martedì 20 gennaio 2009

Una lobby per la lingua sarda

Avendo amici in ogni punto cardinale, a destra, a manca, su, giù e anche in diagonale, mi auguro che questo articolo non sia letto dagli amici che dell’indignazione militante hanno fatto una ragione di vita. Fortunatamente solo in periodo elettorale; poi tornano ad essere persone normali.
Di regola, questi amici si indignano perché il candidato presidente della Sardegna per il centro destra è stato scelto ad Arcore e ritengono normale e persino giusto che il suo avversario di centro sinistra sia stato scelto a Roma. È vero anche l’inverso, in un crescendo di indignazione per cui Soru è solo un quisling di Veltroni, mentre Cappellacci è semplicemente un candidato scelto in Sardegna e solo appoggiato da Berlusconi. Questo è un colonizzatore, mentre Prodi, quando governò, era un amico dei sardi. Prodi che bocciò un sacco di leggi del governo sardo amico ha compiuto peccati veniali, Berlusconi, che ancora non ha bocciato nulla, neanche ci si fila.
Ecco perché, tenendo molto più all’amicizia che alle zuffe chioggiote, spero proprio che gli indignati in servizio, ignorino quest’articolo.
Allo stato, non sono disponibili programmi sul che cosa, come, quando e con quali risorse fare. Solo scampoli di promesse, come mi ha scritto un caro amico, “per potenziare la caccia e difendere la selvaggina”. Né so se ne leggeremo di programmi come si deve. E allora che fare? Che possono fare i sardi, quelli normali, quelli che non sono interessati a fare dichiarazioni di fede? Quelli che sono stati esclusi dalla scelta dei candidati da votare?
Una mezza idea ce l’avrei e vale per chi vota ad est, ad ovest, a nord a sud e in tutte le posizioni geografiche (che siano anche politiche non direi visto che, guardando le liste, si possono vedere abomini, come un indipendentista candidato in un partito fra i più statalisti che esistano). In ogni raggruppamento ci sono candidati che sono seriamente e coscientemente legati alla loro sardità e al loro sardismo.
Con questi credo bisogna lavorare, facendo un’azione di lobbing: nella tua lista sceglieremo e appoggeremo te a due patti che sono indipendenti dalle scelte economiche del tuo partito o schieramento:
1. Ti impegni a presentare se eletto e nei primi cento giorni una proposta di legge di valorizzazione della lingua sarda in ogni ambito, dalla scuola elementare all’università, nelle strade e nelle piazze, nei mezzi di comunicazione di massa e con tutti i mezzi che la rendano visibile;
2. Ti impegni a cercare nel prossimo Parlamento sardo un accordo con tutti i nuovi e vecchi consiglieri che, al di là della propria appartenenza politica, sentano il dovere di non far morire la lingua sarda.
Venti giorni sono più che sufficienti per creare una lobby potente a favore della nostra lingua. Senza bisogno di chiedere il permesso.

13 commenti:

jisepu mulas ha detto...

Veramente iRS coerentemente si presenta sola con Gavino Sale candidato a presidente,ovviamente lei glissa su questo...

zfrantziscu ha detto...

Ecco il primo indignato militante. Si indigna invece di leggere.
Se lo avesse fatto, avrebbe capito che tutti, anche Gavino Sale, potrebbe dire che si impegna, se eletto, a fare le cose suggerite.
Nulla si da per scontato: bisogna assumere impegni

jisepu mulas ha detto...

Mi scusi ma le questioni che le stanno a cuore sono parte integrante del manifesto di iRS,e'dovuto a questo fatto il mio intervento.C'e'chi porta avanti con coerenza tali obiettivi,non possiamo aspettarceli da partiti italiani,e' impossibile che questo avvenga se non a parole tuttalpiu'.I fatti parlano,basta guardarsi intorno e fare due piu due.
Saluti.

p.atzori ha detto...

Oh jisepu mulas, er beru chi semus pagos, ma no depimos esser "male unidos". Corazu Jisepu frimma innoghe po sa limba e ringratzia, comente zeo ringratzio a tie e a iRS chi m'at zau sa possibilidade de frimmare contra a sa Tirrenia. Za chi due sese zirria a totus sos de iRS a frimmare. Adiosu

p.atzori ha detto...

Apustis, jisepu, m'asa a narrer inue s'agatada su manifestu elettorale de iRS ca no du connosco.

jisepu mulas ha detto...

