venerdì 27 aprile 2012

Su 'carrabusu' de Tharros. Gan Ba'anar figiu de Horus pipieddu naschidu dae su frore 'e su loto (parte II)


Dedicadu a Robe' pro 'Sa die 'e Sa Sardigna'

de Gigi Sanna

Ite nde nant - A pitzos de su carrabusu, agatadu in duna losa de sa tzittade 'e Tharross, ant chistionadu su canonigu  Johanne Ispanu, su cale pro primu (1862) at pubblicadu su documentu iscritu. In fatu de issu  F. Vattioni (1). Z.Garbini (2), Z. Sanna (3) e Aba Losi (4).
A bisu meu, pro s'ermeneutica tenet importantzia su faeddare solu de sas urtimas tre 'essidas, cumintzende de s' interpretatzione epigrafica dada  dae Zuanne Garbini. S'istudiosu nos narat  chi sa duas partes iscritas (recto e verso) de su carrabusu bene andant cun sa cultura 'filistea' giai chì in duna parte, diat a essere in sas palas de su baballotti, s'agatat iscritu su numene de su deus Dagon (5) chi sighit a su nomene de b'al : dgnb'al.
A s'ateru chirru Garbini pensat chi ddu siat una persone sena numene chi ddi nant  bn (figiu de) ma de su cale est istau ismentigau su patronimicu (6) , diat a essere su numene de su babbu su.  Si cumprendet bene meda chi issu pensat chi sos sinnos  fatos in fatu de su bn non podet essere iscritura: est  parte  decorativa ebbia .

S' impressione e sa prima ipotesi nostra  in s' annu 2004 - In s'annu 2004,  faeddende de s'iscrittura nuraghesa e de custu carrabusu de Tharros,  amus naradu in limba italiana... [sighi a lèghere]

8 commenti:

Roberto Bolognesi ha detto...

Tropu onore mi faes a mie ca so un inniorante de cistas cosas. Deus ti ddu paghet!

Antonino Arconte ha detto...

Medas gratzias Gigi po su iskisorgiu chi jiàis a nos cun su triballu mannu cosa tua. Deu m'intendu onorada de essi amiga tua.

Graziella.

Gigi Sanna ha detto...

O Robe' non mi cullonas. Tue si cheres podes! Ca in campu non ddu est solu su sardu de oe. Zeo non ispendo inari po debadas. M'as cumpresu chi non est solu Deus chi depet 'pagare': calicuna 'orta sos omines puru!

Gigi Sanna ha detto...

O Gratzie', s'ischisorgiu esti comenti su giogu de su ping -pong. Tui -deu, deu -tui, tui -deu. Fintzas a candu RA-Soli at a bolli!
De aici est andada in Crabas. Ci ndi fessint meda a giogai a ping -pong: arriendi e gioghendi mancai unu non scit giogai e sa racheta in manu sua esti comenti una folla de figumurisca. Ca una di podit diventai su giocadori prus mannu de totus!

Gigi Sanna ha detto...

Sì, ROM è commovente (ma leggiti la mia metafora sul ping -pong che ho usato per il post di Graziella). Cosa non farei per darle quel necessario che lei sa (e quanto lo sa e quanto lo dice!) essere indispensabile! C'è solo un problema nel tuo tentativo appassionato di 'stroncatura' : che il 'bn' autorizza solo una lettura da sinistra verso destra e non viceversa. Prima viene Iside e poi Horus. Però, se noti, il senso non cambierebbe per nulla.

Gigi Sanna ha detto...

Ho capito (almeno credo). E' un bel rebus questo rebus! Ma, ripeto, ci vogliono altri documenti. Forse molti documenti ancora. Che ci devono essere: io non credo che questo mix egizio -sardo semitico con il sincretismo solare per fini mortuari sia solo di questi due scarabei! Comunque, l'interessante è che questo sincretismo sia stato individuato e non lasci adito a dubbi. Devo postare (ma adesso mi riposo un po') una immagine, egiziana stavolta, sul sincretismo iconografico -religioso sardo nuragico -egiziano. Ma ho l'idea che stavolta siano stati i nuragici a dettare il là di un aspetto religioso egizio di cui non parlano nè le fonti egiziane (da quanto so) nè quelle classiche.
Per chiudere; sai però che di tutta la faccenda m'intriga soprattutto l'aspetto religioso della 'santità' di mn -hpr -ra Tuthmosi III e di B'nrgn (yhwh)? La mia speranza è quella di poter capire di più su questi santi sardi 'giganti' e 'signori giudici'. In questi documenti, quasi sicuramente, c'è il segreto del significato delle statue di Monti Prama. Infatti, la 'religio' è quella dei sigilli di Tzricotu.

Gigi Sanna ha detto...

No, non so nulla.Ma quello che noto è che studiosi i notevole caratura come Garbini non si sentano in dovere di andare a fondo sul dato epigrafico. Sia i pittogrammi sia i segni lineari dello scarabeo potrebbero essere stati trascritti senza accuratezza. La Storia della Stele di Nora ci fa capire quanto nell'Ottocento gli epigrafisti andavano alla 'grossa' ( non che certi del secolo scorso fossero più zelanti!). Questa trascuratezza io proprio non la capisco! Se uno va alla carlona con la scrittura nuragica non ne capisce un tubo!

Gigi Sanna ha detto...

'evidente appartenenza dell'anello tharrense alla classe degli athyrmata'.

Quattro parole e due errori grossolani di interpretazione: 1) Non è un anello 2) Non è un athyrma ( oggetto con decorazione). Gli va bene Ba'al Dagon ma è una ...reminiscenza!
E poi: lo scarabeo non è un sigillo semplicemente perchè le due lettere di 'bn' sarebbero disposte al contrario così come quelle del 'recto' (quale poi delle due parti costituirebbe il sigillo?).
E dove stanno i sigilli scarabei egittizzanti scritti in entrambe le parti? E dove sta documentato in Sardegna o altrove un 'teoforo' con nome B'al Dagon?
Caspita! Tutto sicuro sicuro; nessuna incertezza! Quanto lo invidio!