giovedì 31 maggio 2012

Scusate, amici indipendentisti, dove stanno "i presentabili"?


Sfuggendo all'obbligo, che non sento mio, di dover mettere la mia bandierina in una tanca, per di più accatastata da capi partito che stanno oltre il mare, mi posso permettere di chiedere a tanti amici indipendentisti, sovranisti e nazionalisti: “Voi che ritenete impresentabile il centrodestra isolano, è perché reputate invece presentabile il centrosinistra isolano, o c'è un'altra ragione?”. Lo chiedo a loro, perché immagino che non dovrebbero scandalizzarsi come al contrario fanno gli opposti portatori sani di verità rivelate. In questi anni di odi, antropologicamente fondati su un bipolarismo binario, una domanda del genere susciterebbe altrove stupore e incredulità. Ma come? Non ti rendi conto che la destra (o la sinistra) è il bene vs il male, la verità vs l'errore, e reciprocamente?.
Quanti, come gli abitanti del mondo sardista, dovrebbero essere indifferenti alla lotta dei principi castigliani nella corte di Madrid dovrebbero anche poter rispondere a quel quesito. Insomma, per un progetto di liberazione della Sardegna dalla dipendenza (soprassediamo al momento sullo sbocco istituzionale, confederalismo, sovranità, indipendenza), è utile appoggiare una delle fazioni nella guerra di successione al governo italiano, o sarebbe più utile allearsi non tanto con una delle fazioni quanto con chi, all'interno delle fazioni, condivide quel progetto di liberazione? Mi ha stupito il silenzio imbarazzato del mio mondo – quello latamente sardista, voglio dire – di fronte alla mossa di Ugo Cappellacci che non solo ha diffidato e messo in mora il governo italiano sulla questione vitale delle entrate, ma lo ha fatto utilizzando anche la lingua sarda comune, lo standard diplomatico usato nel passato solo da Renato Soru per delibere regionali. È un'avanzata positiva, passare dall'uso del sardo per documenti interni alla Regione a quello per rapporti inter-nazionali, quale che sia, ovviamente, la consapevolezza che di ciò abbia avuto il presidente della Regione.
Perché trovo imbarazzato, e forse imbarazzante, il silenzio dei partiti e dei movimenti indipendentisti, nazionalisti e nazionalitari? Perché ci leggo l'impaccio del dover ammettere che a destra si muove qualcosa di cui la sinistra non è capace. Ci leggo un disagevole dubbio: e se risultasse che la destra in Sardegna, defascistizzata e liberatasi dalla mitologia patriottarda e unitarista, avesse in testa una sovranità sarda? Certo, anche a sinistra, con Sinistra ecologia e libertà (Sel), è in atto un processo di avvicinamento ai temi della sovranità, sconfessato e vilipeso dall'altra sinistra. Ma a nessuno, credo, sfugge che se davvero i moderati si accingono alla svolta sardista che l'atto di Cappellacci fa presagire e gli annunci di Beppe Pisanu riempiono di credibilità, ci sarebbe davvero un bel dilemma: partecipare al governo della Sardegna con idee sovraniste o rendere testimonianza insieme a una élite della sinistra conquistata a queste idee.
So che una parte, non grande per la verità, del già modesto schieramento indipendentista più radicale non è indifferente alla seduzione di un accordo con il Pd, o meglio con la parte del Pd che vorrebbe ripetere con Renato Soru il tentativo di sardizzare il partito. L'ex presidente della Regione è l'unico, in quello schieramento – che, va ricordato, ha avuto altri quattro presidenti di Regione – ad aver dato prova di pensiero autonomista soprattutto in fatto di lingua sarda. Ed è, questa, una moneta spendibile anche se contrasta proprio con gran parte della intellighenzia universitaria e non solo del suo schieramento. Il problema che si pone al complesso del mondo sardista non è di facile soluzione. Ha una attrazione fatale per la sinistra e una ripulsione per la destra, entrambe molto ideologiche, soprattutto oggi che sinistra e destra si confondono in un governo. Tanto è ideologica che rimuove dal suo immaginario politico il neo-giacobinismo della prima e non riesce a tollerare i contorcimenti, anch'essi neo-giacobino, della destra. Come i suoi partner ideali, Sel e Pd, questo mio mondo giudica irricevibili e privi di credibilità i segnali di svolta della destra sarda, ma è disposto a chiudere un occhio sull'appiattimento del Pd sul governo italiano, certo non meno grave dei “rapporti gelatinosi con il governo Berlusconi” che sono rimproverati a Cappellacci.
Questi atteggiamenti del passato rendono – dice il segretario dei Democratici, Lai – non credibile la politica del presidente regionale. Giudizio assolutamente scontato, visto che viene dall'opposizione. Meno scontato è che definisca “iniziative folcloristiche” l'uso del sardo nei rapporti con il governo italiano. Lo sarebbe, scontato dico, se Cappellacci avesse scimmiottato un corretto uso del sardo da parte del Pd e se, contrariamente a quando annunciato, il governo sardo avesse usato “sua lingua” in un moto di stizza e non lo utilizzasse più nei suoi rapporti con il governo italiano. Per ora, che io sappia, solo Sardigna natzione ha usato e usa il sardo nei suoi rapporti interni ed esterni. Non gli altri movimenti indipendentisti, non i partiti nazionalitari, men che mai i partiti italiani, a destra come a sinistra come al centro, e su e giù.
Sogno una nazione sarda normale, nella cui società ci sia dato di poter scegliere tra una proposta sovranista improntata a principi di giustizia sociale e una proposta sovranista improntata a principi liberali, entrambe radicate sugli interessi del popolo sardo anche se questi dovessero essere conflittuali con il cosiddetto “interesse nazionale” che – lo sperimentiamo da 150 anni – è l'interesse della sola nazione italiana. Per ora, l'unica proposta sovranista raccoglie consensi molto intrecciati e eretici rispetto agli schieramenti ossificati e fra questi non ci sono quelli del Pd, di confusi riformatori, della sezione italiana di un inesistente partito comunista internazionale e di una frangia nostalgica.

