martedì 15 luglio 2008

Si non proghet in sa mea, nessi non progat in sa de compare

Francu istimadu,
Torro imposta in sardu (a perdonare sos letores istranzos de su blog), a s'artìculu tuo, agabende chi so de lèghere su romàngiu tuo “Arrega pon pon”, iscritu in una variedade campidanesa, e s’istèrrida chi nd’at fatu Antoni Arca in una variedade logurosesa. Galana s’istèrrida, pomposu su romàngiu. Deo non so ne “campidanesu” ne “logudoresu” si non “baroniesu” e mancari gasi apo cumpresu totu, e a tie e a Arca.
Ma tue paras origras surdas e deo ti torro paràulas macas. Ses, Francu istimadu, su paradigma de cudda maladia sarda chi de cando in cando si bi brullat pro la esortzigiare. Cando iscrives: “Tanto vale che gli si risponda in italiano, a queste condizioni”, bastante – est a nàrrere – chi, iscrivende, non s’impreet sa Limba sarda comuna mi pones a pessare a su massàiu de sa paristòria. “Deus meu faghe pròghere in su cungiadu meu. E si pròpiu non podes, chi nessi non progat in su cungiadu de compare”.
Ma custa est una parisòria, una brulla pesada pro critigare una gasta de individualismu foras de tinu. Tue non brullas, timo. La diamus agabare inoghe narende chi sa Lsc no est un’impèriu si no una proposta e chi, duncas, bastat de no l’impreare e totu amigos che a tando, cando sa Lsc non bi fiat. Ma de s’idea mea, chi una limba comuna est pretzisa, est belle su 58 pro chentu de sos sardos (e duncas meda “campidanesos” puru) e de s’idea contraria est su 31,4 pro chentu; nùmeros de sa cherta universitària de ocannu coladu, non meos.
Tue naras chi s’issèberu de sa Lsc no est democràtica. Beru: l’at fatu, s’issèberu, unu grustu de linguìstas, “campidanesos”, “logudoresos”, “nugoresos” e de àteras alas puru, chi torraiant contu a unu seddoresu. Ma tue pessas a beru chi unu protocollu medigu, pro nàrrere, podat èssere “democraticu”, chi su pòpulu, sugetu de soverania, devat essere mutidu a lu botare, custu protocollu? E sa democratzia cal’est? A pigare su 1,56% de allegas aristanesas, su 0,41% de santusparadesu, su 0,46% de otieresu... e a fraigare gasi sa limba sarda comuna?
A beru, amigu istimadu, nemos obrigat a nemos de impreare ne pro iscrìvere ne pro allegare una variedade o un’istandard. S’òbrigu est pro sa Regione chi – a tie ti pesat su risu, a mie no – devet finas gherrare a manera chi su sardu siat limba europea. E custa est una chistione economica manna: su milione e ses de sardos non podent oe tènnere fìgios intèrpetres e tradutores in sardu; sos bator chentos maltesos eja, in sa limba issoro. Est petzi un’assempru. Ma nois, a su nàrrere tuo, pessamus chi siat mègius s’italianu bastante chi non siat una variedade de su sardu, comente est sa Lsc. Si non proghet in su cungiadu meu, a su nessi non progat in su de compare.
Cun istima. E, pro praghere, sighi a iscrìvere in cudda limba tua galana. Deo e meda àteros meilogheses, baronieros, nugoreros, ogiastrinos, monteferrinos... t’amus a lèghere cun praghere mannu

