mercoledì 17 marzo 2010

Un po' di arregulas per affossare il sardo e vincere le elezioni

Un micidiale impasto di urgenze elettorali (in primavera si vota per la Provincia di Cagliari), di ignavia della Regione sarda e di potere di una lobby accademica farà si che oggi la giunta di Graziano Milia farà approvare dal Consiglio provinciale di Cagliari le “Arrègulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda”. Il disegno, lungamente accarezzato dai più fieri oppositori accademici e no di una visione unitaria della lingua sarda, avrà dunque una sanzione politica.
“Il provvedimento all'attenzione dell'assemblea” si legge in dispaccio dell'Adnkronos di ieri “è legato al progetto della Provincia di istituzione dello “Sportello provinciale della lingua sarda” che vuole dare attuazione alla normativa nazionale e regionale in materia di lingua sarda, prevedendone l'applicazione nei settori dell'amministrazione”. Apparentemente, dunque, si tratta di uno strumento interno agli uffici della Provincia, una normalizzazione di ortografia, fonetica, morfologia e lessico di una varietà locale del sardo e, in quanto tale, benvenuto. Così come sarebbe benvenuto un analogo provvedimento riguardante la Marmilla e la Baronia, il Sarrabus e il Montagnino, l'Iglesiente e il Costerino.
Ma è nel progetto complessivo “di uno standard (quello della lingua sarda) con due norme (la norma del Campidanese e la norma del Logudorese)” che saltano fuori le magagne e, soprattutto una confusione che non è fine a se stessa. In esso si dice che la Lingua sarda comuna, adottata dal governo Soru (compagno di partito del presidente Milia, ma di corrente opposta), “propone per la Sardegna una sola norma, la logudorese”. Quindi si afferma che, con le “arregulas”, il campidanese adotta una sua norma e si invita il logudorese a darsi la propria. Che evidentemente non è quella della Lsc: se no che bisogno avrebbe il “logudorese” di darsene un'altra?
Il disegno è un altro e non bastano, per sincere che possano essere, le assicurazioni dell'attuale presidente della Provincia e candidato a succedersi, che afferma la sua convinzione che il sardo sia una lingua unica. La realtà è che una parte, non so quanto grande, degli autori de is arregulas lavorano per due standard e due lingue (ne fa fede il tono del dibattito seguito all'articolo del professor Bolognesi). In una discussione avvenuta tempo fa in un giornale telematico, del resto, ci fu chi, linguista di chiara fama e fervida sostenitrice del doppio standard, parlò di due lingue e suggerì l'esistenza di un contrasto nazionalistico fra “logudorese” e “campidanese”.
Quale possa essere questo disegno è difficile persino immaginare. Di sicuro c'entrano le prossime elezioni provinciali, per due ragioni. La prima è che la Provincia di Cagliari deve far dimenticare di aver dovuto restituire allo Stato, per incapacità di spenderlo, l'intero finanziamento pubblico, 367.000,50 euro nel 2005, 149.000,25 nel 2006, e 30.000,00 nel 2007, ottenuti con l'impegno di utilizzarle per la tutela e la valorizzazione della lingua sarda. La seconda è più direttamente elettorale: sconfessare l'operato di Soru (con lui abbiamo nulla a che fare) e titillare i possibili alleati, in primis i Rossomori che, sulla questione del doppio standard si sono sempre spesi e, in seconda istanza, gli accademici cagliaritani della linguistica sarda cui questa lingua considerano un corpo da sezionare per i loro raffinati studi, religiosamente fatti in italiano.
“Chiedetemi di parlare in francese, in inglese o in arabo, ma non in sardo” disse uno di loro agli studenti di un master di lingua sarda. Del resto, a certificare l'impegno degli accademici della linguistica dell'Università di Cagliari, bastano queste cifre ufficiali (Piano triennale della Regione): nel periodo 2002-2007 quell'Ateneo ottenne, per investirli in lingua sarda, 3.564.000 euro, ne spese 1.382.715 (appena il 39 per cento) e dovette restituirne più di 2 milioni. E, a quel che pare, neppure se ne vergognano. Che sia colpa della Lsc e dell'imperialismo linguistico logudorese sul povero campidanese? "Imperialismo linguistico" non è espressione mia: ne parla il progetto di Arregulas, senza nemmeno arrossire un po'.

12 commenti:

Roberto Bolognesi ha detto...

