venerdì 14 novembre 2008

Ai professionisti della limba

di Pablo Sole

Gentile Pintore,
chiedo venia per l’intrusione nell’Olimpo dei “Professionisti della Limba” (Senza tirare in ballo, per nobile assonanza, il grande Leonardo Sciascia che pure qualcosa sui “Professionisti” l’aveva scritta!). Piuttosto: da esponente della “Disinformatsija” (e non “Disinformatsia”, come Lei “giustamente” scrive), da birbantello, briccone ed estortore della buona fede dei miei lettori ho piacere nel constatare che “sarei” in buona compagnia: la Sua.
Il “sarei”, ovviamente, per mia parte è tutta da dimostrare. E per un semplice motivo. Di più: per una serie di “semplici” motivi. In questo post, Gentile Pintore, Lei omette un piccolo particolare: io non ho mai affermato, e men che meno scritto, che “l’orripilante e proto sinaitico ‘kontiphizzadore’” fosse contenuto nell’”Annuariu” in questione. Questa, infatti, è una Sua semplice constatazione che deriva da una Sua personalissima interpretazione.
In origine, infatti, la frase tanto oltraggiata avrebbe dovuto essere una palese e ironica chiusa. Detto questo: posto che Lei ha a cuore quella nobilissima creatura detta “Grammatica Italiana” – con annessa punteggiatura - vorrei farLe notare che il termine in oggetto ricade in un periodo compreso entro il virgolettato attribuito all’assessore regionale al Bilancio Eliseo Secci, cosa che Lei, da buon “Censore della Signora Grammatica” quanto della “Buona Critica Giornalistica” - della quale pretende di ergersi a sorvegliante - avrebbe per lo meno dovuto notare.
Una mancanza che da Professionista della matita rossa e blu si rivela quanto mai colpevolmente strumentale. Ma nella mia franca onestà, Le confesserò una cosa: la mancata chiusa delle virgolette è dovuta ad un banale refuso. Fatte queste precisazioni, quel che mi lascia basito è vedere come la critica all’impiego della “Limba” si risolva nell’approvazione di moti folklorici che nulla hanno a che vedere con la valorizzazione dei nostri Valori.
Si è creato – e questo volevo far intendere nel mio pezzo – un moto pseudo culturale a dir poco artificioso che crede, con certi canoni cari all’italianizzazione più ignorante, di promuovere la “Limba” e al contrario, non fa altro che ridicolizzare il suo infinito e profondo patrimonio. Per inciso, sull’origine ed esistenza del termine “kontiphizzadore”, e senza nulla togliere: più che a voi “Professionisti della Limba” io credo alla memoria di mia Nonna.
Che la “Limba”, appunto, non la studia e non la inventa alla bisogna: la parla. Per concludere: non posso che dirmi lusingato dall’editto bulgaro – in senso lato, ça va sans dire – che ha lanciato nei miei confronti, con la richiesta di un “delicatissimo” licenziamento in tronco, visto che sono stavolta sì, in nobilissima compagnia.

Le giuro che, d’ora in avanti, se mi dovesse capitare di leggere qualche Suo articolo, mi chiederò: “Ma le virgolette non le ha chiuse Lui di proposito o si tratta di un banale refuso?” Fino ad allora, Mi perdoni, mi fiderò di quanto è scritto. E, infine, Ella è sicura che Sua Nonna per dire contivizadore (o contipizadore o contibizadore) ricorresse alla “k” e al “ph”? O si tratta di una Sua personale vocazione a rendere illeggibile – e quindi inutilizzabile – il sardo? Consiglio, comunque, i lettori di leggere il Suo articolo, riprodotto in questo blog (gfp)

4 commenti:

giulio ha detto...

solidariedade a Pablo Sole, inoghe si, sa chistione de cuntivizare si faghet delicada, no est pius unu tribagliu chi finit po termine de rapportu, coment'est in sos uficios de sa limba sarda, ma po "Licenziamentu in truncu". s'Affaire si faghet delicada, no est unu giogu e, si unu professionista peldet su rapportu professionale sou, cun cale cussenzia si podet afrontare su sole de su manzanu?
Cun custas rigas Pablo mi paret ch'hepat potidu riscuoter' su plausu de chie leget (finas sa Nuova), ringraziendelu sentidamente, a prescinder' da su chi pense, mi auguro de lu sighir' a intender' augurendeli "bonu tribagliu"!

zuannefrantziscu ha detto...