Eja P.Atzori in su link de su forum de iRS agattasa tottu su chi c'esti de isciri,esti meda sa cosa de liggi ma 'ndi balidi sa pena.

http://www.irs.sr/forum/viewtopic.php?t=28

Chi intrasa in su forum bisi su arrexonu apitzus a sa lsc chi deu appu postu.Ti nau ca deu seu meda xetticu po natura e antis de mi 'nci ghettai in iRS d'us appu fattu sa radiografia.Tottu esti a sindi(o s'indi?) bogai de conca is preconcettus chi teneus inculcaus de s'iscola e de sa cultura italiana.Sa cosa chi mi adi appassionau de prusu esti stettia sa de du agattai sardusu cummente e nosu chi si domandanta "innui esti sa nostra storia?""poitta si deppeus bregungiai de sa limba de cosa nostra?"poitta in iscola appu istudiau scetti cosas de genti i culturas istrangias a su contestu miu?"poitta chi deu chistionu italianu dongu una impressioni e chi chistionu su sardu 'ndi dongu un'attra meda prus "culturalmente inferiore"?Deu seu stettiu folgorau de curiosidadi de unu manifestu de iRS chi narat" non cerchiamo voti,cerchiamo sardi".
Po unu discursu de non-nazionalismo sa chistione de sa limba no esti bia cummenti simbolo identificativu de sardo doc,poitta no iad'a essiri justu,ma iRS tenidi unu tzentru de elaboradura de sa limba comuna innui dui podinti onai su contributu tottus is chi funti in gradu de du donai,su prusu de is attivistas funti istudentes universitarios i genti aintru de sa cultura sarda da s'istoria a s'archeologia a sa limba e cant'attru.iRS esti pro lsc e nanta ca is chi da funti boicottendi du fainti po bogai pinnicas poitta una limba comuna iada a donai dignidadi a sa terra nostra e identidadi manna a is sardus(cosa chi esti in contrastu cun sa cultura egemone).Immoi andu a ponni sa firma po sa petizioni de bos'attrus e du fazzu presenti in su forum de iRS puru.Mi faidi prexeri mannu su de podi nai sa mia in custu jassu postu a disposizioni de G.F.Pintore chi arringraziu de coru,si domandu iscusa chi seu stettiu longu in s'arrexonu,su chi tengu a coru esti sa terra mia e sa cultura e limba de cosa nostra.Adiosu Jisepi

p.atzori ha detto...

chie lezede m'ischi' narrer poite de su psd'az in custa petizione no s'inde bie mancu unu? No ant a cherrer faère comente bint'annos faè chi ant lassaos solos sos radicales Buzzanca e Puggioni, e issos setzios e bene apposentaos in su cunsillu regionale, semper contrarios a sa limba sarda?

p.atzori ha detto...

a Jisepu cherio narrer ca apo leziu in su forum s'idea de iRS apitzus de sa LSC. Mi praghet meda. No seo rennessiu de mi iscrier in su forum. it'est serrau?

jisepi.mulas ha detto...

no peri mi paridi ca ci funti problemas de server....ti fazzu isciri...

La chi Nanni Falconi adi postu in su forum di iRS sa petizioni pro limba...

p.atzori ha detto...

A Zfranziscu,
De abberu bella s'idea de sa lobby po sa limba sarda e menzus ancora cussa de sas 5 preguntas de Bertulu Porcheddu, ma zeo naro chi chimbanta firmas in duas dies, chi cherent narrer a su massimu chimbighentas firmas fintzas a sas eletziones, no balent a movvere e a ischidare nessunu.
Custu pensamentu m'est 'enniu a conca cunsiderande chi in sa regorta de firmas po su culleziu unicu po s'Europa, cominzada a sa fine de su 2007, semus arribaos a 722 firmas, quasi nudda, mentras in cuss'attera po sa Flotta sarda semus a 1922 firmas ebbia. Ite si podet faère?
Intantu totus custas regortas de firmas diant cherrer pubblicitzadas paris e nono una ebbia a sa orta. Apustis, po criccare de cambiare musica dia esser bellu cambiare sos sonadores...Nessi sos caddos bezzos de istalla los depimos ogare de mesu. Ite naras tue?

zfrantziscu ha detto...

Atzori istimadu,
su fatu chi pro sa limba in pagos firmant e mesa de prus siant sos chi firmant pro sa flota sarda, si devet pesso a s'ocurèntzia chi sa maladia de s'economitzismu at fertu belle a totus.
Prus a prestus, tocat de non pèrdere mai s'ànimu.
A Jisepu dia nàrrere chi sos impinnos cherent leados cara a totus, sena isetare chi carchi unu intret a su zassu in internet. Si cheres, pùblica inoche puru sos impinnos de Irs pro sa limba.

jisepi mulas ha detto...

Grazias de s'invitu a dott.Pintore,tra pagu anta a ufitzializai sa proposta eletorali de iRS pro sa limba,pigu po bonu s'invitu ca fustetti mi faidi de da publicai in su blog de cosa sua,peri no isciu cummenti si fezzada.Adiosu.

p.atzori ha detto...

Certo non giovano commenti come il seguente, apparso a corredo della firma per la petizione "Chimbe preguntas..":
"ho molte riserve su posizioni e personaggi che combattono per il "sardo": le piccole mafie sviluppatesi intorno alle occasioni di lavoro (a Villagrande... "
Se c'è un formidabile ostacolo sulla via del riscatto del nostro popolo, quello è la poca trasparenza nell'utilizzo di pubblico denaro.Sarebbe il caso di affrontare il problema nell'interesse comune.