Non seu de acordiu cun su titulu!
Iat essi mellus: "come affossare il sardo standard e PERDERE le elezioni!"
E lo dice uno di sinistra!
Non è tutta colpa di Papi e dei suoi paggi, se si perdono le elezioni.
Con amici così, non abbiamo bisogno di nemici!
Chi può credergli a questi? (custa mi dd'apu pensada in sardu)
Quelli che già credono a dei marpioni molto più marpioni di lo!

Mauro peppino ha detto...

Egregio Bolognesi,

mi sa che bisognerebbe ascoltare il saggio Tziu Massimu Pittau, che a istituzionalizzare il sardo ci ha provato quando ancora noi eravamo alle elementari!

Se questa cosa della provincia di Cagliari va in porto credo che la soluzione politica migliore sia quella di avere tre varianti, campidanese, lugudorese , gallurese!

donovan ha detto...

Peppì! Oh Peppì!!! Là che il gallurese non è sardo...non riniziamo ad incasinarci per piacere!

Comunque...lasciamo che i "sudisti confederati" festeggino la loro giornata del tanto atteso riscatto campidanese, quando verrà il momento di tirar fuori i pippi per fare qualcosa di concreto e non soltanto proclami le cose cambieranno radicalmente.

Mauro peppino ha detto...

Mister Donavan,

po tui no esti sardu, po mei esti unu sardu amesturau cun su corso!

Su gadduresu esti unu mix sardu-corsu!

unu mix chi po mimi esti comunzeu in su neoliticu mediu (V milleniu a.C.).

zuannefrantziscu ha detto...

dae Anna Cristina Serra

Deu creu chi a su pagu fundoriu no nc'apat làcana! Cali est su campidanesu sovradialetali de is cantadoris campidanesus chi in medas biddas de su chi issus nant Campidanu no ddoi ant mai cantau e mai ant lassau arrastu?
Eita est custa prepotentzia de ndi scancellai totus is adobius giai fatus de Sardus a Sardus in nòmini de una limba chi pratzit e no adobiat a nemus chi no is pagus interessus de chini invecis de si cunfrontai e spèndiri po unu sardu de totus ancora insistit a nai ca is Sardus no si cumprendint fra issus? E chini tenit interessu ancora a pratziri is Sardus? Chi custa est una "manovra" eletorali a chini est fendidda scipat ca nc'at "campidanesus" chi si funt arroscius dediora de s'intèndiri fatu a arrogus e pratzius e intzulliaus contras a is àterus sardus. E seus in medas a dda pentzai diaici! Duncas tiraindi is conseguentzias chi prus si parint giustas. Seus unu populu sceti e mancai in is seculus apant circau de si pratziri seus abarraus de cuss'idea e no at'essi' una decisioni de unu Contzillu provinciali, mancai de importu, a si dda fai' cambiai ca eus tentu primu de nosu Genti Manna chi s'at sinnau custu caminu e a chini trabballat po is pratziduras pratziu at a abarrai.
Deu seu nascia in Campidanu e chistionu e iscriu su campidanesu: nemus mai m'at obbrigau a scriri o fueddai in nisciun' àteru modu ma m'acatu ca chi 'oleus otenni su chi si spetat, in calisisiat cussroxa, depeus èssiri impari e no pratzius. A tènniri duas variantis est a tenni' duas limbas e duncas a èssiri duus populus. Ma nosu seus custu? E m'iat a praxi' puru a pregontai comenti mai scridoris e poetas e registas etc. etc. chi di annus i annus funt scriendi, imperendi e onorendi "su Campidanesu" -ma funt po unu sardu de totus- mai funt stetius cumbidaus a nai eita ndi pentzànt de custa "normalizatzioni campidanesa". E cali est sa timoria? A pratziri ancora no ingollit, a parri miu, a perunu logu. Deu m'arriscu a fai' una proposta: poita invecis no s'adobiaus totus impari e cicaus de sciolli' custu nuus chi funt arrischendu de si pratziri in domu nostra, mancai lassendu chi calincunu strangiu chistionit sceti po sa parti chi ddi cumpetit? Deu creu chi lassendu a foras de s''enna, fortzis, calancuna perdixedda in sa crapita, cun sa bona volontadi si potzat fai'.

Cassintegrato LSC ha detto...

No, dai, non scherziamo: la LSC ci serve!
Io mi ci sono creato un lavoretto, ci ho tirato fuori qualche soldino, niente di male, bisogna pur campare. Con la giunta nuova qualcuno si è riciclato, ha messo a tacere qualche sito internet ed ha guardato che vento tirava, e magari ogni tanto scrive in questo sito con lo peudonimo canterino.
Ma a noi poveri cassintegrati della LSC ci pensate? Su pane est su pane...

