lunedì 10 gennaio 2011

Millos mi', finas su bascu unu "dialetto"

Ohi ohi ohi, no lis bastaiat, a unos giornalistas italianos, de li nàrrere “dialetto” a su sardu, a su friulanu e a sas àteras limbas natzionales. Como finas s'euskera est torrada a “dialetto”. S'Adnkronos, dande oe sa noa, bella e de importu, chi Eta at decraradu s'acabu de sa gherra armada, at iscritu: “L'Eta ha annunciato un cessate il fuoco ''permanente, di carattere generale e verificabile a livello internazionale''. Con un video e un comunicato scritto in tre diverse lingue (il dialetto basco, lo spagnolo e l'inglese) pubblicati sul sito del quotidiano “Gara”, l'organizzazione separatista basca precisa di aver avviato un ''procedimento definitivo'' che porterà alla ''fine del confronto armato''.
Custu diat èssere su “dialetto” bascu: “ETAk, nazio askapenerako euskal erakunde sozialista iraultzailek, adierazpen honen bidez bere erabakiaren berri eman nahi dio Euskal Herriari”. E custa sa limba ispannola dae ue su bascu, a pàrrere de Adn, derivat: “ETA, organización socialista revolucionaria vasca de liberación nacional, desea mediante esta Declaración dar a conocer su decisión”. S'allega est sa matessi e francu carchi càmbiu de pagu importu, lu biet unu tzurpu chi euskera e ispannolu sunt pròpiu sa matesi cosa. Ohi sa conca, giai semus a puntu bonu.

3 commenti:

Giacomo ha detto...

A mie paret chi su problema de parte de sa cultura italiana est sa formatzione "risorgimentale" chi s'est trasmìtida finas a oe in die e chi non b'at manera chi si nde l'iscutinet dae coddos. Àteras nd'amus a intèndere.

Grazia Pintore ha detto...

E se ce ne fregassimo di quello che dicono certi giornalisti italiani! Molto probabilmente non sanno nemmeno la differenza che c'è tra il termine "dialetto" e il termine "lingua",o forse sono talmente asserviti al potere che,per ingraziarselo,devono dire così.L'indifferenza,a volte,è la migliore arma per sopravvivere.

elio ha detto...

@ Grazia Pintore

Un bacio, Grazia. Secondo me, ignoranti non si nasce, lo si diventa, facendo certo giornalismo.