giovedì 18 marzo 2010

E gasi sos giornales nos istichint sas noas

Dia dèpere èssere contentu chi oe sos giornales no apant faeddadu de s'aprovu, in su Consìgiu provintziale de Casteddu, de sas "Arregulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda". Est un'operatzione prus de àteru eletorale e, mancari aproada a s'unanimidade dae sos consigeris provintziales, isballiada, a gradu de partzire sa limba sarda e, de cada sorte, de non l'afortire comente si tocat. Ma b'at pagu de si cuntentare e meda de s'inchietare pro sa tzensura fata dae sos cotidianos sardos chi ant brivadu sa gente de ischire it'est capitadu.
S'unu cotidianu, presu a su tzentrumanca, teniat interessu a contare su chi una giunta de cuss'ala at fatu; s'àteru cotidianu, presu a su tzentrudereta, ait interessu a contare sas reatziones contràrias chi b'at àpidu. Inimigos in totu, ma non in sa tirria insoro contra a sa limba sarda. Nche bogat s'ogru a unu tzurpu s'atrivimentu de sos diretores de sos duos giornales prus mannos de detzidire pro nois, it'est chi podimus lèghere e ite nono, cales noas podimus ischire e cales nono. E, mancari, si una noa chi compret dae Casteddu si podet lèghere in Tàtari o in Nùgoro. Pro bona sorte nostra, oe b'at Internet in ue podimus agatare su chi cherimus ischire. Ma si gasi est, ita bisòngiu tenimus de sos giornales de papiru?
Sa nova istichida dae sos giornales sardos at biagiadu e est comprida a totue. Inoghe, cherende, si podent lèghere. Ma, torro a nàrrere, ite bisòngiu b'at de giornales chi nos tratant che fedos?
Sa totografia inoghe a costàgios est de su mensile Eja, iscritu in sardu. Dae pagu est essidu su segundu nùmeru chi, a chie cheret, podet iscarrigare incarchende inoghe. A crepu de chie cheret interrare, cun atziones cuncretas o cun su mudìmine, sa limba sarda, custu mensile mustrat comente in sardu si podet iscrìere de totu, de polìtica e de archeologia, de literadura e de fatos istràmgios.

PS - iRS est su primu partidu in Sardigna chi at tentu s'osadia de leare unu pessu in contu de limba sarda e de LSC. L'at fatu cun custu documentu:

iRS – indipendèntzia Repùbrica de Sardigna denuncia l’iniziativa della Provincia di Cagliari che ha votato nella giornata di ieri all’unanimità in Consiglio Provinciale una normalizzazione grafica della variante meridionale del sardo (Arregulas po ortografia, morfologia e fueddus de sa norma campidanesa de sa lingua sarda), con il risultato di sancire politicamente la divisione della lingua sarda in due vere e proprie lingue, intese arbitrariamente come “campidanese” e “logudorese”.
La Provincia di Cagliari, già responsabile del non utilizzo ingiustificato e grave di ingenti fondi per le politiche linguistiche concessole dallo stato italiano (367.000,50 euro nel 2005, 149.000,25 nel 2006, e 30.000,00 nel 2007 ottenuti con la legge L.482/1999), si caratterizza per la sua politica “separatista” nei confronti delle altre istituzioni sarde che stanno sperimentando la norma LSC, ritagliandosi uno standard “fai-da-te” che non tiene conto di tutta la complessità culturale del sardo ma solo di una parte, strumentalizzandola simbolicamente.
iRS considera il multilinguismo una ricchezza e una dimensione fondamentale per l’esprimersi della libertà dell’individuo. In tale contesto ritiene di capitale importanza valorizzare le lingue presenti, tradizionalmente e non, sul territorio della Nazione Sarda.
Nell’ambito di valorizzazione e uso attivo delle lingue tradizionali, iRS ritiene doverosa l’applicazione di politiche linguistiche che rafforzino la caratterizzazione funzionale e non solo simbolico-folclorica delle proposte.
Il sistema linguistico sardo è un sistema unitario, nel quale le differenze fonetiche sono considerate una ricchezza di forme espressive e non possono essere utilizzate arbitrariamente per stabilire rigidi confini interni. iRS ritiene che una norma scritta unitaria seria e ragionata debba essere il trampolino di lancio per un utilizzo maturo e serio della propria lingua storica nel futuro.
iRS considera la proposta della Regione Autonoma della Sardegna (LSC) emendabile in alcune sue parti, a favore della sua funzionalità, ma non sacrificabile sull’altare del rivendicazionismo culturale e linguistico, che indebolisce la sua forza comunicativa e di diritto, mentre rafforza lo stato di subalternità nei confronti della lingua statale.
La Provincia di Cagliari si appresta a votare una proposta che divide arbitrariamente la lingua sarda in due lingue, sfruttando le costruzioni mentali e culturali frutto di decenni di opposizione al processo di rivivificazione della lingua sarda.
L’appello al Presidente della Provincia Graziano Milia, al Presidente della Commissione Cultura Palmas (il quale ha affermato che “con lingua sarda si intendono la varieta’ campidanese e logudorese, che hanno la stessa dignita’ e che questa Provincia adotta la variante campidanese”), è quello di frenare una deriva sotto-culturale che ostacola lo scambio culturale tra i territori sardi, impedisce l’utilizzo dei fondi della L. 15.12.1999 n.482 (che parlano di lingua sarda nel suo insieme), restituisce una visione e una progettualità di basso livello culturale e politico per il sardo, patrimonio indistinto di tutta la Nazione.


