domenica 22 febbraio 2009

Sas atitadoras de sardismu e autonomia

“Il sardismo è morto, l’autonomia pure” tocat a mortu un’artìculu de “L’altra voce”.
Belle chi sa pelea eletorale siat agabada, b’at a chie pessat chi sa propaganda siat a gradu de mudare sas cosas. Su sardismu est mortu? Si podet dare, ma petzi in cudda realidade virtuale chi faghet cala in sos disìgios. Sos partidos e sos moimentos chi s’intendent parte de su sardismu ispainadu, del sardismo diffuso, sos chi ant postu sas raighinas issoro petzi in Sardigna bastant prus de su 20 pro chentu de s’eletoradu.
Si ponimus s’unu a costàgiu de s’àteru si podet bìdere chi custos partidos e moimentos (Psd’az, Fortza paris, Uds, Insieme per l’autonomia, Riformatori sardi, Rossomori) ant a pònnere in su Parlamentu sardu o 17 o 18 deputados, chi sunt pagu prus o mancu su 22 pro chentu de sos 80 cussigeris. Non so ponende in contu Irs e Sardigna natzione chi no ant a èssere in Parlamentu petzi pro neghe issoro, pro s’avesu chi tenent de fàghere còrdulas de musca bastante de non s’aunire.
Cal’est tando sa chistione? Craru, su tzentrusinistra e sos cantores suos cussìderant sardistas e autonomistas petzi sos alliados issoro Rossomori, sos àteros o sunt traitores o sunt teracos de Berlusconi o ambasduas sas cosas. Su sardismus e s’autonomismu o sunt paris cun su Pd (e in tempos colados cun Pci, Pds, Ds) o sunt che a nemos, o galu pejus “di destra”, chi pro issos no est unu logu de sa polìtica, ma unu frastimu, un’irrocu. Est custu partidu chi seberat sos fideles dae sos infideles, su chilivru de su sardismu est isse chi lu manìgiat.
“Sos sardistas sunt istados semper de manca” s’est intesu narende in sa propaganda de su tzentrusinistra, mai s’est intesu s’imbesse, chi su tzentrusinistra est istadu, nessi una bia, sardista. Dae cue sunt essidas sa botzadura de su referendum pro sa base de sa Maddalena, s’impostada dae palas de unu botu segretu contra a sa prima lege pro sa limba sarda, sa curcuriga integrada a su Partidu sardu dae Prodi pro sa lege chi faveddaiat de soverania sarda, e gasi e gasi.
Unu pagu de autocrìtica non diat noghere. Pd e alliados si diant gasi pedire pro it’est chi su belle totu su sardismu s’est istracadu de li donare sàmbene e miuddu a chie mancu l’ant carculadu e pro ite at isseberadu de bastare a chie, tenende ancas conca e coro in Sardinna, lu garantint de prus. Dae custa ala est essidu s’apògiu a una Carta fundamentale de sa Sardigna, “Istatutu novu de sa natzione sarda” chi, semper a cando at a èssere aprovadu, li diat dare a s’Isula totu sos poderes e totu sas cumpetèntzias chi li bisòngiant. Dae custa ala est còmpridu s’aprovu de sos deghe puntos de su programma de su Psd’az.
In sa trampa de “sa traitoria sardista” nch’est rutu finas s’amicu corale Roberto Bolognesi, iscriende in Diariulimba chi su de su Partidu sardu est istadu un “cambiamento di alleanze”. Pro su chi pesso de lu connòschere, Bolognesi no est de sos chi intre su beru e su partidu issèberat su partidu. E duncas credo chi in su Rennu de Olanda in uve istat siat istadu malamente informadu: su Psd’az est istadu in s’opositzione de su guvernu de Renato Soru e duncas no at bortuladu peruna alliàntzia. S’unica bia, a su chi m’amento, chi at apretadu su guvernu de Soru a fàghere una cosa sardista est cando at fatu pònnere sas paràulas “soverania sarda” in una lege. Su guvernu de Prodi l’at botzada pròpiu pro custas allegas: sa soverania est de s’Istadu, at naradu Prodi. E sos partidos de manca a sa muda.
No at a èssere de badas chi su presidente de sa Provìntzia de Casteddu, Graziano Milia, at ghetadu a su Pd suo un’apellu pro chi si bortet in unu partidu identitàriu. Su chi, a bi so ca, no est.

