altrochè liberarla dai presunti oppressori (se fossimo onesti e riconoscenti non dovremo dimenticare il bene che hanno fatto i Savoia dando ai sardi di allora un punto di riferimento politico, economico e morale certo, il che non è poco per un popolo atavicamente disunito). Per questo motivo il suo mitico eroe fu abbandonato dai sardi (tutti infami traditori i nostri antenati?), dopodichè scappò in Francia e mandò in rovina una povera donna che ebbe la pietà di ospitarlo. Questa cercò di rivalersi sulle figlie dell'Angioy le quali lo ripudiarono. Pensi un po' lei che eroe, emarginato dal suo popolo e dai suoi familiari.

Poi dico ancora basta con il voler insinuare l'indipendentismo dappertutto. Noi sardi non abbiamo ne mezzi ne capacità per agognare ad un obiettivo simile e in quel malaugurato caso per la Sardegna sarebbe una catastrofe. Pe stare in Europa e nel mondo bisogna anche avere certe qualità che noi non possediamo.

Adriano ha detto...

Per Leonardo Melis: Se facesse un convegno sulla bandiera, toglierebbe via futili argomenti di divisione ad IRS...Non so se ci starebbero. Vabbè che avrebbero sempre altri argomentoni di spessore: La Demuru ultimamente nella campagna elettorale è impegnata a parlare di non-violenza e non-nazionalismo, il primo perché ovviamente gli altri movimenti sono tutti spietati guerrafondai nazifascisti con la pattadesa in bocca (compresi i Sardisti), il secondo invece interessa tantissimo ai Sardi: Non si sente altro tutte le mattine per le strade, la gente parla di questo fantastico "non-nazionalismo" nei bar, nei panifici, sul trattore e ne parlano persino le badanti rumene. Sarà un successone di voti per il movimento. - Bomboi Adriano

Zazen di Rostock ha detto...

Egregio sig. Anedda, le porgo le mie umili scuse per cotanta mancanza di rispetto nei confronti di una personcina tanto a modo come Lei. Vorrei sapere dove ha letto che Angioy è il mio eroe, non mi pare di aver mai scritto una cosa del genere. Angioy poi cercò l’appoggio dei francesi solo dopo il fallimento della rivoluzione, non prima… ma non pretendo mica che una persona come Lei che usa la storia per dimostrare presunte incapacità ataviche di un popolo arrivi a comprendere questa semplice cosa.
Io l’indipendentismo lo insinuo dove e quando mi pare, a prescindere dal suo permesso, egregio sig. Anedda. I castrati mentali che rimpiangono i savoiardi li lascio volentieri al loro misero destino da repressi, io preferisco pensarmi libero.
Lei continui a diffondere queste idee, mi raccomando… e non si dimentichi di dire chi sono i suoi referenti politici, la prego.

Rispettosissimi saluti,

Daniele Addis

shardanaleo ha detto...

Lei addis mi ricorda alcuni sardisti dei tempi dell'indipendentismo e del vento che TIRAVA... LA VERITA' IN TASCA e la presunzione... ma per la miseria, ogni volta che nasce un movimento pro sardinia deve per forza essere rovinato da persone che escludono ogni altra verità che non sia quella dei loro DOGMI e dei loro SIMBOLI?
Gli Arborea possedeavano ambedue i SIMBOLI e non è scritto da nessuna parte che gli spagnoli avessero i MORI come loro bandiera e i SARDI s'ARVURE contro il nemico. E' una favoletta messa in piedi di recente, Quella de s'arvure come bandiera nationale. Mentre la provenienza spagnola dei mori è invenzione vecchia, guarda un poco da parte di una studiosa che sarda non era.
la verità è che i MORI BENDATI figuravano nella maggior parte delle casate regnanti europee, che così si rapportavano alla discendnza di CROCIATI se non di TEMPLARI stessi.
poi se vogliamo adattare la storia ALLA POLITICA... beh! abbiamo diversi esempi che non piacerebbero ai miei antichi amici dell'IRS (parlo di Gavino, di Juanneddu sedda ecc..).
pensiamo solo al SOLE CELTICO adottato da bossi che è mera invenzione. Si trova questo simbolo in TUTTE LE MASCHERE SARDE e in tutte le culture dell'età PRECEDENTE al Crisitanesimo.ma la Lega ne ha fatto un simbolo LEGHISTA e legato alle loro presunte origini... la faccenda de S'ARVURE non è diversa. Si tratta di un simbolo adottato dai TEMPLARI e presente ad HAR HARKOUM (il monre di Dio nel sinai) persino l'albero dell'EDEN era rappresentato con sette rami e tre radici.
Quindi per cortesia, discutiamo pacatamente senza accendere IL SACRO FUOCO DELLA VERITA' ... che non appartioene (interamente) a nessuno di noi.
Kum salude
leonardo

