lunedì 13 giugno 2011

Un'àteru agiudu a Maninchedda contra a sa limba sarda

Fatu a mastru universitàriu e cundiretore de unu periòdicu de filologia, s'onorevole Paolo Maninchedda nudda li depet a nemos e prus pagu puru a unu che a mie. Su fatu istat, isse est finas leader de importu mannu de su Partidu sardu chi representat siat in su Parlamentu nostru e siat in sa Commissione sua de sa programmatzione. Est finas autore de sa motzione pro s'indipendèntzia de Sardigna chi at tentu su botu de deghe cunsigeris e s'atentu de àteros trèighi.
Nos depet torrare contu, duncas, a mie e a totu sos àteros chi l'ant elèghidu a cunsigeri regionale de s'atitudine negativa sua in contu de limba sarda. At tentu, chèrgio nàrrere, su botu nostru pro ca s'est presentadu a nois comente òmine capassu de cuntivigiare in fines unu programma sardista foras de sos machines ideològicos de sas gherras de manca e de dereta e de tzentru e de susu e de giosso. Beru est chi de limba sarda in su programma suo eletorale mancu un'atzinnu, e però fiat nòdidu a totu su mundu s'impinnu de su partidu suo pro sa limba sarda, finas dae cando, in sos annos de Otanta, aiat amaniadu una proposta de lege galu oe moderna e gabale. Si nde depet èssere ismentigadu, pensaia, Maninchedda, de numerare su sardu in sos impinnos suos.
Gasi eo aia pensadu. E a s'imbesse paret chi nono, peruna ismentigàntzia: petzi disistima e gana de tropedire, costet su chi costet, sa normalidade de su sardu. Che a meda abitadores de sa classe dirigente sarda italòfonos e a su prus anglòfonos, paret chi isse puru punnet no a imparare sa limba de sos eletores ma a los apretare a mudare sa limba insoro. Pro atuare custa operatzione, Maninchedda at leadu a imprèstitu carchi die a como un'istùdiu de unu compare suo universitàriu, Lupinu, pintende una situatzione de sa limba sarda a unu marturàmene. Li serbiat, custa anàlisi (de àteru farsa), non pro nos ispuntorgiare a pònnere remèdiu, si no pro nàrrere chi tocaiat de nos resinnarre a cantare s'atitu de sa limba e de nos cuntentare, a su prus, de tentare “i dialetti”.
Obietivu, ladinu e naradu, de Lupinu e de Maninchedda cun isse de acordu, fiat de ispèrdere e siat sa Limba sarda comuna e siat cale si siat àteru istandard linguìsticu. Semper in cherat de papiros chi cunfortent custa cupio dissolvi de su sardu, como Maninchedda nch'at agatadu un'iscritu de su 2007, publicadu dae s'Universidade de Modena e Reggio in su mese de austu de su 2008, autora Emilia Calaresu. A chie cheret, podet agatare custu testu in su blog de Maninchedda chi a s'imbetu suo li dat a tìtulu: “Una lingua di plastica forgiata sull'italiano?”. Su chivu de s'arresonu de Calaresu est pagu prus o mancu custu: sa limba amministrativa de sa Regione impreat unu limbàgiu amministrativu, burocràticu. Làurea bi cheriat pro custa iscoberta?
Craru, una limba amministrativa impreat unu limbàgiu amministrativu. Ma sa Lsc no est petzi custu: b'at òberas literàrias iscritas ponende fatu a sas règulas ortogràficas de sa Lsc, custu artìculu puru sighit cussas normas. Podet èssere bonu o malu, bene o male cuncordadu, ma non burocràticu; no est una limba de plàstica sa chi est impreada. Calaresu, mastra in una universidade de Terramanna, sighit a pistare aba giai pistada e s'imbentat una realidade cumbeniosa a sa tesi sua, ma politicamente no at perunu importu. Nde tenet, a s'incontràriu, s'iscritu de Maninchedda e, prus de totu, s'impinnu chi isse bi ponet in sa cherta de iscritos chi l'acunortent in sa gana chi tenet de ispèrdere sa limba sarda.
Isse non cheret “una lingua di plastica”. E un'àteru istandard diferente dae sa Lsc, una limba comuna chi acumpanget sa Sardigna a s'indipendèntzia? Nde cheret o, comente essit a craru dae sos iscritos suos petzi economitzistas, si portat che a Bismarck cando intendiat s'allega “cultura”? Est possìbile chi eo apa integradu su botu meu a lu pònnere a profetu a unu chi iscriet: “Io voglio un Presidente che abbia le idee chiare su come si aumenta la ricchezza della Sardegna. Ho molte idee in proposito e spero che la competizione presidenziale si svolga su questo tema e non su minchiate di due secoli fa”. Michiate, a su chi paret, che a identidade, limba sarda, cultura natzionale e totu su chi non s'agatat in su supermarket de s'economia.


PS - In su matessi mamentu chi pòngio custu artìculu, essit custu comentàriu in su blog de Roberto Bolognesi:

Nel mentre, sul Blog di Paolo Maninchedda si discute dell’ennesimo attacco alla LSC. In uno degli interventi, quello di Giampaolo Arca, si può leggere la seguente affermazione: “Per finire: l’autrice dell’articolo disse queste cose a Pattada qualche anno fa, in un convegno locale. Potete guardare voi stessi come fu trattata dagli “intellettuali” della LSC: http://www.sotziulimbasarda.net/Telelimba/Pattada/pattadaindex.htm"
Attenzione, la visione dei filmati che seguono potrebbe turbarvi gravemente!

4 commenti:

Gigi Sanna ha detto...

Como, o Zua', cumprendo meda s'attaccu a sa macconatza, sena nudda ischire de epigrafia e de ateru ancora, fintzas a sos documentos de s'iscrittura nuragica. Como cumprendo bene ite cheriat narrere sa paraula 'patacca'. Ma, comente bio, sa 'patacca manna' est isse, s'onorevole'... sardista'(?!?!). Mi siat mi siat!

Anna ha detto...

Opere letterarie scritte in LSC? E chie lu narat? Non basta scrivere un minestrone per dire che è letteratura? Quante copie se ne sono vendute di queste bellissime opere letterarie? Ma ci faccia il piacere!

Efisio ha detto...

Anna sembri un accademico acido di mia conoscenza...Maninchedda mi sembra disperato: il centrodestra perde, lui non è assessore alla cultura come sperava, su Saacthi and Saatchi ha fatto una figuraccia, Soru sta tornando, lui non sarà il candidato Presidente della Regione del Centrodestra e forse mollerà il Psd'az che non lo sostiene abbastanza. Che disastro, rischia perfino di non essere eletto. E allora? Dovrà tornare all'ufficietto di Sassari e deve procurare i soldi per i suoi colleghi, altrimenti non gli ofriranno neppure il caffé. Gli uffici regionali hanno osato dire no all'accademia turritana: e lui decide . Funzionano sempre. Che schifo.


Efisio Loni

Efisio ha detto...

La tesi di Maninchedda e di Calaresu ha dell'incredibile. Sarebbe compito della Lsc semplificare le leggi. Che centra la semplificazione del linguaggio amministrativo con le traduzioni in standard delle leggi? La Lsc nasce per scrivere in sardo alla Regione o sbAGLIO? Le leggi si traducono così come sono altrimenti si fanno traduzioni maccheroniche e poco precise. SE si vogliono leggi più semplici basta scriverle semplici: ma le avete viste le leggi che ha fatto approvare in Consiglio Maninchedda? Contorte come poche.
Quanti gonzi in Sardegna...

Cordialmente

Efisio Loni

Reply