giovedì 2 aprile 2009

Bandiera, stemma e "questioni devianti"

Bustianu Cumpostu est sa prus mente fine de su movimentu indipendentista in Sardigna. E non mi tropedit in s’istima su sentidu de amighèntzia chi nd’apo. Ispantat, pro custu, su papiru chi eris at bogadu pro cuntrastare s’issèberu de sa Regione sarda de torrare a s’istemma suo natzionale. Deo nd’apo un’àtera idea, nd’apo iscritu s’àtera die, e non torro a pistare aba.
No est custu giudìtziu, craru, chi ispantat. In polìtica totu est legitimu pro brigare sos aversàrios e, antis, est de pretziare in bonu s’istima chi Cumpostu tenet pro sa pandela natzionale, segàndela in curtzu cun sos issolòrgios de chie nde diat chèrrere una càmbia. Ma Cumpostu narat àteru chi a mie mi paret a grabu de torrare in palas a sos annos chi totu su chi non punnaiat a crèschere in primis s’economia e su traballu, fiat “deviante”, una cosa chi essiat dae sa norma sotziale ghetada che pregone dae s’una de su Pci, e non sa mègius.
Narat s’amigu Bustianu: “La chiusura delle fabbriche, il Sulcis allo sfascio, la perdita di 1700 cattedre nella scuola, la mancata realizzazione della strada Olbia-Tempio sono inezie rispetto a un altro grave impedimento che turbava il sonno dei sardi, quello dello stemma ufficiale della Regione Sarda”. Proamus a lèghere custas allegas cun pagos càmbios: “La chiusura delle fabbriche, il Sulcis allo sfascio, la perdita di 1700 cattedre nella scuola, la mancata realizzazione della strada Olbia-Tempio sono inezie rispetto a un altro grave impedimento che turbava il sonno dei sardi, quello del bilinguismo” o, finas, “quello della Die de sa Sardigna” o, galu, su de cale si siat cosa punnet a isorvere chistiones non econòmicas.
Cumpostu, e cun isse totu sos chi ant gherradu pro sa limba, amus intesu s’iscomùniga de chie nos incausaiat de pesare chistiones “deviantes”, deviantes dae su Pranu de Renàschida, deviantes dae sa crisi de sa Peltrochìmica de Otzana o de Assèmeni, deviantes dae sa crisi de su pastoriu, deviantes, pro la fàghere curtza, dae una norma giusta chi non fiat ogetiva, ma prus a prestus pregonada dae chie pessaiat de tènnere semper resone.
Si Cumpostu e totu sos àteros nos fiamus rèndidos a custas iscomùnigas, sa pelea pro sa limba sarda fiat meda ma meda peius posta de oe. Custu est ladinu. E tando it’est sa chistione? Chi su guvernu sardu, impreende deghe minutos pro deliberare in contu de istemma natzionale, at dogadu deghe minutos a s’atentu chi pedint sas chistiones econòmicas? Craru chi nono. Craru chi la tenet cun s’issèberu de torrare a sa Regione sarda s’istemma suo de in antis.
Fiat mègius cussu isseberadu dae su guvernu Soru in una delibera de su fevràrgiu 2005? De acordu. B’at petzi una chistione de minutallas chi, però, contat issa puru. Su 25 de ghennàrgiu 2005, su guvernu sardu at aproadu unu disinnu de lege pro fàghere legale su càmbiu. Finas a como, nessi a su che resurtat dae su situ de su Cussìgiu regionale, su disinnu de lege no est istadu bortadu in lege e, duncas, cussa delibera est sena balore. Sunt mègius sos bator moros ma no s’istemma betzu? Eja.
Bastat de torrare a presentare una proposta de lege a su Cussìgiu. Bastante siat craru chi sa Sardigna, che a àteras natziones sena istadu che a Euskadi e che a meda istados che a Itàlia, devet tènnere e siat sa pandela natzionale (cussa detzìdia cun lege in su 1999) e siat un’istemma de sa Regione autònoma. Su chi timo est chi, tando, carchi unu si peset a nàrrere: “La chiusura delle fabbriche, il Sulcis allo sfascio, la perdita di 1700 cattedre nella scuola, la mancata realizzazione della strada Olbia-Tempio sono inezie rispetto a un altro grave impedimento che turba il sonno dei sardi, quello dello stemma ufficiale della Regione Sarda”.

1 commento:

Redazione URN Sardinnya ha detto...

Infatti c'è stato un (volontario?) travisamento di Cumpostu dell'atto di Cappellacci sul gonfalone, ma nonostante ciò, sul nuovo scritto del mese di U Erre Enne l'abbiamo rimodellato tenendo conto della realtà e del vero problema di fondo posto da Cumpostu...La sostituzione del logo riguarda prevalentemente gli atti cartacei ed informatici. Per chi avesse curiosità, questo il testo della delibera: http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_73_20090326101410.pdf W la cosmesi politica!