13 commenti:

p.atzori ha detto...

Finia sa pelea eletorale, como si podet narrer: s'autonomia, su sardismu sun mortos de meda e non ddos cherent, non ddos cherides interrare ca nan chi serbint ancora po si setzere in sa Regione. Zente meda penzat chi sardismu e autonomia s'agattant in vida, ma si si movent est ca ddos attaccant a s'elettricu comente a Frankstein. A ddue penzare bene in su 1981, s'annu de Portuturre e de s'art.1, ieo ddue fuo, su sardismu fuidi giai mortu. Su PCI, enemigu de donnia autonomia vera, in su 1976 dd'aiat acabbau a su sardismu poninde a unu de sos Melis in sa lista eletorale sua. Apustis de 80 annos de sa naschida, sunt tres generassiones, su pagu frutu chi sa mata de su sardismu devia iare dda zau. De suguru no est resurtau a nosi faère connoschere sa vera autonomia (cudda de su latte e de su mele). S'attulinu de Lussu (s'autonomia) teniat sa runza e si ch'est mortu chene azzappare manc'unu sorighe. Tenet arresone in pieno Omar Onnis e comente si tenet arresone!
Ddue cherrent ateras 'ideas po jughere sa Sardigna a si libertare e sos sardos a bivvere comente sardos e no comente ascaros de sos italianos. Sa natzione nostra ada agattare atteru modu de si affortigare, su Psd'az, Lussu, Bellieni, po me est istoria passada.
Sos giovanos de IRS d'ant cumprendiu bene comente semus postos, mi piaghent meda. Solu
non cumprendo ite cherent narrer cun "non nazionalismo", a mimmi mi paret una fesseria chi devent aère leau de s'armamentariu de sa sinistra "salottiera". Ma est pitica cosa, sunt giovanos balentes, ant a creschere.

zfrantziscu ha detto...

Atzori istimadu,
e,en attendant Godot, su 51,1 pro chentu chi in bennidore de sos 48 annos benientes sos sardos ant a dare a Irs, it'est a fàghere?
Colades s'ora chircande de nde dogare botos a sos sardismos chircande de cumbìnchere sos sardos chi cherent interrados?
O ais a imparare a nche essire dae su mundu virtuale in uve bos contades a pare cantu seis bravos e guistos, buscandebos unu mundu reale?

p.atzori ha detto...

ZFPintore carissimu, non colo su tempus criccande de interrare nessunu, cherio solu rispondere a su titulu tuu "Sas atitadoras de sardismu e autonomia". Su fatu est chi sos giovanos, chi oe connoschent varias limbas, girande peri s'Europa sunt aperinde sos ogos e mi paret chi sunt 'ogande a pizu ideas noas. Bisonza de ddos azudare. E bisonza de ddos azudare ca su periculu chi si che fichint in otorinos serraos este semper presente. Su Psd'az mi paret un attrezzu ezzu, certu menzus de nudda, ma mancante. In donnia modu depimus aunire sas forzas po achipire a risorvere sos problemas. Limba, triballu, energia, iscola, universitade, sanità e ateras cosas de massimu importu. Po sa limba si ddu este una cosa segura este chi su cdx sa chistione de sa limba d'at a ponner in coa a totu sa lista. Un'atera: seo ispettande ite dezidint subra sa chistione de su cullegiu unicu europeu, chenabura chi enit. Amos a bière. Adiosu e tenidi contu ZFP

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Leggevo l'articolo di Omar Onnis su l'Altravoce. Il quadretto mi pare chiaro: Un giornalista/editore di Soru fa pubblicare ad un attivista di un movimento ad egli inoffensivo (IRS) un messaggio ostile al neo-avversario del PD, il PSDAZ, e con esso l'autonomismo. Però nessuno ci ha ancora spiegato come diavolo si arriva alla piena sovranità senza il passaggio autonomista. La guerra dell'indipendentismo contro l'autonomismo compie oggi più danni delle inutili diatribe destra contro sinistra. Omar Onnis purtroppo, per portare l'acqua ad un mulino che non produce risultati elettorali, vende il suo oro di Bologna ad un signore che ha tutto l'interesse politico di denigrare il sardismo. Stiamo parlando di soggetti che considerano ancora uno schieramento politico italiano come moralmente superiore all'altro, questo significa che siamo ancora lontani in Sardegna dal vedere un moderno indipendentismo.