Sardigna natzione puru at leadu positzione cun custu comunicadu:

Sardigna Natzione Indipendentzia, convinta che la lingua, la cultura e la tradizione siano i tre elementi nei quali risiede l’anima della nazione sarda, assume una posizione severamente critica in ordine al voto espresso all’unanimità dalla Provincia di Cagliari martedì 17 u. s., in approvazione della delibera relativa all'adozione - ogni qualvolta l'amministrazione provinciale debba servirsi della lingua sarda nella redazione di atti, documenti, avvisi - della norma campidanese contenuta nel testo “Arrègulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda” elaborata da un c.d. Comitato scientifico per la norma campidanese del sardo standard.
Partendo dal dato legislativo di tutela della lingua sarda nella sua unitarietà, Sardigna Natzione è favorevole ad ogni esperimento di normalizzazione locale, legittimo ed auspicabile in fase di passaggio dall’oralità alla scrittura, ma rigetta l’idea di suddividere ufficialmente la lingua sarda in due lingue diverse e contrapposte.
In questo caso, data l’enfasi e la formalità con la quale la si è sottolineata, la suddivisione rischia di avere conseguenze politiche gravi ed inammissibili, pur screditata come è dall’assoluta arbitrarietà ed empiricità, ostacolando di fatto una normalizzazione nazionale e insinuando nell’immaginario degli stessi sardi l’idea di una nazione divisa in uno dei suoi pilastri fondanti.
Domandandoci a chi torni comoda questa immagine – a quale sardo torni comoda, precisiamo - ribadiamo che la tutela e la valorizzazione della lingua sarda non possono mai passare per una confutazione della sua essenziale unità, semmai per una assunzione del dato della sua ricchezza lessicale per respingerne una visione frammentaria e perciò stesso depauperante.
Nel caso della Sardegna, le differenze fonetiche e lessicali locali non sono una deminutio della unitarietà linguistica, così come non lo è l’altissimo grado di variabilità genetica individuale, rispetto al dato genetico unitario e geograficamente omogeneo della gente di Sardegna.
Mascherando la delibera da baluardo contro i persecutori del sardo, la Provincia adotta dunque un provvedimento che, contrapponendosi alla sperimentazione oramai avviata – anche in Sardigna Natzione, nei suoi comunicati interni - di uno standard regionale, pare si muova, in realtà, contro l’unità linguistica, culturale e nazionale dei sardi.
Nell’ultimo piano triennale della Regione Sardegna, la norma grafica unitaria del sardo è passata in Consiglio Regionale, ed è utilizzata in molti comuni delle province sarde e negli uffici linguistici regionali.
Stante che la lingua è quella che si parla - con la sua multiforme ricchezza locale - ed il passaggio dall’oralità alla scrittura ne determina una rappresentatzione, Sardigna Natzione ribadisce la necessità che questa rappresentazione sia unitaria in tutto il territorio nazionale.

9 commenti:

Mauro peppino ha detto...