Mauro peppino ha detto...

Gentile Anna Cristina,
non siada aicci pessimista (ammurriolada), in Svizzera fueddanta ufficialmenti italianu, tedescu, francesu e mi paridi ki....
Ki in sardinnia poneusu su Campidanesu, Lugodoresu e su Gadduresu commenti variantis ufficialis de su sardu non biu nisciuna difficultadi , anzi sa differenzia poidi esseri bia cumenti una arrikesa.

In atru logu appu nau cha sa LSC mi andada beni (mi adessi andau beni finze su berchidessu (du cumprendu mancai siada aillargu de Isili), ma chi sa provincia de Casteddu (25% dei sardus) adi deccidiu de deliberare po su campidanesu, considerendi ka s'Ottimu ornitologu Marmiddesu Francu Pilloni appena dai scippiu esti andau a fai deliberai sa cosa finzas a su mediu campidanu (scherzo), politicamenti toccada andi pigai attu e a fai cummenti adi propostu Thiu Massimu Pittau!
Ka de sa LSU n'desti stettiu giai scaddau!

Mauro Peppino


Scusate il mio sardo scrivente, senz'altro peggio del mio italiano scrivente, anche se sono isilese parlante

francu pilloni ha detto...

Mi ci tirate dentro di continuo nella questione della lingua sarda e io sto al gioco, anche se si fa ogni giorno più pesante.
Qualche settimana fa qualcuno si lamentò perché ai politici nostrani poco importa della lingua sarda.
Mai l’avesse fatto!
Ecco che arriva la smentita, forse non clamorosa come si aspettava l’interessato, se è vero che il giornale radio regionale (lo ascolto al mattino in auto mentre vado in vigna) nulla ha detto ieri, nulla oggi.
Is Arregulas (riuscite a immaginarla questa parola in bocca ad un Aquilino Cannas o ad un Faustino Onnis?), furono presentate in primavera come proposta da calibrare. In quel momento dissi la mia, per quel poco che riuscì a capire dal libretto che ci fu dato al momento.
Che cosa non mi sta bene?
Primo e soprattutto l’approccio alla nostra lingua, non di grande rispetto come mi pare doveroso, ma con presunzione. L’arroganza, mi venne da pensare, del chirurgo che comunque ti vuole “aprire” non per guarirti, ma per dimostrare che ha ragione lui, qualunque cosa abbia diagnosticato su di te.
Si è raggrumato una sorta di manipolo di esperti, autoproclamato comitato o agenzia o accademia: ognuno ha lasciato traccia di sé: c’è il poeta improvvisatore (cantatori de palcu) che rende gli onori ai Cantadoris (non ai poeti, di cui parla Pittau), illuminato e infatuato dal raduno annuale dei cantadoris baschi, dipingendoci un panorama idilliaco, quando tutti sappiamo che, vicino a pochissimi bravi, si muove la truppa che infarcisce il sardo di italianismi.
Non parlo del linguista, perché io sono incompetente, ma le sue tracce le ha lasciate nella proposta ortografica spagnoleggiante, con le parole piallate, anzi spianate con la ruspa, così come nella LSC che a Falconi non fa specie, ma quando scrive “emmo”, no si converte a scrivere “emo”, come pure sarebbe nella nuova regola.
Gli esperti poi si lanciano anche nell’indicare il lessico (su fueddariu), come se i campidanesi, linguisticamente parlando, non sappiano distinguere le parole che dicono. E qui si vede l’impronta dei veri esperti, che sono riusciti a confondere anche per iscritto “propiu” (piovuto, part. passato di proiri) con “propriu” (proprio, pronome e aggettivo), che propongono una varietà lessicale che copre il territorio da Cagliari a … Capoterra, che non è la fine del mondo (in nessun senso) e neppure il limite del territorio provinciale.
Hanno dimenticato che la Provincia de Casteddu comprende, altre il Campidanu mannu, il Sarrabus, la Trexenta, parte del Sarcidano, parte della Marmilla, s’infiltra in Ogliastra e arriva sino a Seulo, che è Barbagia?
Quando hanno aperto un blog per parlare di regole, mi rispondeva sempre uno con un nick che non conosco, mi pare che non ci fosse neppure alla presentazione ufficiale, e chiudeva la discussione, ogni volta, ricordandomi che lui parlava solo in base alla scienza linguistica e non terra terra come faccio io. Fra l’altro, era uno che sino al giorno prima parlava e scriveva leporinamente, e si capisce quale miracolo abbiano operato in lui is Arregulas.
Io non so se Milia vincerà o meno le elezioni (detto fra noi, non me ne importa neanche tanto), forse qualcuno spera che le vinca e si ricordi di aprire questo benedetto sportello linguistico provinciale. Almeno in tre o quattro stipendi riuscirà a spendere i fondi statali della L. 482.
Che è sempre meglio che restituirli, ma è ancora peggio se li spreca.
E allora cosa faccio?
Questo lo so: come diceva mio nonno, farò come fanno a Bosa dove, quando piove, lasciano che piova (mentre a Capoterra, poveri loro!, quando piove salgono sui tetti).