Davide Casu Artista ha detto...

vedete quello che vi dicevo:
se la questione dell'indipendentismo stagna nella diatriba d'elite, dove in stile sovietico il partito detiene il monopolio di ciò che è giusto (sono simpatizzante molto critico con iRS), allora il progetto indipendentista è detinato a estinguersi nei prossimissimi anni.

Zazen di Rostock ha detto...

Sig. Melis, quale parte della mia frase introduttiva dove dicevo che non ho nesuna verita in tasca e che di queste cose è sempre utile parlare per confrontare le diverse opinioni e le diverse conoscenze le ha fatto desumere che io fossi un presuntuoso con la verità in tasca?
Ho solo esposto il mio punto di vista che mi sono fatto leggendo testi di storia sarda di Francesco Cesare Casula, Mastino e Brigaglia e il libro sulla bandiera di Franciscu Sedda. Ho letto anche la storia di Leonardo Alagòn di Giovanni Proto Arca nel libro di Mirella Scarpa Senes. Lei per me può avere benissimo ragione, si confronti con gli storici suoi colleghi e li convinca che è così come dice Lei, ma le insinuazioni sulla sardità o meno degli studiosi che sostengono cose a Lei non gradite se Le potrebbe benissimo risparmiare.
Non capisco perché se la sia presa così tanto, veramente, eppure i miei toni mi sono sembrati pacati. Ho solo fatto un discorso sul significato dei simboli che possono anche prescindere dalla loro origine storica. A mio modo di vedere (puramente personale, non ho la pretesa di dare alcuna valenza di verità assoluta a ciò che sostengo… cos’altro le posso dire per non farmi dare dell’arrogante?) i 4 mori OGGI sono legati molto strettamente all’autonomia e nella maggior parte delle persone esprimono un non ben motivato orgoglio sardo in Italia, facendoli sentire “italiani speciali”. Ognuno oggi gli attribuisce la valenza che vuole (autonomista, indipendentista e anche unionista). La scelta di un altro simbolo è servita solo per uscire da questo miscuglio. Scelta opinabile che può non piacere, ma che vedo che quanto meno è servita a suscitare interesse intorno a quella storia.

Il sacro fuoco della verità, del quale io non ho nemmeno una fiammella, non appartiene a nessuno di noi, ma a volte Lei sembra dimenticarsene.

Saluti,
Daniele Addis

shardanaleo ha detto...

Benedetta gioventù.... :-)

Zazen di Rostock ha detto...

Ok, cerchiamo almeno di fare ordine e partiamo dal presupposto che io sono ignorantissimo e che invece Lei ha dalla sua parte una grande conoscenza DOCUMENTATA di tutto ciò che sostiene.
Partiamo dai templari: non ho nessuna difficoltà a credere, di fronte a prove, che entrambi i simboli siano di origine templare. Giuro che il mio indipendentismo non è legato ad alcun passato mitico. Anche se fossimo sempre stati un popolo di schiavi io sarei comunque indipendentista, anzi, a maggior ragione lo sarei. Mi interessa molto la verità storica, soprattutto per quanto riguarda la Sardegna viste le menzogne che ci vengono propinate a scuola. Quindi, la prego, non pensi di me che io sia uno fissato con qualche presunto passato mitico dal quale non si vuole staccare.