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Rispondo a Omar Onnis che ha tirato in ballo nel forum di IRS la mia risposta in questo blog per dire semplicemente che l'impianto della mia replica non è effatto tesa a mostrare la sua simpatia (reale o meno) verso il PD ma è tesa a sottolineare quanto il suo scritto sia stato puntualmente usato (dati i contenuti) da un giornalista tutt'altro che imparziale sotto il profilo politico....In più mi viene da riflettere..Com'è possibile cantare la messa a morto del sardismo nel momento in cui il sardismo ha dimostrato di tenere mentre chi stava quasi per "vincere" le elezioni ha fatto meno del previsto? Alla fin fine se 23.368 voti aveva SNI nel 1994, i circa 30.000 come presidente di IRS non rappresentano un successo politico epocale. Credo che tutti debbano tenere i piedi per terra, da SNI invece non devono tenere la testa sotto la sabbia...-Europeista-

Anonimo ha detto...

Francu Pilloni scrive:

Attitendu attitendu

È sicuro che quando si parla di politica, non ci azzecco neanche a pensare male. Ma dato che si parla di attitidu, la cosa m’intriga non poco.
Chi ha avuto esperienza sa che, per sapere chi è morto e perché, occorre porre orecchio alle attitadoras, ma per capirne il contesto, serve sapere chi le paga.
Omar Onnis è un attitadori sui generis perché, per sua stessa ammissione, il sardismo e il PSd’Az, sono morti vent’anni fa, almeno.
Si tratterebbe quindi non un attitidu corpore praesenti, ma solo una filippica contro un Cesarino morto, storicamente più inutile che pericoloso, o pericoloso oltre che inutile.
Un cadavere fatto a pezzi le cui spoglie si sono contesi nell’ultima campagna elettorale i poli della politica sarda.
Che poi l’ex presidente Soru abbia cercato di incarnare la figura messianica che riaccende il cuore di un popolo a cui vuol far attraversare un deserto, che abbia vestito persino i panni della tradizione, è qualcosa che lascia perplessi quelli come me, che in politica non ne azzecca mai una.
In altre parole, Soru tenta il miracolo di rimettere insieme i cocci del sardismo storico non per dare nuova vita alla “pazza idea”, ma poi ne commissionare l’attitidu?
Un intervento, quello di Onnis, stringente, aspro, ferrigno nei toni oltre che nel contenuto, acre e contrastato nei suoni con una scelta voluta di termini stridenti con tanti str, rz, spr,...
Insomma un vero e proprio tritastrutto.
Quello che ho capito meno è il richiamo finale ad un Sale già rifiutato, criticato come antistorico e illuso, e ai sardi in genere, vuoi a chi ha eletto Cappellacci (e sarebbero ormai anime perse!), vuoi a chi ha appoggiato Soru non amandolo neppure(solo "nominalmente", dice lui!).
ZFP, me lo spieghi, per favore?
Francu

zfrantziscu ha detto...

Caro Franco Pilloni,
non c'è granché da spiegare e comunque non è cosa che abbia a che fare con la realtà con cui tu, io e molte centinaia di migliaia di sardi hanno a che fare.
Quello di certi amici di Irs è un mondo virtuale in cui la realtà non è fatta di Franchi Pilloni, Graziani Milia, Gianfranchi Pintore, Cappellacci, Soru e altri abitatori del bestiario umano, ma di sogni virtuali in cui tutto esiste dal momento che gli amici di Irs lo scoprono.
Il mio articolo che tu hai avuto la bontà di commentare si è meritata l'accusa di essere "ideologico". Era zeppo di dati da cui ricavavo le considerazioni, buone o cattive non sto a dire, ma certo non "ideologiche". Il dramma è che ad accusare l'asino che sono io di essere un cornuto è un bue.
Ho sperato fino all'ultimo che Irs ce la facesse a entrare nel nostro Parlamento. Come sempre, il popolo sardo è stato più saggio di me.