5 commenti:

Grazia Pintore ha detto...

Prurtroppo,im troppe persone,c'è l'ottusità di giudicare e di approvare solo ciò che dice il proprio partito e questo porta a gravi danni.Personalmente non ho mai approvato Cappellacci,perchè è berlusconiano ma quando Cappellaci fa qualcosa di positivo,l'approvo senza se e senza ma.Ho la passione per Soru ma,in questo momento,Cappellaci sta agendo bene per la Sardegna,quindi ha tutta la mia ammirazione.

peppeluisipala ha detto...

...articulu galanu su tou chi meritat chi lu ledza pius bortas po nde cumprender bene sos sentidos,...l'apo a fagher seguramente,finas a costu de mi fagher benner su dolor'e conca...
Cundivido in pienu su ch'at nadu chie at iscritu e postadu innantis meu,...ma non aprovo su sentza SE e sentza MA...non cherdzo esser difidente ma...bidu da ue est bennidu Capellatzu,e dae chie s'est fatu acumpannare in sa campannia eletorale,...non nde soe cumbintu meda de cust'iscopiu de amore po su ch'est Limba e Cultura Sarda manifestada dae issu,...a su cuntrariu,dae sos chi m'ixetaia pius atacados a sa Sardinna e a sas cosas suas,...si mustrant italianistas e pius realistas de su re...Po cantu meressit Soru,...poto solu narrer,comente narant a cudd'ala 'e mare,...chi si diet una mossa e detzidat a cal'ala 'istare,...cun sos colonidzadores o cun sos galu po como colonidzados...

p.atzori ha detto...

M'agatto de accordu in totu cun su chi as iscritu, ZFP. Sos prus de sos indipendentistas de manca tenent ancora sa conca tropu prena de ideologia comunista, suntis gregarios e si creent semper sos menzus. Sighint comente sos babos ideologicos a mustrare pagu rispetu po sa pessone umana e po sa libertate. Ma amos a gherrare paris fintzas a s'indipendentzia, ma semper in bella vista, mai a palas. Amos leziu "Omaggio alla Catalogna" e ischimus comente diat andare a finire. A mimi no mi futint.

sa defenza ha detto...

.. interessante analisi, in effetti ci troviamo di fronte ad un qui pro quo interno alla ex sinistra italiana che reduce della globalizzazione imposta dal liberismo il crollo dei paesi del socialismo reale è stata persa la bussola dell'internazionalismo proletario; il PCI ha sostituito con la fede nello stato nato dalla resistenza.
Ovviamente nell'ottica del centralismo democratico vigente essa ha imposto ai suoi quadri la nuova fede dello stato borghese che abiurava, mentre sosteneva il diritto dei popoli all'autodeterminazione, dentro i propri confini lo ripudiava anzi il rivendicare il diritto all'autodeterminazione ti faceva etichettare come possibile terrorista, mentre veniva dato il beneplacito ai baschi o ad altre nazioni senza stato in Europa. Ovvio che vi è una contraddizione nei termini, ma veniva affrontata con durezza ideologica e con bruttale denuncia alle autorità di polizia chi osava rivendicare l'indipendenza.
Ecco perchè oggi visto il retroterra storico è ben più difficile per la sinistra italiota abbandonare un dogma, mentre la destra ha più facilità nell'affrontare quanto è nell'idea nazione poichè
deve solo accettare che la nostra terra abbia lo stesso diritto all'autogoverno come lo ha l'Italia ciononostante ci deve essere un certo coraggio nell'impostare una tale conversione in senso politico culturale con una visione nuova data la condizione sarda.
Mi rende speranzoso di vedere la nostra terra finalmente libera e sovrana, il barlume di coraggio che ha mostrato il Presidente Cappellacci, deve essere sostenuto da tutti nazionalisti indipendentisti sovranisti ed anche dai due contendenti ex destre ed ex sinistre italiote se hanno a cuore il bene del nostro popolo e della nostra terra.

Grazia Pintore ha detto...

Signor Peppe,ha ragione ad aver dubbi sul mio"senza se e senza ma",ed è vero che si sa da dove viene Cappellacci ma non voglio essere prevenuta e dargli fiducia,con qualche...ma.