mercoledì 6 febbraio 2008

Pro una universidade sarda in Nùgoro

Su presidente de sa Banca de Roma e in tempos colados de su Cis, Paolo Savona, canteddu brullende e canteddu a sa sèria, at propostu chi si b'at de nche iscantzellare universidades in Sardigna non devet èssere sa de Nùgoro, comente pariat a puntu de capitare. Siant prus a prestus sas de Casteddu e de Tàtari a s'imbèrghere. S'Universidade de Sardigna siat in Nùgoro, at naradu Savona isterrende unu bene de resones.
E si, a s'imbesse de brullare, sa cosa la pigamus a sa sèria, non pro mòrrere sos duos Ateneos mannos, craru, ma pro fàghere a beru de sa de Nùgoro s'Universidade de Sardigna e de su Mediterràneu?
In Nùgoro, pro nàrrere, cuntzentrare sas facultades chi s'interessant a sa linguistica sarda, sas chi istùdiant sas maladias mediterràneas, sas chi s'òcupant de veterinària, masseria e pastoriu...
Pro arresonare de custas chisiones, unas dies faghet, apo abertu un'arresonu in "politica on line" cun su tìtulu S'Universidade sarda in Nùgoro. Finas a oe ant lèghidu sos arresonos prus de 700 pessone e sunt intervènnidos prus de novanta. Unu singiale bonu de s'interessu chi tenet sa chistione de tènnere in Sardigna una univesidade acurtzu a sos sentidos de sos sardos.
Nùgoro, comente Corti in Còrsica, est unu logus de identidade, un'amentu de sa genia nostra gasi comente est Aristanis e s'istòria longa sua de sea de un'istadu indipendente. Beru est chi sos sìmbulos non sunt totu in sa bida de una terra che a sa Sardigna. E però agiudant a tènnere isperu. O no?

1 commento:

Gavinu ha detto...

Carissimo Gianfranco,rispondo qui al tuo post nonostante abbia letto parte dei numerosi commenti che sono piovuti in merito alla questione, annosa più che eccitante a quanto pare, di una prospettiva futura che prenda in seria considerazione un'università a Nuoro. Qualche tempo fa leggevo un articolo sulla Nuova Sardegna che trattava, come ogni tanto si fa, della possibilità di una sede propria dell'Università sita in Nuoro, il che è ben differente dal panorama attuale che prevede solamente sedi gemmate dalle due università che detengono il monopolio nell'isola. Non è per campanilismo che mi piacerebbe pensare ad una sede nel centro della Sardegna, la quale prima delle scissioni in otto province vantava un numero elevato di abitanti e quindi, di possibili, futuri studenti. Le sedi gemmate che non sono altro che dipendenti da Sassari e da Cagliari e che rappresentano dunque un'alternativa piuttosto scarsa per gli studenti che intendono formarsi a Nuoro. Prima di pensare alle case dello studente, agli aeroporti, alle oscure manovre di palazzo pensiamo ad un progetto che si possa realizzare concretamente. Tra le mille discipline studiabili ed approfondibili a Nuoro (e qui parla da aspirante linguista), c'è fior fior di letteratura (abbiamo un premio Nobel su un milione e mezzo di abitanti, mica male!), lingua sarda e delle comunità che si affacciano sul mediterraneo, la veterinaria, le attività legate alle nuove tecnologie per potenziare gli strumenti legati all'agricoltura, alla pastorizia, alla protezione dell'ambiente. Siamo sempre stati abituati a guardare con diffidenza verso l'innovazione e la novità, verso la voglia di fare. Perchè non volgiamo uno sguardo in casa nostra?Perchè non proviamo a fantasticare con la testa sul collo? Certo, è cosa buona e giusta la formazione all'estero o in continente, ma cosa costa organizzarsi per costruire un'alternativa per coloro i quali dopo essersi formati volessero tornare a casa? Cagliari e Sassari, a mio avviso, continuerebbero a registrare matricolazioni, non perderebbero l'utenza che già hanno perchè determinate discipline sono già presenti(vedi ingeneria, scienze politiche, psicologia, lingue ecc.); Nuoro non rappreenterebbe che un'alternativa per tutti coloro che non vogliono scappare alla disperata ricerca di un Eldorado qualunque,e che non intendono considerare l'università come un parcheggio, a hub nel quale aspettare Godot.