Non fagas mustra de ti ghetare a tontu, o Giu'. No apo auguradu ne a Sole ne a perunu àteru unu licentziamentu e de àteru no apo sa possibilidade de fàghere a àtere su chi La Nuova at fatu cun megus, boghendemi dae traballu a dimanda de unu deputadu de su Pci in su 1976.
Pro mime sa libertade de imprenta est sagrada: gasi chi apo publicadu (e nemos mi cumandaiat de lu fàghere) siat s'artìculu de Sole e siat su cumentàriu tuo. Ma sa libertade de sa gente de no èssere trampada non balet a nudda? Tue pessas chi sa libertade de unu giornalista est finas sa de contare fàulas comente sa chi contat agabende s'artìculu chi apo cuntestadu?
Ite capitat a unu mastru de muru chi impreat roba farsa in su fràigu de una domo? No at a tènnere isse puru "libertade de sienda"?
Deo puru m'auguro de sighire a lèghere a Pablo Sole, ma cherzo tènnere su deretu de lu criticare.
PS - Sos de sos ufìtzios de sa limba no ant agabadu su traballu pro "termine de rapportu", ma ca sunt istados licentziados, sena mancu tènnere sa solidariedade tua.

giulio ha detto...

so' un operadore de sa limba in d'unu ufitziu comunale de sa limba, G.F., isco, connosco e cumprendo, sa situazione de sos isportellistas folzis pius che dogni atteru. Da inoghe a 15 dies hap'a finire "su progetu" chi mi ligat a su Comune (no tenzo atera intrada) e po fagher' cosas chi m'hap'intesu nende chi diat a tocare de fagher' in s'Uficiu de sa limba, prefelzo a mi ritirare cun su famen' in colore comente ch'esserat tretu 'e pintore.
Deo no isco ite potat haer' suzzessu in su 1976 (ma mi diat a fagher' piaghere de connoscher' sos eventos, de ischire: mancari est ligadu a "Sardegna=Regione o Colonia" o, folzis, hat determinadu "Sardigna ruja"), deo fu unu pitzinneddu chi curriat sas carrelas ancora in calzones culzos, su chi m'auguro est chi si est suzzessu no si potat bier' mai pius, a niunu!
In custu momentu de grave crisi politica, economica, sociale e finamentas culturale, "sa limba sarda" podet diventare decisiva, salvarenos dae custu bugiu oramai cumpletu. Tocat a partire da sa base, da su dispostu normativu chi finanziat totu "s'operazione de recuperu e valorizzazione istorica e linguistica".
Deo, de palte mia, no critico po distruer', po nd''ettare unicamente su chi "fraigan'" sos ateros, so' chilchende solu de fagher' render' contu sos ateros de s'abbagliu, de s'isbagliu, de s'errore o, namos sa veridade: de s'isvista!
Oe totu dimandan un'atera legge de politica linguistica sende chi bastat a curreger' "s'interpretazione de su dispostu normativu". Si chilcat "s'uficialidade linguistica" sende chi su matessi art. 1 de sa L. 482 lu narat giaru.
S'errore de interpretazione politica naschet cun su cunvegnu internazionale de su 18 de Santu Aine 2008 in s'hotel Regina Margherita de Casteddu. Si faeddaiat, cun duas dies de relatas, de "s'usu giuridicu de su sardu" ma han' relatadu totu sos istudios de "sa limba" de mes'Europa ma perun' avvocadu, giudice, dottore in legge o laureadu in giurisprudenza. No est paga sa finèsa, zuà......., b'est in sa base finamentas "sa forma mentis" de si ponner' in dananti 'e sa legge.