Anonimo ha detto...

Mi sembra che qui discutendo di iRS si voglia tralasciare il problema sardismo. iRS col sardismo non c'entra nulla, si tratta di due mondi completamente distinti: da un lato chi vuole arrivare all'Indipendenza adagiandosi nell'autonomia (il Psd'Az), dall'altro chi ci vuole arrivare usandola come mezzo per risvegliare le coscienze (iRS). Gli Indipendentisti alla loro funzione assolvono benissimo: non si limitano ad essere l'ala estrema del sardismo, ma vanno oltre, cercando di spingere i Sardi, anche non indipendentisti, a costruire la futura Repubbrica de Sardinna. Il loro agire e i loro consensi rispecchiano quelli di altri movimenti europei simili del presente e del passato (chi ha teorizzato l'Unità d'Italia godeva di consenso ben inferiore).
Se invece confrontiamo il Psd'Az e il suo agire con quello di movimenti simili in ambito europeo, i nostri escono con le ossa rotte. PNV, SVP, Union Valdotaine nelle loro rispettive zone di competenza governano con maggioranza assoluta, difendono il proprio Popolo con ogni mezzo e ormai da anni hanno inserito nelle scuole la Lingua e la cultura Nazionale, se addirittura non dispongono di scuole proprie. Il sardismo no. E non l'ha fatto non perchè i Sardi siano diversi dai Baschi, dai Sudtirolesi o dai Valdostani (si parla molto più Sardo in Sardegna che francese in Val d'Aosta), ma perchè loro li considerano differenti. Sono anni che ce la menano coi Sardi ormai italianizzati, con la Nazione abortita, con il fatto che abbiamo bisogno dell'italia per sopravvivere, col velluto, le berrittas, le Launeddas, le pinnetas (vedi gli ultimi spot sardisti) e balle varie senza un briciolo di prova per tali affermazioni. Se glielo si fa notare rispondono con un ghigno arrogante dicendo che loro conoscono bene la realtà, che i giovani non sanno, che già ci pensano loro, ecc. senza mai una proposta concreta, un briciolo di programma, un atto chiaro che li legittimi a rappresentare da qualche parte il Popolo Sardo. Il Risultato: il Psd'Az oggi, dopo 80 anni di vita, ha il 4,5% e costituisce una parte minoritaria e insigificante della coalizione vincente alle ultime elezioni. Il PNV, la Volkspartei, l'Union Valdotaine governano da anni come partiti maggioritari e nonostante alti e bassi godono di fiducia indiscussa presso le rispettive popolazioni. Per cui chi ormai da vent'anni sta perdendo in Sardegna non sono gli Indipendentisti, ma il Psd'Az e i suoi figli. E la cosa peggiore è che più perdono e incamerano figuracce, più sono convinti di vincere (sempre perchè si confrontano con le avanguardie Indipendentiste nella loro stessa Nazione e non coi loro simili da altre parti). Oggi esultano per 4 consiglieri regalatigli da una coalizione italiana, come avrebbero esultato i loro gemelli nell'altra coalizione se avessero vinto, ma non si rendono conto che la Nazione Sarda non ha bisogno di certi sotterfugi ma di un Partito Nazionale Sardo serio che conquisti la maggiornaza assoluta, annienti i partiti italiani e ne prenda il posto al Governo della Regione Autonoma. Colpa dei Sardi se questo non c'è? Colpa degli Indipendentisti che assolvono alla loro legittima funzione? No,colpa del Psd'Az che non è riuscito a diventarlo!
Ed ecco perchè alla fine, italiano per italiano i sardi si sono scelti il più ricco, sperando che qualcosa entri anche nelle loro tasche....

