martedì 24 gennaio 2012

Cara, mi son perso la Sardegna


Metà Sardegna è di nuovo furibonda per colpa di altre omissioni italiane: uno dei quotidiani più importanti della Repubblica, Il Sole-24 ore, si è dimenticato di allegare l'isola alla penisola.
In una cartina geografica, l'organo della Confindustria ha confuso la considerazione che l'Italia ha della sua Matrice, che è notoriamente nulla, con la realtà delle cose: la Sardegna appartiene – purtroppo – all'Italia. Come, del resto, ha confermato qualche ora fa il Governo Monti che ha bocciato, rinviandola alla Corte costituzionale, una legge regionale.
È quella cosiddetta del “Piano casa” che, secondo le vestali che in quei ministeri allignano, avrebbe diversi profili di incostituzionalità. A me non piace molto, quella legge e, probabilmente, se ci fosse in Sardegna una battaglia politica (non ideologica e isterica come quella scatenata nei mesi scorsi) per abolirla o cambiarla, sarei della partita. Ma un conto è combatterla qui, con argomenti che coinvolgono noi sardi, altro conto è riconoscere ad un governo sempre più straniero il diritto di ledere quel po' di autonomia che abbiamo e di comportarsi peggio della Germania con l'Italia.
Quel che temo è che gli oppositori ideologici e isterici brinderanno, magari con cannonau e nuragus, in onore del Governo italiano e della Consulta per aver affossato una legge dell'odiato nemico interno. E poi, naturalmente, si uniranno a tutti gli altri sardi nella protesta contro la cartina geografica del Sole-24 ore, il quale ha dimenticato l'esistenza della Sardegna.

12 commenti:

elio ha detto...

E de ita si chesciaus? Ca si inci anta bogau foras de Italia? Assumancu fessidi!

Dàvide ha detto...

“Quel che temo è che gli oppositori ideologici e isterici brinderanno, magari con cannonau e nuragus, in onore del Governo italiano e della Consulta per aver affossato una legge dell'odiato nemico interno.”
ello, tando comente cheres a fàchere, si no goi? a custa zente l’ana posta a cumandare pro infeudare su chi abarraiat de sa marina e a sos sardos pro lis mantènnere in su locu issoro: che a serbidores, camareris e lacajos, e nimancu custu ana arrenèschidu a fàchere!
tzertu, deo dio aer chèrfidu chi esseret sa zente etotu a lis picare a punta de pedes e a amparare sa terra sarda, ma pruscatotu dio aer chèrfidu chi mai sos sardos lis aerent dadu su votu issoro!!!
e duncas una cosa ti la cherzo dimandare, chin totu su respettu: comente faches ancora a cussiderare custu gubernu de casticados e de tirannos minores de sa matessi zenia che su de s’àttera legislatura?

maimone ha detto...

La scomparsa della Sardegna dalle carte dell'Italia é vecchia come il cucco. Che dire ad esempio dei TG nazionali quando fanno carrellate sull'Italia per un qualsiasi argomento (vuole essere il traffico su porti e aeroporti, il tempo meteorologico etc)? Le carrellate si fermano sempre a Palermo. Ricordo che tanti anni fa (erano i tempi di craxi)ad un congresso nazionale socialista i delegati sardi si ritrovarono un enorme pannello che rappresentava l'Italia....senza la Sardegna.
Naturalmente, per salvare la faccia, i delegati sardi del congresso fecero una "vibrata protesta". Comunque ha ragione AB, citando Bartoloni: siamo noi stessi a contribuire in misura notevole a questo fenomeno di "rimozione". Il massimo dell'autocolonialismo.

maimone ha detto...

E comunque mi associo al post di Elio: nessi fesset! Prendiamo il tutto come un augurio.

Giuseppe ha detto...