Ho votato iRS alle elezioni regionali del 2009 e del 2004, capisco le intenzioni enunciate nel documento che critica la delibera della provincia di Cagliari, ma non le condivido.
In LSC ho scritto la dedica del mio ultimo libro, mi pareva una buona scelta.
Ma il popolo è sovrano e se quello della provincia di Cagliari vuole il campidanese così sia!
Spero che i sostenitori della LSC prendano atto della cosa e che rivolgano le loro competenze e le loro energie nella direzione ben illustrata dal Prof. Massimo Pittau.
Non credo che l'adozione da parte della regione sarda di un modello linguistico trivarietale (lugudorese, campidanese e gallurese) possa rappresentare un ostacolo alla realizzazione della repubblica sarda.

p.atzori ha detto...

Se la scelta della provincia di Cagliari è dettata da amore per la lingua sarda pace, ma se fosse dettata dalla volontà di contrastare la scelta politica di intraprendere un cammino di unità linguistica dei Sardi allora si tratta della solita stupidissima politica dei locos.
Sciolto questo nodo sarei d'accordo con Mauro Peppino.

Abdullah Luca de Martini ha detto...

SARDÍNNIA: CURTURAS E LÍNGUAS DIFERÈNTIS

Saludi. A parri miu sa detzididura de sa Provinça’e Càllari espressat s’arrealidadi sceti, ne prus ne mancu: in Sardínnia dhoi at cuàturu línguas indígenas noulatinas òi: logudoresu e campidanesu, galluresu e sassaresu, is primas duas de unu grupu, is segundas de un’atru. Is assótzius mundialis de linguistas dhu testimonjant (castiai su códixi ISO 639-3, su jassu www.ethnologue.com / Languages of Italy ecètera), e nòsi ndi acataus nòsu totus, si non teneus su paraògus. Mancai custa situatziòni dispraxat a calincunu, candu is sistemas gramatalicalis (est a nai fonologia, morfologia e sintassi, in prus de is fuèdhus umperaus) bessint diferèntis e comunigai a pari est barrancu mannu, tocat a chistionai de línguas e totu, e no si cuai desuta’e “bariantis”, “bariedadis” o atru, chi nci funt aintru’e dónnia língua e indidant intamus is mudàntzias piticas de bidha a bidha. Agoa no si dèpit scarèsci chi a donniuna de is cuàturu línguas no dhi mancant obras literàrias. Sa situatziòni est custa ca s’istória at ocasionau custu: pòdit èssi chi siat una farta, ma pòdit èssi un’arrichesa puru.
Sardínnia est innanti’e totu unu lómini jogràfigu, cumènti’e is fuèdhus Itàlia e Ispànnia, e un’ísula de sèi, cumènti’e ísula, no tènnit po fortza una natziòni sola o una língua úniga.
In beridadi, a sa própiu manera chi s’Itàlia e s’Ispànnia tènnint medas curturas e medas natziònis, in Sardínnia puru bivint unas cantu’e gèntis diferèntis. No dennègu chi de Natziòni Sarda si potzat chistionai, ma si dhoi at, cussa est una “Natziòni de Natziònis”, po dhu nai cumènti afirmat sa lèi ispanniola: bollinai una natziòni conjugada a su prurali.
Liju chi IRS e SN funt primadas cun sa Provinça’e Castedhu, e dèu, chi no cuncòrdu nemancu cun s’assentu’e scriidura chi cussa at sçoberau, a is de IRS e SN dhis pregòntu:

• poita no si funt chesçaus tanti candu sa própiu cosa dh’at fata chini pigat sa LSU o sa LSC?
• fortzis timint a chitai s’independéntzia’e sa Sardínnia s’umperu’e su sardu de Cabu’e suta?
• fortzis ind unu stadu, comarca o arrejòni dhoi dèpit èssi una língua arreconnota sola?
• fortzis candu sa Sardínnia fiat líbbera dhoi fiat una língua ufitziali sola, e si proibbiant is atras? E fortzis intzandus dhoi fiat unu stadu unitàriu solu?