Dove posso reperire prove documentali o fotografiche che attestino l’origine templare dei due simboli? Quando ha scritto “sopratutto i mori bendati, già appartenuti al gran maestro dei templari Hugo de Payns nel 1050” immagino che intendesse dire “nel 1150” visto che Hugo de Payns mi risulta essere nato intorno al 1070. Vorrei vedere (una foto o un documento o un articolo) l’insegna templare di Hugo de Payns con i 4 mori inseriti nella croce di S. Giorgio (che i templari hanno usato come loro simbolo, anche se non era una loro invenzione);
Vorrei poi sapere se sia possibile vedere una foto dell’albero templare, perché facendo una ricerca (veloce e approssimativa) tra i simboli usati dai templari non l’ho trovato. Che significato aveva per i templari?

Dove è possibile trovare prove dell’uso dei quattro mori (non della croce di S. Giorgio e basta che veniva usata da mezza Europa… basta anche vedere la bandiera georgiana attuale che al posto dei mori mette 4 croci rosse) da parte dei giudici di Arborea?

La ringrazio per le sue eventuali delucidazioni

Daniele Addis

Zazen di Rostock ha detto...

No, mi sa che non è nemmeno nel 1150 visto che de Payns è morto nel 1136... quando e dove Hugo de Payns ha usato i 4 mori bendati?

Adriano ha detto...

Per Daniele Addis: Che a livello sociologico i 4 Mori per i Sardi siano solo il simbolo dell'Autonomia è una fesseria messa in giro da IRS per i propri aderenti. Chiedi a qualsiasi persona che esibisce la croce di San Giorgio con i Mori che cosa gli rappresenta...genericamente ti dirà: "La nostra terra, il Popolo Sardo, i Sardi, la Sardegna", qualcuno dirà anche la "Nazione". E' probabilmente oggi l'unica cosa che unisce i Sardi. Al posto di metabolizzare il simbolo, il nazionalismo di IRS non solo lo associa all'Autonomia fregandosene dell'attuale sentire comune del Popolo (come usava fare il vecchio nazionalsocialismo), ma si riconosce in una bandiera rispolverata da un passato che comunque - i Sardi attuali - per una serie di ragioni, non conoscono. Insomma, dal nazionalismo post-sessantottino in salsa Sarda si è arrivati al vero e proprio nazionalismo ottocentesco di matrice romantica, con spruzzate di panarabismo...dove si cercava la continuità ideologica dai fasti del passato ad oggi. A tutto questo aggiungete 2 uova di anarchismo ed avremo il nazionalismo non-nazionalismo di IRS...Ma la cosa più singolare di questo nuovo partito Ba'th in salsa Sarda (a parte fortunatamente la non-violenza che comunque in Sardegna non è una novità) è che poi si va a criticare ricercatori come Leonardo Melis per la sola "colpa" di aver esposto un altro punto di vista nell'approccio col passato dell'isola. Il problema è sempre quello: da che pulpito la predica! Gente che pretende di stabilire un modello politico, a sua volta va a contestare le stesse cose a terzi (che però si occupano di storia e non di politica). Mi viene in mente l'Hitler che mandava i suoi in oriente alla ricerca dei miti ariani perduti per poi divulgarli come verità suprema sancita e confermata DAL PARTITO. - Bomboi Adriano

Zazen di Rostock ha detto...

Bene, come al solito Bomboi si lancia nel suo sport preferito, lo sparger sterco su chi non la pensa come lui, molto democraticamente. Ovviamente non conta nulla il fatto che io abbia detto in tutte le salse che sto cercando di esporre una mia opinione basata su letture e documenti che possono essere parziali e fallaci quanto si vuole, ma io aspetto molto pazientemente che me ne sottopongano altri per confrontarli e, magari, trovare un qualche punto in comune. Per Bomboi aver ritirato fuori l’albero deradicato dagli ambienti accademici e degli eruditi e aver cercato di parlarne a coloro che lui evidentemente giudica degli ignoranti lobotomizzati che attendono una solida guida (la sua possibilmente, oppure di qualcuno che si adegui perfettamente al suo pensiero) è una colpa perché mette in pericolo l’unità del Popolo sardo. È divertente che uno come lui accusi gli altri di nazismo e continui con accuse sconclusionate. Ma non eri impegnato nella campagna elettorale con Fortza Paris e Massidda? Pensavo che ti saresti finalmente impegnato a fare qualcosa invece che a dire agli altri cosa fare e ad accusarli di chissà quali misfatti per il fatto di non essersi adeguati ai tuoi voleri.
Non ho criticato Melis, stavo cercando di parlarci e di capire il suo punto di vista. È una cosa normale e si chiama dialogo tra persone. L’ho detto in tutti i modi che cercavo quello e che non era mia intenzione attaccare nessuno e questa tua ennesima uscita, caro Bomboi, dimostra inequivocabilmente TUTTA LA TUA DISONESTÀ INTELLETTUALE.