In "su chizone web" nde so' dende contu (in limba).
Po cantu interessat sa solidariedade cun sos isportellistas licenziados, ite poto narrer' pius che chi nde cundivido sas sortes?
Deo, de parte mia, mi so' organizzende, devo ringraziare a Deus chi m'hat dadu similes "siddados" de poder' torrare a sa lughe, so' chilchende de los valorizzare in iscola cun sos pizzinnos de sas primarias (sas elementares). Bida sa disponibilidade de sas mastras so' pensende de organizzare un'"iscola ricreativa" de saldu. Pensa, po los imparare a iscrier' los chelzo invogliare a leggere, Folzis sa chida ch'intrat matessi lis chelzo regalare "su decalogu", "su babbu nostru" e s'"Ave Maria" de su babbu 'e su Presidente (mancari b'essit su Patrociniu de su sottosegretariu 'e sa Difesa). Niunu mi l'hat dimandadu ma est una idea chi naschet po poder' ripagare s'innocenzia e sa purèsa chi m'han' dadu in su risu de sos ogios sos pizzinnos de sa "Prima Elementare".
Deo ti ringrazio sentidamente siat po custas peraulas chi has agiuntu (chi ispero potan' selbire a salvare cussu "truncu" de Pedru Sole) - mai siat chi caligunu potat narrer' male de Sè culpa de giulio o de giuannefrantziscu Pintore.
semus tribagliende ambos (ispero paris cun totu sos ateros) po su matessi fine, si puru partemas o tenzemas "ideas differentes" su chi penso siemas chilchende totu est "su giustu", sa veridade, "sa rejone".
Deo creo chi "Pedru Sole" hepat potidu risentire finas de sas faulas in sa "Nuova Sardegna" chi, no ilmentrighemas, est unu giornale de "mediazione italiana", folzis pius serrada a s'avventu de sa limba de sa matessi Unione Sarda.
Si solidariedade potera esprimere la dia esprimer' a tie, "licenziadu in truncu" ca naraias sa veridade.
Si giutto sa conca chi giutto e si so' chie so', intelletualmente chistionende, lu devo a cussu interrogativu chi has' iscrittu cando fu' pizzinnu.
Arrivadu a maturidade ancora mi dimando si "Sardegna" siat Regione o Colonia, arrivados a custu puntu est ora de alziare sa conca, si puru "cun summa cautela e cun giudiziu", comente nos imparat s'amore de sa poesia.
Saludendedi cun immutad'istima, t'invito (cun chie legget) a "su chizone web" chi s'est preparend' a retzire un' "Armata d'Istruzione in movimento"!
..... una pedra istorica coment'est "sa lapide trascurada de cultil''e Municipiu" ite valore podet tenner? Est calchi cosa chi no tenet assimizu, bona de fagher' mover' "sos pius altos grados" de sa BRIGATA SASSARI paris cun su "Coro de sos Dimonios" ruggios!
ringraziendedi ancora po sa disponibilidade e po sa puntualidade tua, ti saludo e mi dispedo (chi so' semper' coilongu!).
Ciao!

Dàvide ha detto...

Ma a chie cheret collonare custu Sole? Est ladinu chi si nde cheriat befare de s' Annuàriu e chi at chircadu de nde l' istesiare dae su sentidu de sa zente cun sa maconatzada de su "kontiphizadore" chi, a parte sa grafia dorta, no cheret mancu narrer commercialista. No creo chi sa iaja dae minoredda l' impreerat cun cussu sinnìfigu, ca de comercialistas a tando mancu si nd' agataiat...Contivizare cheret narrer a "tenner contu" carchi cosa e no a "tenner sos contos"...

Sa chi tenet de esser aberu dispiàghida est sa jaja de tiu Sole, chi gai pagu "contivizat" sa limba sua carrale.