Roberto Bolognesi ha detto...

O Francu, babbu trabballát in Santuanni Miniera.
Non nc'intrat nudda cun sa discussioni, ma tanti, fintzas a candu non si setzeus faci a pari cun unu butillioni de binu e unu pagu de pani e sartitzu, cun tui non fait a discuti!

francu pilloni ha detto...

Babbu puru ddoi hat taballau a Santuanni, ma prus de totu a Pozzo Gallo e a Casargius.
Cun deu no fait a inci raxonai mancu pappendu e buffendu.
Seu diventendi becciu e no seu comente sa cranaccia.

mario ha detto...

Il veleno antisardo è nel testo della delibera relativa all'adozione - "ogni qualvolta l'amministrazione provinciale debba servirsi della lingua sarda nella redazione di atti, documenti, avvisi - della norma campidanese contenuta nel testo Arrègulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda” elaborata da un c.d. Comitato scientifico per la norma campidanese del sardo standard.
Infatti il testo, che potrebbe essere valido o non valido e che comunque s'aggiunge alle tante pubblicazioni amatoriali sulla lingua sarda fatte con tanta buona volontà ma senza criteri scientifici, viene assunto tassativamente ed esclusivamente in antitesi ad una norma unitaria della lingua sarda.
Gli estensori del testo animati da una contrapposizione alla LSC e sostenitori della divisione in due parti del sardo , visto in maniera manichea come formato dal logudorese e campidanese, evidentemente e totalmente ideologista, arbitraria e dilettantesca, si son fatti strumentalizzare da vecchi volponi antisardi della politica per motivi elettoralisti.
Il risultato è , non di ridiscutere o emendare o arricchire la LSC, ma di porsi di traverso con l'unico risultato di minare l'unità culturale della nazione sarda, a unico vantaggio della lingua italiana quale lingua utilizzata da tutti i sardi in forma ufficiale.
Un bel favore al colonialismo culturale.
Presentare questa delibera alla fine della legislatura, rivela il maldestro tentativo di alimentare un improbabile subnazionalismo campidanese da utilizzare elettoralmente contro l'inventato avversario logudorese..
Stante che LSC sta a un inventato logudorese visto come un bau bau, come le cipolle all'aglio, ed è il risultato di un diverso approccio alla normalizzazione, portato avanti da scienziati della lingua di ben altro livello degli autonominati "accademici campidanesi" e che può evolversi con la sperimentazione, il tentativo è quello di erigere un muro ostacolante la sperimentazione della LSC nella Provincia di Cagliari.
I colonialisti linguistici e i loro fedeli amici sanno bene che "divide et impera" è il più antico metodo per cancellare le lingue.
Naturalmente il " fatto compiuto" non rimarrà tale con il prevedibile futuro risultato elettorale, che adesso diviene auspicabile affinchè questa delibera venga annullata.
Che poi sia stata approvata all'unanimità non è certo un punto a favore ma al contrario spia di un conformismo anch'esso elettoralistico che non tiene ad esempio conto che la stragrande maggioranza della popolazione della Provincia di Cagliari e di recentissima immigrazione da ogni parte della Sardegna e che richiederebbe uno studio particolare per avere un quadro linguistico certo per poi operare in conseguenza sia per valorizzare le parlate originarie che per tenere conto dei nuovi apporti e dei sempre più numerosi italofoni esclusivi che vorrebbero imparare il sardo o per dare la tutti comunque questa opportunità se lo desiderassero.

Elio Doniselli ha detto...

Il dialetto sardo si trova in una situazione talmente miserabile che sarebbe difficile affossarlo.