E si pòdit açungi: a su tempus de is nuraxis fotzis si chistionàt una língua sceti? Chini nòsi dh’amostat?
No bastat a tzitai Ispànnia, Svítzera o Belju, ma arremònu chi in Perú calisiollat língua logali est ufitziali sigumènti arreconnota, e, tanti po ndi argunas, in s’Uniòni Soviétiga passada is línguas de Ceremissus e Morduinus fiant ufitzialis in duas “bariedadis” (bollinai línguas) e sa de is Vógulus-Ostiacus in tres.
S’agualamentu’e sa bidea de terra cun sa bidea de natziòni úniga est un’eredadi mala de su natzionalismu oprimidòri de s’Otuxèntus, arrexòni’e sçacus mannus in s’istória probiana: a caristia sa mentalidadi centralista est bia tambèni, e bòllit arremprasai su stadu italianu cund un’atru stadu, sardu e pitichedhu ma acentradòri. Po chi su spetat a igusta chistiòni, a palas apubu unu pentzamentu fadhiu: su logudoresu iat èssi sa língua pura de is Sardus sintzillus, is Sardus bèrus, e is atrus iant èssi burdus. A mèi mi parrit una cosa arratzista de spreai: gosintisidha is chi ndi funt cumbintus, is tzurpus ecisaus chi sighint a Wagner, grandu linguista ma arromàntigu arratzista arrorosu puru, chi peròu no dh’importàt nudha de propostas assuba’e línguas ufitzialis.
S’efetu’e custas atziònis est chi is Sardus si spartzint de prus, e intzandus dhu nau ladinu: is campidanèsus tènnint una literadura de trexèntus cincuanta annus e prus, de Para Antoni Maria de Stertzili fintzas a Frantziscu Carlini, e no intèndint sintidu’e inferioridadi perunu cun nèmus; no arrenúntziant a sa língua intzòru, ne fuedhada ne scrita.

Abdullah Luca de Martini - Càllari

Mauro peppino ha detto...

scusamia Abdullah Luca de Martini, tottu su chi as nau esti praxili, ma chi Abdullah bollidi narrridi ka ti ses cunvertiu a s'islam e iasta a bolli chi sa Sardinnia siada una repubblica islamica.
Deu prefrexiu a mindi scaresci de su sardu, pediri s'asilu politicu a Calderoli inveci de mi ponni paneri a susu a pregai po Allah.

zuannefrantziscu ha detto...

@ Abdullah
Una dimanda e bia: s'istandard campidanesu cale est, su tuo o su de sas "Arrègulas"? Ponide.bos de acordu e nos lu faghides ischire, pro praghere.

Elio Doniselli ha detto...

C'è un altro giornale interamente in sardo molto più serio e molto più avanzato di "Eja". Trattasi di "Noas in sardu", un settimanale dell'associazione ABLS, che si può ricevere gratuitamente via e-mail semplicemente inviando un messaggio all'indirizzo abielleesse@yahoo.it. Le notizie riportate su tale giornale comunque si possono leggere anche su Facebook nel gruppo "Noas e artículos in sardu".

Abdullah Luca de Martini ha detto...

Tiu Zuanne, cun igussas “Arrégulas” no nc’intru po nudha, no dhas apu scritas dèu: pentza chi in sa parti italiana ant umperau su fuedhu ovvero cun su sintidu de ‘bollinai’ (cumènti chi fessit ossia o ovverosia), e no de ‘o’, ‘o puru’! Dónnia assentu’e grafia si pòdit mellorai e no dèpit bènni unu dogma: a mèi, cund unu tecrau tramudau, m’iat a praxi a usai is símbulus arègus β, γ e δ po no lassai latinu sceti s’abbicí; e nudha tressat a imbentai un’atru arfabbetu mellus puru. Po mèi, segundu su chi biu aui bivu, is prioridadis funt: 1) s’umperu in dòmu; 2) s’umperu cun sa gènti e s’imparamentu a scola; 3) is àutus ufitzialis. Saludi e trigu.

igna ha detto...

ho letto eja.e' fatto molto bene, sembra "gara"di euskadi.credo che il problema maggiore sia farlo arrivare a chi,specialmente le persone di una certa eta',non usufruisce di internet.per la distribuzione cartacea si potrebbe vedere se gli amici di irs,sn etc. sono disposti ad aiutare.per il continente i circoli sardi,almeno il formato informatico, potrebberlo promuoverlo

Elio Doniselli ha detto...

Credo che con i circoli sardi ci abbiano già provato in tanti senza successo, purtroppo non sono affatto interessati alla promozione della lingua, anzi alcuni di essi addirittura osteggiano e costringono ad andarsene ogni persona seria che voglia veramente valorizzare il sardo.