Adriano ha detto...

Se tutti gli intellettualmente disonesti come me cercassero l'unità tra le forze (non solo) politiche della Sardegna, non saremmo nella condizioni di essere divisi per mille motivi...anche per un alberello...- Bomboi Adriano.

Zazen di Rostock ha detto...

Che bello, saremmo tanti allegri intellettualmente disonesti uniti appassionatamente.
iRS e i suoi espontenti di alberello e 4 mori ne parlano volentieri portando le proprie opinioni e conoscenze e in nessun testo o documento ufficiale del movimento è stata manifestata l'intenzione di voler eliminare la bandiera dei 4 mori. Vedo anzi come segno positivo il fatto che si accenda l'interesse sulle loro origini. Spero che si organizzi non uno, ma tanti dibattiti pubblici a riguardo e che i sardi, proprio perché si parla della loro bandiera, partecipino sempre più numerosi.
Tu continua pure nella tua opera di denigrazione di chi non si adegua al tuo pensiero.

Daniele Addis

Davide Casu Artista ha detto...

Con rispetto per tutti e due, senza retorica, però voi non vi avvedete di una cosa fondamentale, ossia che questa esegesi di per se ai sardi non ineteressa. bisogna capire che la Sardegna non è fatta solo di intellettuali o di studiosi ma annovera gente comune più incline ad altre stupende conoscenze, pensiamo al mondo agro-pastorale per esempio. Vi si trova pure gente che semplicemente non vuole occuparsi di queste tematiche stupende, che hanno una loro valenza ma solo inter nos. Ne viene da qua che evidentemente costoro abbiano bisogno di altri riferimenti identitari e che tali riferimenti non possono che risiedere se non nella cultura di massa. Politicamente parlando, l'indipendentismo sardo non attechisce perchè, nonostante il terreno sia ottimale, i processi di coltivazione non sono corretti, ossia il concime è quello sbagliato. Il paradosso sta nella politica che ristagnando nella diatriba politic-ideologica solamente, per quanto in ottima fede, non aggiunge e raggiunge l'individuo con mezzi esterni a se stessa... insomma, va bene parlarne, e tra di noi serve ad arricchirci, ma toglietevi dalla testa che questa possa essere una cosa che possa interessare alla stragrande maggioranza... bisogna incentivare la musica di massa in lingue minoritarie, un cinema non solo di nicchia, una nazionale di calcio sarda, organizzare tornei con euskadi, catalunya, scozia, irlanda etc etc
ma magari mi sto sbagliando... ma se penso ai discorsi di gavino sale che in campagna elettorale se ne esce parlando all'elettore di eros e tanatos è ovvio che costui non lo voti. paradossalmente il miglior discorso di Gavino sale è stato quello all'ultimo incontro di sardegna democratica, quando il discorso non l'aveva preparato...
in definitiva posso anche condividere bomboi, se non si arriva ad una unità vera dell'idipendentismo, quindi irs deve cominciare a pensare alle coalizioni senza presupporre di avere il monopolio dell ideale indipendentista, allora una sardegan indipendente non la vedremo mai... non si sommano i voti si moltiplicano, si finanzaiano eventi, etc etc

Zazen di Rostock ha detto...