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Franziscu,

no dd’has a crei candu ti nau chi su cumplimentu prus bellu chi m’has fattu est cussu aundi m’assimbillas a su messaiu de cuddu contu: Deus miu, fai proi in su cungiau miu. Ma chi no fait, no fazzasta proi in nisciunu logu.
Ddu sciu chi custu est unu peccau de is sardus, ma deu seu sardu po cussu puru poita, impari cun pagus meritus, m’hapu attuau a coddu totus is contraddizionis nostas, chi funti medas e mannas.
E no ti cretas chi no ddas bia…
Po mimi sa sardidadi est comente su cannonau: ddu sciu ch’imbriagat, ddu sciu ch’est pesanti a digiriri, ddu sciu … , sciu totu, ma est cussu su binu chi mi praxit!
De un’atera parti, a su contrariu, sa sardidadi est po mimi comente unu fillu: no hat a essi artu, no hat a essi brundu, no hat a portai is ogus braxus, no hat a essi continentali meda (comenti naràt un’amigu miu), mancai est cambas trottas e cillus accrobaus, ma … est fillu miu. Est a cussu chi bollu beni. Giustu giustu coment’esti.
Asuba de sa chistioni de sa LSC no ddoi torru, si no bolis.
Lassamì nai chi seu di accordiu cun tui in totus is cosas chi hiat a cumportai su teni una lingua reconnota da sa UE. E un’atera cosa puru: no discutu cun is dottoris candu depint inghizzai una cura, ma si pustis de duus annus su maladiu impeiorat, e ita depu ai? Ddi sigu a giai sempri sa propriu mexina?
Cumenti naràt ziu Lelli: hap’ a essi tontixeddu puru, ma no seu scimpribi!
Seu in pensus, caru Franziscu, de ti nai s’ultima cosa (po hoi, si cumprendit).
Tui has bantau meda Antoni Arca po su chi hat scrittu po mimi: tenis arraxoni; difattis inci boliat unu geniu a chistionai de su chi fazzu deu in cussu modu!
Ma no est custu chi ti boliat nai. Ti scoviu unu secretu: Antoni m’hiat propostu de mi fai pubblicai su libru de un’editori famau (in Sardigna, si cumprendit!), vetti chi dd’hessi scrittu in LSC.
Comenti scis, Antoni est algheresu e a mimi mi scrit in catalanu puru. Ma su chi hat scrittu po mimi est in LSC, mancai a tui siat parta una varianti de logudoresu.
O Franziscu, calincuna cosa hat a bolli nai, o no?

Tenid’ a contu.
Francu

(E si no proit, assumancu chi fazzat arrosu meda! In su cungiau miu, si cumprendit…)

Anonimo ha detto...

Ho letto solo l'intervento, che mi pare dia un'informazione un tantino parziale dei fatti. Non è vero, a quanto so io, che la LSC sia stata selezionata dalla famigerata commissione di linguisti: prima Puddu e poi altri ne hanno preso le distanze, non è difficile scoprirlo. Forse sarebbe più facile contare chi sono i linguisti della commissione che la sostengono.
L'argomento del 58% dei sardi che sarebbero a favore di una varietà comune: questo non vuol dire che sono a favore della LSC. E poi, qualcuno ha provato a chiedergli se sono a favore della LSC oppure, per esempio, di una doppia norma basata sul logudorese e sul campidanese letterari?
Bachisio

zfrantziscu ha detto...

Caro Bachisio,
la "famigerata" commissione è stata sconfessata da Mario Puddu e Giulio Angioni che ne hanno fatto parte e non accettato le decisioni della maggioranza. Che ci sono state e che contano.
La domanda posta dai ricercatori delle università di Cagliari e Sassari riguardava il gradimento "in merito all'introduzione di una forma scritta unica". Unica, non lottizzata.
Una seconda questione si interessava a "quale dovrebbe essere la forma unica": per il 59,5 per cento dovrebbe essere "una delle parlate esistenti" come infatti è.
Come vedi la mia informazione non è "un tantino parziale". Nessuno toglie a te e ad altri di non essere d'accordo con la commissione e con la maggioranza dei sardi intervistati. Ma questo è un altro discorso.

Anonimo ha detto...