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Caro Anonimo, una evidente lettura DI PARTE della situazione: Intanto i 4 consiglieri del PSD'AZ non sono regalati dal cdx ma conquistati da persone in carne ed ossa che alimentano il bacino elettorale del PSD'AZ. Se IRS avesse accettato l'incontro di Macomer avrebbe visto che non c'erano fantasmi. E' vero che il PSD'AZ per incompetenza dirigenziale ed intellettuale è calato rispetto ad altri suoi omologhi esterni ma questo è dovuto per buona parte anche ad un fenomeno che non esiste di pari portata altrove: L'indipendentismo che quì parla di risveglio delle coscienze NON HA UN PERCORSO e si divide dal sardismo. Mi pare ovvio che lo sfilacciamento di una base politica organica abbia prodotto questa situazione. L'indipendentismo di IRS e SNI non è credibile proprio perché a quel sardismo -che non è andato oltre il 4%- fa un risultato peggiore anche in ragione di quel mancato percorso menzionato. Zero consiglieri, come SNI nel 1994. La popolazione non la convinci con i volantini ed internet, devi entrare nel tessuto sociale, devi governare, iniziando a governare per gradi, anche in coalizione magari. E da quelle posizioni di governo cercare di trattare la Pubblica Istruzione e l'economia, solo allora risveglierai le coscienze. In Sardegna purtroppo abbiamo un sardismo che solo nel 2009 inizia a parlare convintamente di indipendentismo più del passato ed abbiamo movimenti come IRS e SNI che non governano, non spiegano quel percorso di governo (che si chiama autonomismo) e danneggiano chi ha finalità analoghe. (Più qualcuno ancora fermo al Marxismo anni '70). Tutto questo produce il disastro generale a cui assistiamo ad ogni elezione. Da quasi 20 anni la situazione non è migliorata nonostante una ripresa del sardismo diffuso. La dovete piantare col vostro sciocco settarismo, avete tante qualità ma questo è un danno storico evidente. Io mi chiamo Bomboi Adriano, se vuoi firmarti è meglio. Interloquire con nome e cognome è più convincente per chi ci legge.

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Aggiungo, il Partito Nazionale Sardo può esistere solo se tutte queste correnti troveranno un compromesso di dialogo, altrimenti farebbe la fine di un UDS alla Mario Floris o di un Fortza Paris o di un'altra sigla che finisce col centrosinistra. Un PNS non può eludere una componente storica Sarda fondamentale quale è il sardismo. Su questo punto possiamo essere d'accordo, solo non condivido il tuo eccessivo sbilanciamento verso IRS e contro il PSD'AZ.

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Terzo ma non meno importante: Diverse e buone tematiche di IRS sono la proiezione delle tematiche sardiste degli anni 80 e precedenti pure. Vennero riprese per buona parte dal Partidu Sotzialista, poi SNI, infine IRS. Anche IRS su molti elementi è figlia del sardismo. D'altra aprte senza l'articolo 1 dello statuto azionista, oggi non ci sarebbero forse i vari Sale e Cumpostu.

gigi sanna ha detto...

Bisticciatevi, insultatevi, fate a strumpa e a cazzotti ma parlate miei cari. E alzate anche i toni. Per me è musica nervosa e palpitante di 'launeddas'. Il sardismo una volta moriva nel silenzio e per il silenzio. Io sul tema ho già detto la mia e altro non aggiungo. Se non che manca molto tempo alle prossime elezioni e uno scazzotamento generale porterà, anche per esaurimento di forze, a stringersi di nuovo la mano perchè nel frattempo si capirà che l'avversario sornione si gusta il ridicolo di scatenate berrittas e specula su di esse stando da ben altra parte. Ma il Blog di Gianfranco, per quanto una bellissima e seguitissima finestra democratica, non è adeguato ad una disputa generale nella quale tutti i contendenti certamente ad una cosa mirano: alla completa libertà della loro terra. O mirano ad altro? Serve pertanto un'arena maggiore per le tribù sardiste, con penne di vittorie(!) elettorali e non, nella quale potersi confrontare e se necessario darsele anche di stanta ragione. Parlo (di questo ho già scritto nella Nuova Sardegna in tempi non sospetti) di un Congresso aperto in cui rifondare, come a Portotorres, quel sardismo 'critico' che dà calci in culo a tutti i compromessi e a chi di quei compromessi si serve per motivi che niente hanno a che fare con la libertà della Nazione Sarda.
Chi ci sarà ci sarà. Ma si badi: una tribù non spaventerà nessuno,due tribù neppure,ma tutte le tribù sveglieranno le coscienze sopite e faranno capire che ci sono molti o moltissimi Sardi sul piede di guerra.

p.atzori ha detto...