Scusa Davide, ma sei mai andato ad un incontro di iRS? Mica si parla di bandiera. Si aprla delle cose che dici tu qua e pure di economia e territorio.
Di bandiera ne parla Franciscu Sedda quando lo invitano le associazioni culturali per parlare del suo libro. Che senso ha fare del benaltrismo quando qua si stava parlando di storia sarda? iRS ha una strategia chiara che può piacere o meno, ma l'obbiettivo È quello di unire i sardi. Agli altri partiti indipendentisti che chiedono l'unità mica gli impedisce di unirsi: lo possono fare e dimostrare a iRS che uniti si vince. O si vorrebbe un'unione elettorale simil italiana in cui si miachiano tutti per ottenere un risultato e poi non riuscire a governare a causa della disomogeneità? Gli altri lo possono fare.
Questa cosa del monopolio delle idee sull'indipendentismo È un'invenzione dei vari Bomboi & Co. Nessuno ha parlato di monopolio, anzi, iRS accoglie con positività la varietà di approcci all'indipendentismo, basta che ognuno lavori seriamente nel territorio per guadagnarsi la fiducia della gente.

LE guide illuminate che vorrebbe Bomboi (e altri) hanno fatto il loro tempo. Chi ci crede ancora può provarci riunendo insieme tutte le altre formazioni. Io gli faccio i miei migliori auguri.

Adriano ha detto...

Segnalo la lettera inviata qualche giorno fa (anche in privato) a Renato Soru ed Antonello Cabras: http://www.sanatzione.eu/2010/04/lettera-agli-on-li-soru-e-cabras-su-riforme-e-indipendentismo/

Buon weekend a tutti!

Bomboi Adriano

shardanaleo ha detto...

amici miei...sono quarant'anni che lotto contro i mulini a vento predicando l'IDENTITA' dei Sardi e spesso mi sono trovato solo... ora non è più così. Ci sono diversi partiti indipendentisti che a parer mio farebbero bene a dialogare... ma a me questo ormai può anche non importare più (o si?). da tempo ho smesso di occuparmi di politica.
Il mio cuore sanguina quando ad attaccarmi sono coloro che più dovrebbero capire le mie ricerche. Dei nemici non mi interessa.
però DANiele, posso rispondere ad alcune delle tue domande anche adesso... kum amistade.
Una cosa su tutte: il numero dei MORI non è rilevante. A cagliari vi è uno stemma (in Castello) con 5 CINQUE MORI BENDATI.
E' importante che si tratti di MORI BENDATI (sulla fronte). Come anche tu dici, erano nelle maggiori case nobiliari europee. Quindi confermi quanto detto da me precedentemente (Anche un papa aveva i TRE MORI nello stemma). Lo stemma di HUGO DI PAYNS lo trovi in due o tre dei miei libri: sono MORI BENDATI (mi pare tre) la FACCENDA DELLA CROCE è legata al discorso CROCIATO (come gli stessi mori). ABBIAMO bandelas con la croce e senza mori e bandelas con i mori senza la croce. Quella sarda è la più completa.
1050.. non so cosa avevo in mente con quella data... ma ce l'ho ancora in testa... I templari ancora non erano costituiti... nel 1150 qualcosa invece è accaduto: uno JUDIKE SARDO, amico di Bernardo di Clairvaux probabilmente adottò la BANDIERA CROCIATA di Hugone de paganis. Si tratta di GUNNAR (GONARIO) di TORRES. CROCIATO e Templare. In francia è venerato come SANTO.
L'albero sradicato era uno dei simboli sacri templari. Rappresentava le sette potenze planetarie e la trinità... proprio come la MENORAH ebraica.
Che i Judiki di arbaree fossero templari, sopratutto Leonora, è provato anche da immagini con tanto di vestiti ricoperti di CROCI TEMPLARI PATENTI. E da altro... troppo lungo da elencare qui...
Kum Salude e benevolenza.
leonardo

Zazen di Rostock ha detto...

Sig. Melis, La ringrazio sinceramente per questa sua risposta e non capisco veramente perché altri intervengano per gridare al reato di lesa maestà solo perché qualcuno esprime dubbi e fa domande. Capisco che spesso Le sia capitato di essere attaccato ingiustamente e ingenerosamente, ma Le assicuro che non è questo il caso.
Solo una precisazione: quando parlavo di simbolo diffuso in tutta Europa (e oltre) mi riferivo alla croce di S. Giorgio, non ai mori. Questo non perché sostenga che i mori non fossero diffusi, ma perché era un’informazione di cui non ero a conoscenza, quindi La ringrazio ulteriormente.
Queste informazioni però non mi sembrano cozzare così tanto con quella che vede l’unione di questi due simboli per la prima volta da parte di Pietro d’Aragona. Mi pare che possiamo concordare tutti con il dato che la più antica attestazione dell’emblema che riunisce in sé mori e croce di S. Giorgio risalga al 1281, no? Fino a questo punto quindi non mi pare che le diverse informazioni e teorie siano così inconciliabili.