Scusami tanto, ma non sono neanche d'accordo che la LSC sia una lingua "naturale": ho letto quello che dice Bolognesi, che dice che lo è per oltre il 90% (mi pare che consideri solo i suoni e le parole). Ma io credo che le lingue o sono naturali o non lo sono: come noi, o siamo vivi o siamo morti. E poi, non mi risulta che abbiano standardizzato la grammatica: come si fa a dire che una lingua è naturale se non se ne conosce ancora bene la grammatica (verbo ecc.)? Non mi sembra una cosa secondaria la grammatica.
Vedi, io penso che con la LSC si faccia una scelta politica, di una parte, che poi si cerca di dimostrare buona anche dal lato scientifico. Si inizia col dire che è solo della Regione, poi pian piano si cerca di imporla: a me sembra di vedere i segnali (ad esempio, critiche a chi celebra messa in sardo logudorese: non è anche quella una scelta per il sardo?).
Nel sito di Maninchedda ho letto un documento di Giulio Paulis, che mi sembra uno studioso più che rispettabile: diceva anche che le ricerche sociolinguistiche non possono essere usate per giustifica a posteriori scelte fatte prima (la ricerca sociolinguistica è stata presentata a Paulilatino nel 2007, la LSC è stata decisa nel 2006). Mi pare che volesse dire: prima dovevate aspettare la fine della ricerca, poi decidere (magari di farne un'altra di ricerca se quella non andava bene).
Come vedi, poi, non mi pare che neppure Paulis sia tanto a favore della LSC. E Lupinu? E Brigaglia? Sono di destra?
Non sarebbe il caso di rallentare un po', fare verifiche, riflettere un po' di più invece di andare avanti cun sos corros? Se si stessero facendo solo danni?
Bachisio

zfrantziscu ha detto...

Caro Bachisio,
Paulis e Lupinu (e anche Mario Puddu - ho sbagliato nella prima risposta) hanno firmato insieme agli altri commissari per la Lsc. Nessuno li obbligava. Altri non l'hanno fatto.
E' un'operazione politica? Certo che lo è. Come lo è stato in Catalogna, in Euskadi, come lo è stato ogni volta che - sia pure per semplificare la scrittura - è intervenuta la politica.
La Lsc "rischia" di uscire fuori dae sa làcana di lingua diplomatica della Regione? Se non vale, se i sardi non vogliono, se avete ragione tu, Anna Oppo, Angioni, che paura c'è? Sarà sepolta nel dimenticatoio.
Questione sinistra-destra. In Catalogna i nemici della unificazione furono i franchisti; in Sardegna i nemici sono a sinistra (non la sinistra). Forse, semplicemente non c'entrano la sinistra, la destra, il su e il giù.
Lo studio di Bolognesi: per ora è l'unico che esiste. Se è sbagliato, ce lo si dimostri; il resto è sensazione.

Anonimo ha detto...

Dove è possibile leggere il documento con le firme dei commissari? Mi pare non esista. Da quel che ho capito è stato lo stesso Soru ad assumersi tutta la responsabilità delle scelte.
La commissione tecnico scientifica ho l'impressione che a volte venga strumentalizzata, ma in realta non è stata la maggioranza di essa a prender effettivamente parte all'elaborazione dello standard. E soprattutto non è stato richesto il consenso della maggioranza per la sua approvazione.
Cordialmnte
matteo

zfrantziscu ha detto...

Per Matteo
Il documento con le firme dei commissari esiste eccome: è del 24 set 2005 con l'aggiunta, il 23 nov della firma di Lupinu. Credo che tu possa chiederlo alla Regione, insieme al decreto 1225 del 23.5.2005 che istituiva la commissione.
Di questa facevano parte dieci persone. Alcune, come Angioni e Oppo (non so se anche Brigaglia) si tiranono fuori e cessarono di farne parte.
I sette rimasti come è scritto nel verbale della riunione sottoscritto anche da Soru giusero "all'unanimità ad una scelta condivisa": la Lsc, appunto.
Come vedi, quello che tu affermi con una certezza degna di miglior causa, è semplicemente non vero, anche se una leggenda metropolitana dà per certo che fu una minoranza ad adottare la Lsc.
La si può combattere con molti mezzi, non con la disinformazione.

Anonimo ha detto...