Ciao Zuanne
l'assenza della Sardegna dalle cartine geografiche mi ricorda quella pubblicata dai maggiori esperti mondiali di genetica umana. Solo che in quel caso l'assenza è dovuta al fatto che il DNA dei Sardi è talmente diverso da quello degli italiani e degli europei da non potere essere "mappato".
So bene che sarò accusato di razzismo, ma di fronte a queste situazioni, ti assicuro, sono orgoglioso di essere diverso.
(naturalmente Atry costituisce un'eccezione!)
Giuseppe Mura

Austinu S ha detto...

Ispero chi sa Sardigna no istentet a si che essire dae s'italia a s'abberu.Cherio sinzalare custu articulu

http://www.lindipendenza.com/non-ce-indipendenza-senza-identita-linguistica/

francu ha detto...

Per fortuna oggi, prima del blog, ho aperto l'ANSA che parlava di terremoti, episodi stimolanti e imprevedibili.
Spero che non ci siano danni alle persone e alle cose. Altrimenti arriva un altro post-terremoto e addio novità!

Grazia Pintore ha detto...

Mi associo completamente a ciò che afferma il signor Giuseppe Mura e,in questo caso,sarò contenta di essere considerata razzista anche se non lo sono mai stata.

bentuesusu ha detto...

semus s'isula ki no b'est, no esistit aberu, comente no esistin sos sardos.
Como b'est puru su pedimentu po s'indipendentzia, ma a kie keren pedire sa frimma si sos sardos no b'esistini e poi sos italianos ana a faker comente sa s'urtimas eletziones de Sardinna, si pikan sa residentzia po botare contra a s'indipendentzia, jae amus a istare friscos, antzi astragaos.
Sa presse, ohi sa presse, kene cussentzia indipendentista aube andamus?, tzess tzess.
Aba tzitadina onoraria de securu.

giorgio nuvoli ha detto...

No Giuseppe lei non pecca di razzismo perchè nella ricerca fatta da Sforza sul DNA delle popolazioni italiche dopo averle elencate tutte parla del popolo sardo rimandando la ricerca perchè ancora non si riusciva a stabilirne il DNA in quanto particolare e completamente diverso dal popolo italico ed europeo. Inoltre in un articolo letto qualche decennio fa su "L'Espresso" di un genetista italiano di cui non ricordo il nome che per ben 25 anni aveva dedicato i suoi studi allo studio della genetica mondiale fa risalire il DNA sardo e basco al ceppo indo-caucasico. Non siamo noi i razzisti.

francu ha detto...

Se da voi dovesse continuare cosi, cara Aba, con i traballamenti e le convulsioni, trasferiremo l'UNIPR a Portoscuso e l'Alcoa a Parma. Potreste chiudere la fabbrica e risparmiare sulla bonifica dei terreni. In più, con tutto quell'alluminio primario immagazzinato, ci potreste costruire ... quel che vorrete, perché resisterebbe comunque a tutti i nervosismi dell'Appennino.

giovanni ha detto...

L'assenza della sardegna ( non solo come Matrice) è su tanti fronti e quello principale è forse il fronte interno, come dalle parole sintetiche quanto efficaci di Atropa.
Invece speriamo abbia a cessare la paura dovuta alle scosse e non ci siano danni per alcuno.
Paradossalmente questo allarme anche all'Unipr mi ha riportato con la mente in sardegna,anzi proprio al mio paese di residenza.
Forse c'entra poco col tema ma lo voglio dire lo stesso: il prof. Michele Deriu,nostro conterraneo e compaesano, è stato docente a Parma di petrografia mineralogia giacimenti minerari e anche di geochimica, nonchè preside della facoltà di scienze e Prorettore
(1968-1973).Non mancano i riconoscimenti Ufficiali come benemerito della cultura e della scienza.Deve aver lasciato un buon ricordo vista l'intitolazione di una strada da parte della città di Parma.
Così come in Planargia, a Bosa soprattutto ma anche a Tresnuraghes e nel montiferru, resta indelebile il ricordo del pittore parmense emilio Scherer, che ci ha lasciato un'impronta profonda della sua opera.
Evidentemente ..... esiste un legame di "egregie cose" tra i rispettivi luoghi.