Mi trovo d'accordo con Gigi Sanna e auspico anch'io un congresso aperto tra tutte le forze indipendentiste e i cani sciolti come me, senza gerarchie di nessun tipo, né preclusioni ideologiche. Si potrebbe iniziare dai punti di unione più certi, per concordare un pezzo di strada da compiere insieme, unendo le forze.
Per parte mia conosco da tempo le vele sardiste che vorrebbero catturare tutto il vento indipendentista, quello ottenuto dalla somma di una pluralità di soffi, per spingere il veliero verso le pratiche di un autonomismo perdente (quello di coloro che si appropriarono indebitamente del “vento” di tanti giovani militanti per gonfiarsi le gote e strombazzare vecchie e inutili nenie, per ossigenarsi e accaparrarsi cadiras mannas, finendo per farli ammutolire e allontanare.).
Noi sappiamo che il sardismo del lumicino – “Vi abbiamo aspettato, abbiamo tenuto acceso il lumicino…” (leggi: il partito era ridotto allo stremo), cosi disse qualcuno all’indomani del congresso di Porto Torres dell’’81, per accogliere i molti giovani che erano entrati nel Psd’az. – è lì in attesa di giovane ossigeno che riaccenda la fiamma. Fiamma che poi i sardisti non sanno, non possono, o non vogliono utilizzare per accendere il fuoco, ossia per la mobilitazione generale verso il riscatto di tutti i sardi.
I giovani di adesso hanno iniziato una nuova via per il riscatto del nostro popolo, sono all'inizio. Mi trovo idealmente al loro fianco, sebbene ritenga che alcuni di essi hanno inconsapevolmente assunto i veleni del settarismo. La gioia non si sposa certo con la blindatura. Questa è la mia critica a IRS, da frade.
Ora, sebbene senta da decenni puzza dei cadaveri chiamati sardismo e autonomismo (sebbene nulla in casa sardista si stia facendo per la riduzione dei costi della politica, ad esempio l’abolizione delle province è battaglia dimenticata, non si parla di accorpamento di piccoli comuni, di riduzione del n. dei consiglieri regionali, delle loro prebende, delle loro pensioni da favola), questo non vuol dire che non auspichi un confronto a tutto campo con i sardisti insieme a tutti gli indipendentisti per gli obiettivi comuni. E’ infatti lo strumento che ritengo superato, non chi in buona fede crede nella sua utilità, ci mancherebbe. Per definire i politici non sento più la definizione di caddos de istalla, ma in paese sento quella di “canes mandigadores”.
Dovremmo far nascere una nuova entità con un’immagine pulita, pulita nella sostanza non solo nell’apparenza, con un’effettiva volontà di perseguire il bene comune.
A nessuno è dato, per quanto mi riguarda, di assumere la guida dell’indipendentismo. La crescita deve essere comune e condivisa. L’immagine delle tribù di Gigi Sanna mi pare appropriata.
Io credo che IRS e le forze presenti in U.I. debbano fare un passo indietro, che il Psd’az. ne debba fare almeno due. Intanto dovrebbe pensionare un bel po’ di gente. Gente che può comunque supportare i giovani. Già è vero, scusate, queste sono cose che un esterno non può dire, dunque cancellatele.
Sono convinto che molti sardisti, tra questi Maninchedda lo ha praticamente dichiarato, sarebbero d’accordo e s’impegnerebbero per la realizzazione di questa idea.
Questi passi indietro andranno a onore di tutti, perché solo così si potrà servire la nostra terra.