Ti chiedo la gentilezza di farmi capire e provo a seguirti: non voglio mettere in dubbio quello che dici.
Vuoi dire che a settembre del 2005 (quando i commissari hanno firmato) la LSC era già pronta? Altrimenti cosa hanno firmato? Visto che è stata adottata nell'aprile 2006 mi sarei aspettato che 15 giorni prima la commissione l'avesse terminata (e magari firmata). Ora si viene a sapere che una commissione che ha cominciato a lavorare a maggio del 2005 a settembre aveva già finito, con l'estate in mezzo.
Ti chiedo, visto che sei ben informato: quanti giorni si è riunita questa commissione? A me risulta 4 o 5 volte. Non ti pare che i tempi così stretti mettano sotto una cattiva luce questa standardizzazione fatta di corsa?
O non è che la LSC l'ha scritta qualcun altro?
Ciao, Bachisio

zfrantziscu ha detto...

Caro Bachisio,
ti trascrivo i tempi che mi risultano.
9 maggio 2005 - il governo delibera la costituzione della Commissione che si insedia il 25
24 settembre 2005 - Terminano i lavori della Commissione che ha avuto giusto quattro mesi per produrre "una scelta condivisa", "dopo ampia discussione e costruttivo confronto di opinioni".
Quante volte si sia riunita non lo so. So che avevano a disposizione la proposta di "Limba sarda unificada" della cosiddetta "Commissione Onida", della quale facevano parte alcuni dei commissari della nuova. E sulla LSU ci sono stati anni di dibattiti. Bolognesi, Contini, Corraine, Lupinu, Paulis, M T Pinna Catte e Mario Puddu non sono arrivati in Commissione completamente digiuni della questione.
Se tu devi fare una lezione, poniamo, di storia, la sua qualità non può essere giudicata dal fatto che l'hai preparata in un giorno. O no?

Anonimo ha detto...

Ringrazio Gianfranco per la replica e per le utili informazioni di cui ci ha fatto partecipi. Non è mio interesse fare disinformazione e mi scuso con chi ci ospita se son scivolato in affermazioni poco fondate.
In realtà mi interessa capire.
Provo allora a portare anch'io un contributo al chiarimento. Di recente sono imbattutto nei seguenti interventi di due membri della commissione.

prof. G.Lupinu:

http://www.altravoce.net/2008/05/09/limba.html


e soprattutto prof. M. Puddu:

http://ivomurgia.splinder.com/post/12436804


Vengono rivelati particolari interessanti che insieme a quelli da te forniti ci son d’aiuto per tentare una ricostruzione degli eventi. Provo a fare una sintesi:

Il 9 maggio 2005 la Giunta delibera la costituzione della Commissione composta da 10 membri: Angioni, Bolognesi, Brigaglia, Contini, Corraine, Lupinu,Oppo,Paulis, Pinna Catte, Puddu.

In maggio o giugno del 2005, nella prima riunione della Commissione tutti i componenti della stessa furono richiesti dal Presidente Soru di un parere circa la varietà da selezionare per gli usi della RAS. Le opinioni emerse furono diversificate. La prospettiva di un doppio standard fu esclusa dal Presidente in persona, per ragioni politiche. Decisione quella di un solo standard escusivamente politica dunque. Cose note.

Veniamo quindi ai lavori per l’elaborazione dello standard.

La commissione si riunisce a fine settembre, presso un hotel cagliaritano. Di ciò ricordo diede notizia la stampa. Al termine di questi lavori il 24 set 2005 fu prodotto un documento firmato da 7 commissari sui 10. Mancherebbero le firme di Angioni Oppo e Brigaglia. I sette rimasti, come è scritto nel verbale della riunione sottoscritto anche da Soru, giusero "all'unanimità ad una scelta condivisa”.

Al termine di quei lavori, Soru diede mandato a Corraine di elaborare una bozza di LSC sulla base di ciò che era stato discusso e approvato.

In data 09/12/05 l’Assessore Pilia convocò tramite email la Commissione con o.d.g. «la bozza sulle norme linguistiche di riferimento, elaborata dal Prof. Corraine (che si allega in copia), sulla base di quanto concordato nella riunione del 24 settembre 2005».