Il discorso dell’albero deradicato invece mi riesce più difficile seguirlo. Sarà stato sicuramente un simbolo che i templari hanno accolto tra i loro, come anche la croce di S. Giorgio, non mi sembra che ci sia da stupirsi di questo. Tutti (o molti) i simboli del tempo derivano da rielaborazioni di simboli precedenti o vengono ispirati da uno stesso tema, quindi non c’è da stupirsi nel trovare delle somiglianze. La cultura cristiana era il vero effetto globalizzante del tempo. I re sardi erano in contatto con le altre famiglie nobili europee, quindi mi pare normale che la simbologia che andava per la maggiore avesse effetto anche su di loro.
Quindi, diamo anche per scontato che l’albero deradicato abbia origine templare, siamo d’accordo che da un certo punto della storia in poi quel simbolo ha rappresentato quanto meno i regnanti di Arborea?
È logico pensare che i sardi abbiano combattuto contro i catalani, per esempio, sotto la bandiera con quello stemma? Sedda cita una lettera scritta al re d’Aragona dopo la battaglia di Seddori in cui gli si comunica che è stata presa la “bandiera dei sardi”. Si trattava di quella con l’albero deradicato o con i 4 mori? A me verrebbe più logico pensare che in giudice di Arborea usasse quella con l’albero e che i sardi vi si riconoscessero, ma magari non è così.
Per quanto riguarda l’albero e i numeri 7 e 3, pur ammettendo che inizialmente si fosse ispirato a simboli precedenti o a numeri sacri, poi bisogna ammettere che in alcune rappresentazioni non sia stato rispettato il disegno originale:
-nella chiesa di S. Serafino a Ghilarza i rami sono 7, ma le radici non mi sembrano 3: http://www.servimg.com/image_preview.php?i=10&u=13035748

-nella moneta risalente al tempo di Guglielmo di Narbona invece rami e radici sono in numero di 5: http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-GEOSAS/1

-pure nello stemma a Oristano con l’albero e il cavallo rampante fatico a trovare questi elementi: http://static.panoramio.com/photos/original/20210803.jpg

Comunque la ringrazio vivamente per le informazioni che mi ha dato e ovviamente, se vorrà continuare questa discussione, non potrò che essergliene ulteriormente grato.

shardanaleo ha detto...

se gli amici del blog e il nostro anfitrione (Juanne) non si annoiano, io non ho niente in contrario. Lo faccio quatidianamente nel mio forum e in altri di archeologia e storia.
Puoi trovare l'albero integro nella sua originalità nello STEMMA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO.
Ai tempi in cui frequentavo assiduamente il forum di POLITICAONLINE (anche la sezione di Irs), facemmo una ricerca sui COMUNI che possedevano S'ARVURE. ne trovammo decine e decine. Alcnuni però, come anche tu hai scritto, non rispettano la SIMBOLGIA iniziale.
Nelle rappresentazioni millenarie dell'ALBERO, questa simbologia è sempre rispettata. personalmente ho trovato immagini a
- CRETA (1500 a.C. circa),
- Mesopotamia: albero dell'E.DEN
- SINAI: Har harkoum, Negeb, affiancato alla MENORAH e a una navicella del tipo SHARDANA in bronzo.
- La cosa più curiosa fu in gioventù, l'aver visto il DESDIKADU nello scudo del cavaliere HYVANOEH, quello del primo romanzo storico che diede origine alle saghe di ROBIN HOOD. Lì per lì non riuscivo a capire dove potesse esserci un collegamento, poi notai che anche là erano coinvolti i Templari e una PARENTELA della casata di RICCARDO CUOR DI LEONE con i JUDIKES di arborea... curiosità:
- LEONORA era il nome della madre di RICCARDO
- CARTA DE LOGU simile alla MAGNA CARTA del fratello di riccardo, Giovanni senza Terra.
- TEMPLARI erano le armature dei due regni
- hivanoeh era CROCIATO e parente del re, LUI aveva l'INSEGNA dell'ALBERO SRADIKATO e combatteva i tornei mascherato e con il nome di DESDIKADU, appunto.
Occhio che stiamo parlando di un romanzo, seppur STORICO, ma il buon SERGIO ATZENI insegna che...
I COLLEGAMENTI con la casata degli ARBAREE ci segnalano che i JUDES sardi avevano parentele e allenaze in tutta europa. Ed erano POTENTI. tanto che CATERINA DA SIENA chiede al JUDIKE di ARBAREE di allestire una CROCIATA. A lui, non ad altro regno ritenuto magari potente perchè risulta negli scritti di storici ITALICI. la colpa però è nostra che "DISPREZZIAMO METTERE PER ISCRITTO LE NOSTRE COSE E I NOSTRI SEGRETI" Per dirla alla GIULIO CESARE, che i Sardi li stimava.
Kum Salude
leonardo

