mercoledì 18 febbraio 2009

Un'eccellente situazione di sardità

Che la sardità sia stata il filo conduttore della campagna elettorale è un dato incontrovertibile. Non sono poi tanti, a stare agli spot visti in Tv, i candidati che hanno cercato voti cantonali, quelli che si sono proposti come “difensori del territorio” (depravata parola di nuovo conio che tende a cancellare persino il nome della regione della Sardegna cui si appartiene) o paladini del proprio vicinato (“Ho un solo interesse da difendere”, l’Ogliastra, o la Gallura, o il Sulcis). C'è insomma una sardità come status distintivo e come idea di identità.
Quanto al sardismo, coscienza del fare sardità, le cose sono andate meglio del prevedibile: si è diffuso trasversalmente (tenga pazienza Gavino Sale se lo intruppo in un concetto che gli dispiace, ma qui si parla di sardismo come capacità di autodeterminarsi). A parte il 3,7 raggiunto dai movimenti indipendentisti, che non saranno rappresentati per via di una legge sciagurata, penso al Psd’az, ad Insieme per l’autonomia, all’Uds, ai Riformatori sardi, a Fortza paris, ai Rossomori, a qualcosa come 16 o 17 deputati regionali, ciò che mai si è realizzato nei 60 anni e rotti di autonomia.

Leggi tutto

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Seguru est chi no eus a lassai chi is passus fatus po sa lingua nosta fintzas a imoi siant annuddaus. Po cantu mi pertocat seu pronta a furriai s'impignu miu de simplimenti literàriu chi est, a impignu militanti, chi depessit essi chi, comenti in su cincuxentus, unu Papa nieddu modernu e televisivu, mi privit su manìgiu de sa lìngua mia. Paola Alcioni

zfrantziscu ha detto...

Paola istimada, deo non so seguru chi campe finas a cras. Ma so seguru chi, campende, amus a èssere in meda contra a su Papa nieddu, semper e cando essat a campu. Carotadu comente si cheret carotadu.
Ma ti fatzo una dimanda: cui prodest iscadenare una gherra contra a su sardu. L'ant fata sos giacobinos de cada gasta e l'ant pèrdida. E fiant tempos chi su moimentu pro sa limba fiat milli bias prus dèbile.

Paola ha detto...

Fradi miu stimau, no est una gherra sa chi timu, ma movimentus prus suterràneus e alliscinosus che anguidda: cussus chi lassant curri su tempus lassendi logu a su citiri preitzosu e a su scarescimentu. Chi agiudant in mala fede su “lassamìstai” e atzitzant su sentidu de ridìculu e sa pagu stima de sei. Ma tenis arrexoni: bollu pentzai in bonu! Imoi po calisisiat Papa nieddu bastaus fintzas tui e deu…

maria ha detto...

Ma mi toccada a iscriere in sardu?
Deo dhu foeddo ma non isso iscriede.
Quindi....accettate il mio italiano?

Paola ha detto...

Iat a depi arrespundi su meri de domu. Po mei andat beni, Maria...

zfrantziscu ha detto...

A Maria e a Paola,
inoghe semus totus meres de domo (bastante chi si diat cara a sa bona criàntzia) e in custa domo b'at sistema bilinguìsticu.

Anonimo ha detto...

Francu Pilloni scrit:

O ZFP,
intendiu dd'has su telegiornali sardu de Rai 3 de is duas?
Cappellacci hat nau chi po su G8 de Sa Maddalena preferit is gigantis de Monti Prama a is Brunzus de Riace!
Sa de duas una: o dda pensat comente tui, o puru su Guvernadori nou liggit custu Blog.
Sa cosa e s'atera no mi podint fai che prexeri.
E a tui?
Francu

gigi sanna ha detto...

O Fra', dd'apo nau jeo ( e iscrittu) chi tocat a tennere in cussideru totus so Sardos? Cappellacci puru, mancari non mi andet meda. Sena 'sardismu' in su tempus benidore istrada non si nde faet. Totus si nde sunt acatande. Depimos ponnere paris sas fortzas pro unu Movimentu Mannu de sos Sardos. Po sas bandelas (duas, tres, deghe, chentu) amos a biere.
Fortza Paris cun Monti Prama, cun Tzricotu, cun sa limba sarda, cun s'Istoria e sa Religiosidade de Sos babbos nostros!