10 giorni dopo, Il 19/12/05, la commissione si riunisce per approvare la bozza elaborata da Corraine, o meglio una 2°versione rispetto a quella inviata 10 giorni prima ai membri della commissione. Presenti l’Assessore Pilia, la dott.ssa Scanu, e 5 commissari: Pinna Catte, Oppo, Angioni,Corraine e Puddu.
Puddu a quel punto prese le distanze dai lavori sostenendo che: “In méritu a sa prima versione, chi apo lígiu cun totu s’atentzione e disponibbilidade, potzo nàrrere solu chi custa “bozza” no portat nudha prus de su títulu – «LIMBA SARDA COMUNA» - de su chi totu is Cummissàrios aus aprovau e firmau in Castedhu su 24/09/05, ma traighet su chi de sustantziale e cualificante istabbilit cussu documentu inue narat chi «La Giunta» […]

Dunque mi pare di capire che per Puddu la bozza LSC elaborata da Corraine in qualche misura tradirebbe ciò che era stato deciso e firmato il 24 settembre.

Particolare significativo direi..
A questo punto è importante soprattuto capire se esiste un documento in cui la bozza LSC definitiva risulti approvata dalla maggioranza dei commissari!!!

Personalmente non ne ho idea. Prego dunque chi potesse darci qualche informazione a riguardo di farsi avanti.
Quel che so è che nella delibera di adozione della Limba Sarda Comuna del 18.04.06 non compaiono le firme dei commissari e non si fa riferimento ad alcuna decisione di maggioranza, ma si lascia intendere piuttosto che la commissione ebbe un ruolo di ausilio e consulto in sede di elaborazione tecnica, ma non vincolante.

Dalla delibera:

“La Giunta (…) RIFERISCE che, preso atto del confronto di idee e di proposte dei tecnici e specialisti della Commissione tecnico-scientifica, di cui alla citata Deliberazione del 2005, sono state elaborate delle norme di riferimento.(…)

Riporto anche alcune parole di Soru alla conferenza stampa di presentazione della LSC:

"Come si dice in questi casi, tutte le responsabilità sono nostre, non sono della commissione. E’ un lavoro che è stato ampiamente discusso con la commissione, ci sono state diverse riunioni, ci sono stati anche dei verbali delle commissioni, però ci sono state comunque delle differenze di opinione, molto meno che nel passato; differenze di opinione che comunque dovevano portarci a prendere una decisione.”

In sostanza mi pare che Soru ci tenga a destituire la commissione da qualsiasi responsabilità su scelte che egli non ha alcuna difficoltà a far ricadere in toto sulla politica.
Prendiamone atto. Dovremmo chiederci allora che senso abbia, come lamentava Lupinu, usare sempre la commissione tecnico scentifica a mo di parafulmine.

Ciao,Matteo

zuannefrantziscu ha detto...

Caro Matteo,
la civiltà di questo abbozzo di dibattito fra te, "Bachisio", Pilloni e me, sta a significare che la civiltà è possibile.
Cosa aggiungere, come elemento di discussione, se non che hai visto giusto: la decisione è politica, come ogni scelta deve essere, dopo aver sentito le opinioni. Tutti i governi fanno, o dovrebbero fare, così.
Non so se ricordi, ma la prima commissione per la standardizzazione finì nel nulla degli scontri fra linguisti; quella insediata da Onida produsse una prooposta, la Lsu, che non fu adeguatamente diffusa, così che per anni si dibatté sul sentito dire senza che i sardi potesso giudicare nel merido; questa volta Soru - che in altro non mi piace affatto - ha esercitato il suo ruolo di capo di governo, dopo aver sentito opinioni diverse.
Se un domani ci chiedessero di votare su questa proposta di lingua diplomatica io voteri sì. La prospettiva di una lingua nazionale (sia pure solo diplomatica) farebbe passare in secondo ordine il fatto che considero Soru un avversario politico.