francu pilloni ha detto...

Deu po sa politica seu comente is tedescus po sa barzelletta: arrìnt tres bortas: una candu dd'intendint, sa segunda candu dda contant, s'urtima candu dda cumprendint.
Aici est accuntessiu a mimi po su Cungressu de su Partidu sardu de Portotorres, in su 1981: ddoi fui, hia fueddau de su palcu, mi fui cummoviu meda, ma forzis no hia cumprendiu nudda, mancai hessi zaccarrau is manus candu Carlu Sanna hiat finalmenti fueddau de indipendenzia.
Hoi, mancai sia sempri de su pareri chi sa "revoluzioni" de su 1794 no siat stetia una cosa populari, ma una spezia de indecenzia, torru grazia a Zuannifranziscu e a Gigi Sanna, poita, assumancu immoi, a trettu de trint'annus, hapu cumprendiu cuddu cungressu.
Forzis, in su coru, dd'hia cumprendiu primu puru, giaichì, candu andu a votai, inciddu ghettu a sa parti de is indipendentistas, chene cumbinzioni, timendu puru de ddu sprecai.
In donnia modu, andeus ainnantis, tirendu su carru mancai comente giùlus scumpangiaus.
Sempri mellus de abarrai firmus a prangi asuba de su chi podiat essiri e no est stetiu.
Forza paris, sempri!

Zazen di Rostock ha detto...

Sig. Melis, La ringrazio ancora per il prezioso tempo che concede a me e al blog per spiegare queste cose. Il fatto è che più ne parliamo e più vedo che le sue teorie storiche e quelle di altri non sono affatto inconciliabili, per questo spesso fatico a capire i reciproci attacchi tra studiosi/appassionati della storia della Sardegna.
Considerando infatti che Lei sostenga che i giudici erano dei templari (o post-templari visto che i templari sono stati ufficialmente soppressi nel 1314 circa) e che l’origine dell’albero fosse templare, ed appurata anche l’evoluzione che quel simbolo templare ha avuto nel territorio del giudicato con la perdita della simbologia originaria (legata ai numeri 7 e 3), mi sembra pertinente l’ipotesi che vede un mutamento del significato di quel simbolo all’interno del territorio sardo, una sorta di evoluzione che ad un certo punto ha magari reso superfluo il rispetto della regola numerica in virtù di un’indicazione più strettamente “statuale”. Questo potrebbe aver legato più strettamente quel simbolo al territorio, anche se non è nato propriamente lì (è illogico pensare che i regnanti di Arborea si fossero inventati di sana pianta il simbolo, piuttosto potrebbero aver preso un simbolo preesistente per farlo loro).

Stessa cosa per quanto riguarda i 4 mori: il fatto che mori da soli e croce di S. Giorgio fossero simboli già noti, mi pare che poco levi alla notizia che siano stati messi insieme dalla cancelleria di Pietro il grande e che dalla Spagna siano giunte in Sardegna sotto quella forma (4 mori + croce) su navi da guerra. Questo ovviamente non esclude che la simbologia dei mori e quella della croce in Sardegna fossero già note.

Con sempre maggiore stima e gratitudine,

Daniele Addis